Scheda Dati di Sicurezza

Description
Stampata il Pagina n.1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione 1.2 Uso della sostanza

Please download to get full document.

View again

of 5
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Poems

Publish on:

Views: 4 | Pages: 5

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Stampata il Pagina n.1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione 1.2 Uso della sostanza / del preparato Descrizione/Utilizzo DETERGENTE DISINFETTANTE LIQUIDO CLOROATTIVO. Presidio Medico Chirurgico. Registrazione n del Ministero della Salute. 1.3 Identificazione della Società Ragione Sociale I.C.F. Srl Indirizzo Via G.B. Benzoni, 50 Località e Stato Mail della persona competente, responsabile delle scheda dati di sicurezza 1.4 Numero telefonico di chiamata urgente Palazzo Pignano (CR) ITALIA tel. 0373/ fax 0373/ Per informazioni urgenti rivolgersi a 0373/ Identificazione dei pericoli 2.1 Classificazione della sostanza o del preparato Il preparato è classificato pericoloso ai sensi delle disposizioni di cui alle direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e successive modifiche ed adeguamenti. Il preparato pertanto richiede una scheda dati di sicurezza conforme alle disposizioni del Regolamento (CE) 1907/2006 e successive modifiche. Eventuali informazioni aggiuntive riguardanti i rischi per la salute e/o l'ambiente sono riportate alle sez. 11 e 12 della presente scheda. Simboli di pericolo: C Frasi R: Identificazione dei pericoli Fare attenzione a non utilizzare il preparato in combinazione con altri prodotti. Possono formarsi gas pericolosi (cloro) dannosi per la salute umana. 3. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Contiene: Denominazione Concentrazione (C) Classificazione IDROSSIDO DI SODIO 2 = C 2,5 C R35 Cas No CE No Stampata il Pagina n.2 / 5 Index No = C 7 R31 Cas No C R34 CE No N R50 Index No Nota B Il testo completo delle frasi di rischio (R) è riportato alla sezione 16 della scheda. 4. Misure di primo soccorso OCCHI: lavare immediatamente e abbondantemente con acqua per almeno 15 minuti. Consultare immediatamente un il medico. PELLE: togliere gli indumenti contaminati e fare la doccia. Chiamare subito il medico. Lavare separatamente gli indumenti contaminati prima di riutilizzarli. INALAZIONE: portare il soggetto all'aria aperta; se la respirazione cessa o è difficoltosa, praticare la respirazione artificiale. Chiamare immediatamente il medico. INGESTIONE: chiamare immediatamente il medico. Non indurre il vomito, né somministrare nulla che non sia espressamente autorizzato dal medico. 5. Misure antincendio Raffreddare i contenitori per evitare la decomposizione del prodotto e lo sviluppo di sostanze potenzialmente pericolose per la salute e la sicurezza. Indossare sempre l'equipaggiamento completo di protezione antincendio. 6. Misure in caso di rilascio accidentale. Arginare le perdite con materiale assorbente inerte (sabbia, terra, ecc.). Neutralizzare e asportare la maggior parte possibile della massa così trattata; lavare via il rimanente con abbondante acqua. 7. Manipolazione e immagazzinamento Assicurare la disponibilità delle attrezzature per il raffreddamento dei recipienti, per evitare i pericoli da sovrapressione e surriscaldamento in caso di incendio nelle vicinanze. 8. Controllo dell esposizione/protezione individuale. 8.1 Valori limite d esposizione Descrizione Tipo Stato TWA/8h STEL/15min mg/m3 ppm mg/m3 ppm IDROSSIDO DI SODIO TLV-ACGIH 2 (C) (C) = CEILING 8.2 Controlli dell'esposizione Contro le proprietà corrosive del prodotto ed in relazione al tipo di lavorazione, è necessario usare mezzi individuali di protezione personale adeguati, come, ad esempio: visiera a pieno facciale e protezione del capo e del collo, guanti e tuta impermeabili e resistenti al prodotto. Non mangiare, bere o fumare durante l'impiego; lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone prima dei pasti e dopo il turno lavorativo; la doccia è vivamente consigliata. Stampata il Pagina n.3 / 5 9. Proprietà fisiche e chimiche Stato fisico LIQUIDO LIMPIDO Colore GIALLO PAGLIERINO ph a 20 C 12,0-13,0 Densità a 20 C g/l Titolo Cloro Attivo 5,67-6,93% (g attivo / 100 g prodotto) 10. Stabilità e reattività Il prodotto è stabile nelle normali condizioni di impiego e di stoccaggio. Per decomposizione termica o in caso di incendio si possono liberare vapori potenzialmente dannosi alla salute. IDROSSIDO DI SODIO (soda caustica): attacca alluminio, stagno, piombo, e zinco e reagisce violentemente con gli acidi. Per ottenere le soluzioni acquose, aggiungere sempre la soda all'acqua e non viceversa. 11. Informazioni tossicologiche Il contatto del prodotto con gli acidi produce gas tossici in quantitativi pericolosi per la salute. Il prodotto è corrosivo e provoca ustioni sullo strato superficiale della pelle, con arrossamento, calore e sensazione di bruciore. Nei casi più gravi si può avere la comparsa di vescicolazioni che causano forte bruciore e dolore. A contatto con gli occhi provoca gravi lesioni e può causare: opacità della cornea, lesione dell'iride, colorazione irreversibile dell'occhio. Gli eventuali vapori sono caustici per l'apparato respiratorio e possono provocare edema polmonare, i cui sintomi diventano manifesti, a volte, solo dopo qualche ora. I sintomi di esposizione possono comprendere sensazione di bruciore, tosse, respirazione asmatica, laringite, respiro corto, cefalea, nausea e vomito. L'ingestione può provocare ustioni alla bocca, alla gola e all'esofago; vomito, diarrea, edema, rigonfiamento della laringe e conseguente soffocamento. Può avvenire anche perforazione del tratto gastrointestinale. IDROSSIDO DI SODIO: oral LD50 (mg/kg) 1350 (RAT) ; dermal LD50 (mg/kg) 1350 (RAT) : oral LD50 (mg/kg) 8200 (RAT) ; dermal LD50 (mg/kg) (RABBIT) LD50/orale/ratto: 2000 mg/kg 12. Informazioni ecologiche Non essendo disponibili dati specifici sul preparato, utilizzare secondo le buone pratiche lavorative, evitando di disperdere il prodotto nell'ambiente. Evitare assolutamente di disperdere il prodotto nel terreno, in fognature o corsi d acqua. Avvisare le autorità competenti se il prodotto ha raggiunto corsi d'acqua o fognature o se ha contaminato il suolo o la vegetazione. Adottare misure per ridurre al minimo gli effetti sulla falda acquifera. EC50 (48h): 0,04 mg/l/48h Daphnia magna IC50 (72h): 46 mg/l/72h Gracilaria tenuistipitata LC50 (96h): 0,059 mg/l/96h Oncorhynchus mykiss Tossicità per le alghe : EC50 (72h) : 100 mg/l Batteriostaticità : 1000 mg/l, (Warburg) COD: 465 mgo2/g LC50 (96h): 100 mg/l Ittiotossicità (Leuciscus idus) Stampata il Pagina n.4 / Considerazioni sullo smaltimento Esaminare la possibilità di bruciare il prodotto in forno inceneritore adatto. In caso di prodotto acido o basico occorre procedere sempre alla neutralizzazione prima di qualsiasi trattamento, compreso quello biologico se praticabile. Se il rifiuto è solido, si può smaltire in discarica secondo le prescrizioni e norme tecniche previste dalle autorizzazioni vigenti. Questo criterio è valido anche per i contenitori vuoti, dopo adeguato lavaggio. Non scaricare mai in fognature o in acque superficiali o sotterranee. 14. Informazioni sul trasporto Il trasporto deve essere effettuato da veicoli autorizzati al trasporto di merce pericolosa secondo le prescrizioni dell'edizione vigente dell'accordo A.D.R. e le disposizioni nazionali applicabili. Il trasporto deve essere effettuato negli imballaggi originali e, comunque, in imballaggi che siano costituiti da materiali inattaccabili dal contenuto e non suscettibili di generare con questo reazioni pericolose. Gli addetti al carico e allo scarico della merce pericolosa devono aver ricevuto un'appropriata formazione sui rischi presentati dal preparato e sulle eventuali procedure da adottare nel caso si verifichino situazioni di emergenza. Trasporto stradale o ferroviario: Classe ADR: 8 Etichetta: 8 Nome tecnico: Gruppo d imballaggio: III Codice di classificazione: C9 Trasporto marittimo: Trasporto aereo: IATA: 8 Label: Informazioni sulla regolamentazione C CORROSIVO R31 R34 R35 S26 S28 S36/37/39 S45 S46 PROVOCA GRAVI USTIONI. IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI, LAVARE IMMEDIATAMENTE E ABBONDANTEMENTE CON ACQUA E CONSULTARE UN MEDICO. IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE LAVARSI IMMEDIATAMENTE ED ABBONDANTEMENTE CON ACQUA E CONSULTARE UN MEDICO. USARE INDUMENTI PROTETTIVI E GUANTI ADATTI E PROTEGGERSI GLI OCCHI/LA FACCIA. IN CASO DI INCIDENTE O DI MALESSERE CONSULTARE IMMEDIATAMENTE IL MEDICO (SE POSSIBILE, MOSTRARGLI L'ETICHETTA). IN CASO D INGESTIONE CONSULTARE IMMEDIATAMENTE IL MEDICO E MOSTRARGLI IL CONTENITORE O L ETICHETTA. Conservare la confezione sotto chiave ben chiusa e in un luogo inaccessibile a bambini. Non ingerire. Stampata il Pagina n.5 / 5 Non miscelare con acidi. Usare indumenti protettivi e guanti adatti e proteggersi gli occhi e la faccia. Conservare il prodotto ben chiuso a temperatura ambiente, lontano da fonti di calore. Attenzione! Prodotto concentrato. Attenersi scrupolosamente alle indicazioni riportate in etichetta. Evitare ogni uso improprio del prodotto. Da non vendersi sfuso. In caso d ingestione consultare immediatamente un medico e mostrargli, se possibile, l etichetta e la scheda di sicurezza. Attenzione! Non utilizzare in combinazione con altri prodotti. Possono formarsi gas pericolosi (cloro). Contiene: IDROSSIDO DI SODIO Etichettatura di pericolo ai sensi delle direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e successive modifiche ed adeguamenti I lavoratori esposti a questo agente chimico non devono essere sottoposti alla sorveglianza sanitaria, a patto che i risultati della valutazione dei rischi dimostrino che vi è solo un rischio moderato per la sicurezza e la salute dei lavoratori e che le misure previste dall'articolo 72-quinquies comma 1 del decreto legislativo n. 25 del 2 febbraio 2002 sono sufficienti a ridurre il rischio. 16. Altre informazioni. Testo delle frasi di rischio (R) citate alla sezione 3 della scheda: R31 R34 R35 R50 PROVOCA GRAVI USTIONI. ALTAMENTE TOSSICO PER GLI ORGANISMI ACQUATICI. BIBLIOGRAFIA GENERALE: 1. Direttiva 1999/45/CE e successive modifiche 2. Direttiva 67/548/CEE e successive modifiche ed adeguamenti (XXIX adeguamento tecnico) 3. Regolamento (CE) 1907/2006 del Parlamento Europeo (REACH) 4. The Merck Index. Ed Handling Chemical Safety 6. Niosh - Registry of Toxic Effects of Chemical Substances 7. INRS - Fiche Toxicologique 8. Patty - Industrial Hygiene and Toxicology 9. N.I. Sax - Dangerous properties of Industrial Materials-7 Ed., 1989 Nota per l utilizzatore: Le informazioni contenute in questa scheda si basano sulle conoscenze disponibili presso di noi alla data dell ultima versione. L utilizzatore deve assicurarsi della idoneità e completezza delle informazioni in relazione allo specifico uso del prodotto. Non si deve interpretare tale documento come garanzia di alcuna proprietà specifica del prodotto. Poichè l'uso del prodotto non cade sotto il nostro diretto controllo, è obbligo dell'utilizzatore osservare sotto la propria responsabilità le leggi e le disposizioni vigenti in materia di igiene e sicurezza. Non si assumono responsabilità per usi impropri. Modifiche rispetto alla revisione precedente Sono state apportate variazioni alle seguenti sezioni: 02 / 03 / 11 / 15
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks