La svolta del Piano del traffico

Description
Periodico di informazione del Comune di Mirandola fondato nel 1877 Numero 11 Giugno Incontri nella sala consigliare del municipio martedì 20, giovedì 22 e lunedì 26 giugno alle

Please download to get full document.

View again

of 32
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Automobiles

Publish on:

Views: 0 | Pages: 32

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Periodico di informazione del Comune di Mirandola fondato nel 1877 Numero 11 Giugno Incontri nella sala consigliare del municipio martedì 20, giovedì 22 e lunedì 26 giugno alle 21 La svolta del Piano del traffico A Mirandola tre nuove assemblee per spiegare la rivoluzione nella viabilità L aggiornamento del Piano generale del traffico urbano spiegato ai cittadini. Si svolgeranno a Mirandola (sala consigliare del municipio, via Giolitti, 22) tre incontri per illustrare come cambierà la viabilità cittadina; un argomento che interessa tutti i mirandolesi, visto che avrà conseguenze pratiche nella vita quotidiana dei cittadini. Gli appuntamenti inizieranno alle ore 21. Il primo incontro è previsto martedì 20 giugno per i residenti del centro storico; il secondo è per giovedì 22 giugno per coloro che abitano nel Quartiere Ovest (via Tagliate, via Toti) e a San Giacomo Roncole; ultimo incontro lunedì 26 giugno per i residenti di viale Gramsci e delle frazioni di Cividale e Mortizzuolo. A pag. 3 Mattarella elogia la ricostruzione «Avanti con centri e monumenti» Lo scorso 29 maggio il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è venuto in Emilia a cinque anni dal sisma. Il filo rosso della visita del capo dello Stato è stata la ricostruzione dei luoghi del sapere e ha toccato Mirandola e Pieve di Cento nel Bolognese, due luoghi fortemente colpiti dalla devastazione del sisma, ma anche simbolo della ricostruzione e della rinascita. Nella stessa giornata era in Emilia anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha vistato la Casa della salute Terre d Acqua Barberini a Crevalcore (Bologna), anch essa ricostruita dopo il terremoto del Alle pagine MAGGIO Un incidente sulla Circonvallazione MIRANDOLESE PRO-MEMORIA FESTIVAL Tra Figure e Destino Organizzato dal Consorzio per il Festival della Memoria di Mirandola, con la collaborazione della casa editrice Einaudi, si svolge quest'anno il Pro- Memoria (www.memoriafestival.it), che da venerdì 9 a domenica 11 giugno (con un anteprima speciale la sera di giovedì 8 e un post-festival lunedì 12 giugno) coinvolgerà il pubblico con incontri, spettacoli, riflessioni e approfondimenti sul tema Figure e Destino. A parlare di questi affascinanti temi arriveranno a Mirandola, San Felice e Medolla (i tre Comuni coinvolti) Marco Belpoliti, Massimo Cacciari, Eva Cantarella, Gioele Dix, Paola Mastrocola, Joseph Rykwert, Silvia Vegetti Finzi e altri ancora. Articolo a pag. 14 Programma alle pagg Il Presidente Mattarella con gli alunni delle elementari. A sinistra, l'arrivo alla scuola insieme al sindaco Benatti e al presidente della Provincia Muzzarelli (foto di Oden Fontana) 2 n giugno 2017 PRESTIA-I MIRANDOLESI «Arriva MiRUNdola la prima color run» Sabato 17 giugno andrà in scena a Mirandola il nuovo progetto denominato Mi- Run-dola - Color Run, organizzato da Fondazione Ant Italia Onlus - delegazione di Mirandola, con il patrocinio del Comune di Mirandola e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola. Si tratta di una corsa non competitiva che si svolge in un contesto ricco di colori, musica, festa e allegria. L obiettivo non è raggiungere la massima performance sportiva, bensì raggiungere il massimo livello di divertimento e benessere. E prevista la creazione di un percorso nel cuore della città di Mirandola, si attraverseranno zone di colore in cui, degli addetti provvederanno a cospargere di polveri colorate, composte al 100 per cento da prodotti naturali, i corridori. Si parte vestiti di bianco, si arriva colorati e felici alla linea d arrivo, prevista allo Stadio Lolli di Mirandola, dove si ballerà e si festeggerà di fronte al palco, nella magica atmosfera del festival finale che ospiterà artisti internazionali, oltre a stand gastronomici e tanto altro ancora. Ripartendo dal principio di sano divertimento, forti dei risultati ottenuti negli eventi precedentemente organizzati, con la collaborazione di Fondazione Ant Italia Onlus - delegazione di Mirandola, l obiettivo è quello di finanziare i progetti di prevenzione oncologica e assistenza domiciliare, che con gli eventi organizzati negli scorsi anni, hanno consentito a tutti i cittadini del territorio di ricevere visite di prevenzione gratuita. Programma manifestazione Apertura villaggio (Check-in) ore 15: via 29 Maggio (di fianco al polo scolastico), a fronte della presentazione del biglietto (acquistabile anche il giorno dell evento) verrà consegnato a ogni partecipante il pacchetto gara (tshirt ufficiale, colore, pettorina, acqua COSTI-PD e gadget), i bambini sotto gli otto anni avranno diritto ad una riduzione del biglietto, pagabile dall accompagnatore presso il check in. Inizio corsa: ore 17, si partirà a gruppi da via 29 Maggio, percorrendo via Nuvolari (zona piscine) dove avverrà il primo lancio di colore, proseguendo per via Barozzi, viale Libertà e successivamente si procederà lungo la Circonvallazione (che per la durata della corsa sarà chiusa al traffico). Un ulteriore lancio di colore avverrà nella zona Giardini per poi finire (circa alle ore 20) allo Stadio Lolli per la grande celebrazione finale. Modalità di partecipazione Prevendite disponibili: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-mi-run-dola-colora-mirandola Punti prevendite cartacee Official ticket point (in ordine alfabetico): Bondeno (Officina Desing), Carpi (Garden Cafè, Radio Bruno), Concordia (Cristal Cafè), Finale Emilia (Bar Fly), Mirandola (Benvenuti, Il Salotto, La Botteghina, Pico Lounge Bar, Coka Club, Donna Più, Little Italy), Modena (Bamboo), Poggio Rusco (Empire, Galleria Cafè), San Felice (Gelateria da Cicci). Info & contatti: Pagina Facebook Mi Run Dola - 348/ / / Il gruppo di giovani volontari Ant, che organizza questa manifestazione, crede nella mission della Fondazione e l evento vuole essere una festa per la città che vede coinvolte tutte le fasce della popolazione di Mirandola e dintorni. Rocco Prestia, Capogruppo Lista civica i Mirandolesi «Ecco perché è importante smaltire correttamente i rifiuti» La raccolta differenziata è il mezzo per smaltire correttamente i nostri rifiuti, consentendo il riciclo dei materiali ed è un dovere civico che abbiamo come cittadini e ringrazio chi già si applica nel farla, visto che a Mirandola la percentuale è di circa il 57 per cento. Provo a spiegare perché è così importante. La raccolta differenziata offre una validissima alternativa al classico smaltimento dei rifiuti in discarica e grazie al riciclo dei materiali è possibile ridurre le emissioni di gas a effetto serra, effettuare un impiego più efficiente delle materie prime e delle risorse, intese come energia e acqua. Di conseguenza, i benefici legati alla raccolta sono molteplici: ambientali, per la comunità, economici, per la salute. Grazie alla differenziata, i rifiuti che separiamo vengono riciclati e diventano altri prodotti, limitando l utilizzo di materie prime. Ad esempio, con 30 flaconi di plastica è possibile realizzare la seduta di una sedia; per ogni bottiglia di vetro recuperata, se ne ricava una nuova; il 90 per cento delle scatole di cartone vengono recuperate. Grazie alla differenziata, possiamo provare a garantire un futuro migliore alle prossime generazioni nel rispetto dell ambiente, evitando di sprecare preziose risorse. Grazie alla differenziata, il beneficio economico è alto: creazione di nuovi posti di lavoro, apertura di nuovi stabilimenti e movimenti di capitali non trascurabili. Dei numeri: il riciclaggio della plastica in Italia muove un business di 700 milioni di euro, con due mila addetti ai lavori e oltre 300 imprese coinvolte. Grazie alla differenziata il beneficio ambientale è immenso, basti pensare che l alternativa è costituita dalle classiche discariche con stoccaggio dei rifiuti (a volte a cielo aperto o con stoccaggio incontrollato) oppure dagli inceneritori. È bene ricordare che la discarica non è un pozzo senza fondo : dopo alcuni anni si trasformerà in una collina di veleni, che senza controlli e costose precauzioni, sarà pronta a inquinare il terreno e le falde acquifere. Mentre gli inceneritori bruciano i rifiuti ed emettono nell'aria fumi che concorrono all effetto serra e che, a torto o ragione, nessuno vuole vicino a casa. Per tutti questi motivi, l Amministrazione comunale di Mirandola ha predisposto un servizio di raccolta porta a porta e ha attuato e attuerà, campagne di sensibilizzazione affinché i cittadini possano collaborare, parola magica, separando i rifiuti domestici e conferendoli nei contenitori appositi così da rendere ciò che abbiamo intorno un luogo migliore. Mirandola non è grande e c è molto da fare a livello globale ma nel nostro piccolo possiamo e dobbiamo contribuire! Eleonora Costi Consigliere Pd MIRANDOLA Nella nuova carta d'identità sì o no alla donazione organi Contemporaneamente all inizio dell emissione della carta d identità elettronica (cie, si veda il numero 10 di maggio dell Indicatore), prenderà il via anche a Mirandola il progetto Una scelta in Comune, che prevede la possibilità per il cittadino di manifestare il proprio consenso o diniego alla donazione degli organi e dei tessuti all atto della richiesta di una nuova carta di identità. Di che cosa si tratta Il progetto Una scelta in Comune nasce su sollecitazione del Ministero della Salute ed è supportato dall Anci, l Associazione nazionale Comuni italiani, che esprime con queste parole l importanza di tale iniziativa: «La donazione degli organi e tessuti rappresenta un atto di grande solidarietà verso il prossimo, un segno di civiltà, di rispetto per la vita e di maturazione culturale di un Paese, nonché costituisce un efficace terapia per alcune gravi malattie e l unica soluzione per patologie non altrimenti curabili». Si tratta di una nuova possibilità offerta al cittadino attraverso l Ufficio anagrafe comunale, che non è però l unica per potersi esprimere relativamente al tema della donazione di organi e tessuti. Esistono infatti altre modalità per farlo, che resteranno valide anche con l avvio del progetto Una scelta in Comune : ovvero modulo da compilare presso la Ausl di appartenenza; iscrizione dell Aido (Associazione italiana donatori di organi, tessuti e cellule); tesserino blu consegnato dal Ministero della Salute oppure le tessere distribuite dalle associazioni di settore. In questo caso vanno sempre portate con sé. È inoltre possibile scrivere su un foglio libero la propria volontà, ricordandosi di inserire i dati anagrafici, la data e la firma. Questo foglio va custodito Periodico del Comune di Mirandola fondato nel Autoriz. del Tribunale di Modena n del Tiratura: copie - Distribuzione gratuita Dir. responsabile: Fabio Montella. - Capo redattore: Luca Marchesi Grafica: Ufficio Stampa Comune di Mirandola. Stampa: F.D.A. Eurostampa S.r.l. - Borgosatollo (Bs) - tel. 030/ Pubblicità: Gruppo RPM Media S.r.l. - v. Agnini 47 - Mirandola (Mo) pubblicità tel , fax: 0535/609721, Le lettere al giornale (con firma verificabile) vanno indirizzate a L Indicatore Mirandolese, via Giolitti, 22 Mirandola tel. 0535/29525, fax 0535/ Chiuso in redazione il 3 giugno Prossimo numero il 22 giugno 2017 «La speranza è l'ultima a morire: Si può far rivivere il centro?» Ci sono temi che vengono regolarmente riproposti nei Consigli comunali: la sanità, la viabilità, Aimag, il consumo del territorio. Nell ultimo Consiglio comunale si è parlato di ricostruzione e di centro storico. Riportare Mirandola al suo naturale splendore di feudo medioevale è possibile? Nelle varie manifestazioni post sisma si parlò di ricostruzione dov era, com era, esperti di fama nazionale esprimevano il concetto di ridare vita al centro storico riportandolo alla naturale bellezza e unicità. Molti danni erano già stati compiuti prima del 2012 da scelte scellerate perpetrate dalle varie Amministrazioni, che hanno causato danni irreparabili, un esempio è l'abbattimento delle mura medioevali. Il sisma ha accelerato la morte del centro. L esigenza momentanea di fuga dal centro storico per ovviare ai danni e garantire la sicurezza, si è trasformata nel consolidamento di una situazione già grave di svuotamento a favore della periferia. La delocalizzazione e la lentezza della ricostruzione hanno TINCHELLI E CAVAZZA- M5S portato a una situazione di definitivo svuotamento che è visibile sotto gli occhi di tutti. Basta recarsi in piazza verso le per accorgersi della desolazione. Le poche attività, che sono rimaste o che sono tornate, non sono sufficienti a ovviare alla sensazione di vuoto. La recente sostituzione dell illuminazione non ha comportato un miglioramento, ma anzi ha acutizzato la visione del vuoto. Passeggiare per il centro diventa desolante, la luce bianca illumina il listone, ma i lati restano bui, perché molte vetrine sono ancora vuote. Tutto perduto? Secondo noi no. In questi giorni del ricordo del 20 e 29 maggio 2012 vorremmo dare un messaggio di speranza concreta e fattibile. Nell'ultimo Consiglio comunale si è parlato del progetto dell'ostello mirandolese nel palazzo sede del convento dei frati francescani. L'area in questione potrebbe essere il punto di partenza e riqualificazione del centro storico. Esiste un progetto ambizioso della nuova biblioteca nel palazzo ex sede del liceo classico. Ecco tra i documenti personali (testamento olografo, ma è anche possibile inserire la propria volontà di donazione in un testamento depositato presso un notaio, o avvalersi di quanto previsto dal Registro dei testamenti biologici approvato dal Consiglio comunale nel 2015, per informazioni si veda il sito del Comune di Mirandola, mo.it, alla voce Registro dei testamenti biologici o dichiarazione anticipata di trattamento ). Come funziona Nel momento in cui il cittadino maggiorenne si presenterà all anagrafe per richiedere una nuova carta di identità, potrà manifestare il proprio consenso o diniego alla donazione di organi e tessuti, sottoscrivendo la relativa dichiarazione espressa nel modulo fornito dall operatore dell anagrafe. Il dato verrà poi trasmesso attraverso un collegamento diretto al Sit, il Sistema informativo dei trapianti, la banca dati nazionale che viene consultata da tutti i Centri di trapianto. È importante sottolineare che si tratta di una possibilità che viene offerta al cittadino, non di un obbligo. Maggiori informazioni riguardo il trapianto di organi e tessuti in Italia e il rapporto tra il Sistema informativo trapianti, il Ministero della Salute e le strutture ospedaliere saranno disponibili presso la sede del Comune, in via Giolitti, 22 e sul sito web del Ministero della Salute: Sarà possibile effettuare la dichiarazione di consenso o diniego alla donazione degli organi, sia richiedendo il rilascio della Carta d identità elettronica, sia di quella cartacea. Al riguardo si rammenta che: il costo per quella cartacea è di 5,42 euro, mentre quella elettronica costa 22,21 euro; la carta d identità cartacea viene rilasciata al momento della richiesta, mentre quella elettronica viene inviata al cittadino dal Poligrafico dello Stato tramite il servizio postale con raccomandata con ricevuta di ritorno, entro sei giorni dalla richiesta; una volta che avrà inizio il rilascio della carta d identità elettronica, quella cartacea potrà essere richiesta solo per motivi di urgenza che giustifichino l impossibilità, da parte del richiedente, di attendere i tempi di consegna descritti al punto precedente. Tribuna I lavori del Consiglio comunale di Mirandola nell'opinione dei capigruppo che allora la nostra proposta sarebbe quella di far tornare il liceo nel centro, sfruttando i locali dell'ex biblioteca in via Francesco Montanari. Questo si che sarebbe un recupero storico culturale che darebbe un po di vita al centro storico. Questa via proprio per motivi storici (la vecchia Francia Corta) è rimasta in gran parte come cinque anni fa, per cui tutto è possibile nella fase della ricostruzione. Crediamo che per avere la possibilità di far rinascere il centro sia fondamentale interpellare tutti noi che amiamo Mirandola. Voi cosa fareste? Quali soluzioni avete per ridare vigore alla signora ferita, ma non ancora morta? Potete scriverci alla o chiamarci, o lasciarci un biglietto in municipio. Raccoglieremo le vostre idee e le porteremo in Consiglio. Mirandola è di chi la ama e deve tornare a splendere, ma per farlo ha bisogno delle vostre idee. Ricordiamo che tutti i giovedì mattina dalle ore alle ore potete trovarci in municipio nella saletta capigruppo di fianco alla portineria. movimento5stelle. blog: www. mirandola5stelle.it, telefono cellulare: 345/ Nunzio Tinchelli Giorgio Cavazza Movimento 5 Stelle CONVEGNO ATC MO 1 La gestione del territorio La gestione del territorio e della fauna incontrano il prelievo sostenibile è il titolo del convegno organizzato dall Atc Mo 1 Bassa pianura, che si svolgerà lunedì 26 giugno a Mirandola presso Villa Tagliata di via Dorando Pietri, dalle 9, con al centro il tema della salvaguardia della fauna nella Bassa modenese e la presentazione di progetti per la cura del patrimonio naturalistico della zona. L iniziativa sarà aperta dai saluti del presidente Atc Mo1 Stefano Gasperi e del sindaco di Mirandola Maino Benatti e proseguirà alle 10 con la presentazione del Piano faunistico regionale, a cura di Maria Luisa Zanni del Servizio di attività faunistica, venatoria, pesca della Regione Emilia Romagna e responsabile della pianificazione e osservazione per la gestione della fauna selvatica e, alle 10.30, del Nuovo piano faunistico venatorio regionale, presentato dal biologo e tecnico faunistico dello Studio Geco Riccardo Fontana. La mattinata proseguirà con Luigi Sala (di Legambiente Modena e consigliere e responsabile della Commissione Ambiente Atc Mo1) che esporrà gli interventi e i progetti dell Atc Mo 1 per la riqualificazione naturalistica del territorio. Seguirà la dirigente dell Agenzia regionale per la sicurezza del territorio e la Protezione civile Rita Nicolini, che parlerà dell importanza della collaborazione tra Protezione civile e Atc per il monitoraggio del territorio e la prevenzione dei rischi idrogeologici. Seguiranno, dalle 12, gli interventi di Luca Gozzoli (capo di Gabinetto della Presidenza della Provincia di Modena), Gian Luca Dall Olio (presidente nazionale Federcaccia), Sergio Sorrentino (presidente nazionale Arcicaccia), Silvano Toso (vicepresidente nazionale e presidente regionale Emilia Romagna Eps) e Antonio Morabito (Legambiente, responsabile nazionale fauna e benessere animale), non ancora confermate, invece, al momento di andare in stampa le partecipazioni dell assessore all Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Emilia Romagna Simona Caselli e di Lamberto Cardia, presidente nazionale Federcaccia. Al termine ci sarà il discorso del ministro dell Ambiente Gian Luca Galletti. Info: 0535/49185; Riccardo Platone n giugno MIRANDOLA Tra gli obiettivi, aumentare la sicurezza e ridurre l'inquinamento Si aggiorna il Piano del traffico Il documento è consultabile all'albo Pretorio Online e sul sito del Comune L aggiornamento del Piano è stato adottato dal Comune di Mirandola ed è depositato presso la Segreteria del Comune fino al 3 luglio È possibile presentare osservazioni e proposte, fornendo anche nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi, sui contenuti del Piano, entro le ore 12 del 3 luglio 2017, anche se l Amministrazione si riserva di prendere in considerazione anche quelle arrivate dopo tale data, non oltre però il 31 luglio. Il documento, che può anche essere consultato all Albo Pretorio Online e sul sito istituzionale del Comune (www. comune.mirandola.mo.it), è inserito nella nuova pianificazione urbanistica (Psc) ed è frutto di una lunga fase di studio. Si pone diversi obiettivi fondamentali: aumentare la sicurezza e ridurre l incidentalità, migliorare la circolazione, promuovere la mobilità dolce, ridurre l inquinamento, contribuire al risparmio energetico, qua- MIRANDOLA I nove incroci più pericolosi lificare gli spazi della città. Le priorità del Piano
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks