Il seicento nasce l arte Barocca

Description
I luoghi del 600 Scozia Norvegia Svezia Impero Russo Regno d Irlanda Danimarca Portogallo Regno d Inghilterra Provincie Unite Francia Spagna Austria Svizzera Granducato di Toscana Stato della Chiesa Napoli

Please download to get full document.

View again

of 5
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Data & Analytics

Publish on:

Views: 0 | Pages: 5

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
I luoghi del 600 Scozia Norvegia Svezia Impero Russo Regno d Irlanda Danimarca Portogallo Regno d Inghilterra Provincie Unite Francia Spagna Austria Svizzera Granducato di Toscana Stato della Chiesa Napoli Polonia Impero Ottomano Il seicento nasce l arte Barocca Il 600 è un secolo di grandi contraddizioni sociali ma di grandi trasformazioni sociali in ambito scientifico,religioso e culturale. Galileo e Newton danno inizio ad un nuovo metodo di analisi scientifica (sperimentale) basato su un processo logico e su cui si controlla ogni fase. I fenomeni reali si indagano con l uso della matematica. Con loro anche Pascal, Torricelli, Leibniz. Nel 1633 Processo a Galileo Galilei. Si consolida in Europa lo stato nazionale, gli stati si organizzano in modo centralizzato. L uomo europeo amplia il proprio orizzonte geografico, esplorazione di terre sconosciute dopo la scoperta del nuovo mondo. In ambito religioso la Chiesa cattolica, dopo il Concilio di Trento, elabora una strategia di difesa contro i princìpi della Riforma Protestante. Con la Controriforma, le arti visive diventano strumento per affermare la centralità della Chiesa romana e mezzo privilegiato di insegnamento e di educazione al popolo dei fedeli : Guerra dei Trent anni, sono coinvolte numerose nazioni europee 1650 circa; i Papi promuovono l urbanistica alla città di Roma in Francia sale Luigi XIV, il Re Sole, a Versailles nasce la vita di corte 1682 Newton scopre la legge della gravitazione universale in Inghilterra : dichiarazione dei diritti 1693 un terremoto distrugge la Sicilia orientale, inizia la stagione del Barocco siciliano. L Architettura Si realizzano nuove chiese, la loro pianta è basata spesso su ellissi o sul coordinamento di più figure geometriche. Gli aristocratici costruiscono fastosi palazzi in città e ville in campagna dove avevano fondi agricoli. Le città si abbelliscono di piazze,via larghe e diritte, fontane con gruppi scultorei e giochi d acqua. Si abbandona la misura classica del Rinascimento Le costruzioni ricche di movimento: linee e superfici curve. Nelle città piazze e strade ampie e scenografiche, creano sequenze di spazi contigui. Lo spazio pubblico si arricchisce di splendidi palazzi. Le chiese; facciate e interni hanno profili mistilinei con uso frequente della linea curva, elemento che forza lo spazio comprimendolo o allargandolo. Si esaspera l uso della prospettiva. Usano impressioni ottiche con effetti profondità nel desiderio di ricercare l infinito. Si usano materiali pregiati come marmi policromi, bronzo, stucchi. L arredo quindi i mobili curati e decorati, ricche le scenografie per spettacoli teatrali. I generi artistici si fondono insieme; la architettura diventa scultura, la scultura ha tonalità che l avvicinano alla pittura. La figura dell ellisse trionfa perché avendo due centri ci obbliga l occhio a spostarsi continuamente. Lo spazio è studiato in funzione della penetrazione della luce all interno della costruzione. In Italia: Torino, Palermo ma soprattutto Roma. La Pittura una versione originale ci viene data da Lecce (Puglia) e Noto e Catania (Sicilia) Nascono dei generi pittorici; la natura morta, il ritratto e i soggetti mitologici.assume grande importanza la pala d altare per aiutare a diffondere le immagini sacre, sulle volte delle chiese e dei palazzi si realizzano grandi affreschi di tema sacro o mitologico. Le figure si dilatano in molteplici direzioni, la luce da vita alle scene. Talvolta è laterale e radente, si creano così ombre nette e improvvisi bagliori, vivifica i colori ed esalta i movimenti e le espressioni dei visi. E il tempo del realismo, i pittori descrivono con nitidezza la realtà, dando un aspetto quotidiano anche a scene sacre. Si vuole stupire l osservatore coinvolgendolo con la luce e gli scorci. Si afferma la pittura da cavalletto sia l affresco e le grandi tele di grandi dimensioni. In Europa aumenta la circolazione di stampe realizzate con la tecnica dell incisione. Velasquez las Meninas- 1656,olio su tela, 318x276 Rembrandt la ronda di notte olio su tela, misure 359x435 Genere: ritratto collettivo. La scena è dinamica e molto realistica Autoritratto dell artista Riflesso dei regnanti nello specchio Maresciallo di palazzo L infanta Margherita la sua corte che la invitano ad uscire Membri della corte reale di Spagna,che assistono al ritratto dei reali ;il re Filippo IV e la regina (che restano fuori dalla scena) Figure disposte in gruppi Luce da sinistra Capitano della guardi civile Cocq Nasce a Napoli nel 1598 ma si formò artisticamente a Roma dove muore nel Egli incarna la cultura a tutto campo del arte barocca. Oltre ad essere pittore, scultore, architetto, scenografo è anche scrittore di commedie. Il suo stile equilibrato è stato definito barocco classico. Grazie alla sua cultura e al suo talento, promuove la teoria del bel composto : tutte le arti, nella stessa misura, devono concorrere al compimento di un opera. Francesco Borromini Francesco Castelli più conosciuto come Borromini, nacque a Bissone, Canton Ticinonel 1599, morì a Roma nel 1667). Scalpellino presso la Fabbrica del Duomo di Milano, si trasferì in seguito a Roma, dove partecipò alla Fabbrica di S. Pietro fin dal 1619, guidata all'epoca da Carlo Maderno. Nel 1629 dopo la morte del Maderno, lavorò alle dipendenze di Gianlorenzo Bernini, allora architetto di San Pietro e di Palazzo Barberini.. Collaborò con Bernini alla costruzione del Baldacchino di San Pietro (che tuttavia è noto solo come baldacchino del Bernini ). I contrasti con Bernini portarono presto Borromini a cercare una propria autonomia lavorativa. Il Borromini seguì i lavori di varie chiese e palazzi di Roma tra cui: Chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane detta il San Carlino ( ); L'oratorio di San Filippo Neri ( ) La Chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza ( ) San Giovanni Laterano (trasformazione ) Sant'Agnese in Agone a Piazza Navona (prosecuzione dei lavori ). Palazzo Spada e Palazzo Falconieri (ammodernamento, 1635 ca.) Nel 1657 Innocenzo X decise di esonerare l'architetto dai suoi incarichi per i dissapori nati per la costruzione della chiesa di Sant'Agnese in piazza Navona. Da questo momento, cominciarono anni di crisi che lo portarono al suicidio nel 1667 )
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks