Il Guercino su Sky Arte

Description
Ztl, niente multe e niente permessi ai residenti Giornata Nazionale dei Poveri, Caritas in campo Sicurezza cercasi. Emergenza ad Aversa N. 17 ANNO XX 12 NOVEMBRE 2017 PERIODICO DI CULTURA VARIA DISTRIBUZIONE

Please download to get full document.

View again

of 64
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Data & Analytics

Publish on:

Views: 0 | Pages: 64

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Ztl, niente multe e niente permessi ai residenti Giornata Nazionale dei Poveri, Caritas in campo Sicurezza cercasi. Emergenza ad Aversa N. 17 ANNO XX 12 NOVEMBRE 2017 PERIODICO DI CULTURA VARIA DISTRIBUZIONE GRATUITA : ventesimo anno di pubblicazione Di Santis: Madre Teresa mi ha sconvolto Pozzi, chiudiamo l accesso ai vandali Salviamo il trittico della Maddalena Girato un documentario nella chiesa di S. Francesco Il Guercino su Sky Arte 2 SOMMARIO PRIMO PIANO Senzatetto di via Da Paola, la punta di un iceberg POLITICA Quello verificatosi a Caserta è immorale AVERSA Ad Aversa è emergenza. Si chiede sicurezza L ALLARME I pini del Primo Circolo fanno paura e...da tempo SCUOLA La Fedeli si supera, sì ai cellulari in classe SPORT Arrivano i Lupi di Santa Croce Firenze LO SPETTACOLO Fausto e Bianca hanno fatto un bel lavoro L Editoriale Città bagnata, città sfortunata? di Giuseppe Lettieri E la pioggia colpisce ancora! Il maltempo di domenica scorsa ha provocato nuovi danni. Non è stato violento come quello avvenuto due mesi fa, a settembre, ma si sono registrate le solite emergenze, soprattutto in alcune zone molto a rischio, come via Santa Lucia, via Diaz in confluenza con piazza Vittorio Emanuele, piazza Crispi (fuori Sant Anna). Certo, ad onore di verità va detto che il clima è cambiato e che ora ci sono dei momenti in cui in pochi minuti cade l acqua che in tempi passati cadeva in due o più giorni, ma nel contempo va pure detto che occorrerebbe un serio piano sul dissesto idrogeologico con delle opere strutturali che mettano in sicurezza le zone citate. Del resto via Santa Lucia è conosciuta da secoli come N copp a catena ed un motivo ci sarà se l area ha questo appellativo storico. Infatti, nella zona gli allagamenti avvenivano già nei secoli scorsi, in modo molto frequente durante i mesi di pioggia, e per transitare esisteva una sorta di piattaforma tirata da una catena, che permetteva il passaggio di persone e animali quando la strada era allagata. Ovviamente bisogna anche fare prevenzione tenendo sempre pulite e sgombre le caditoie che portano al collettore fognario, e ciò non sempre avviene. Ma ciò non sempre basta e, quindi, ci vorrebbero delle opere che vadano a dare una soluzione concreta e possibilmente definitiva alla problematica. Buone notizie arrivano invece dal nostro Guercino. Il quadro ritrovato lo scorso anno continua a far parlare di sé e a porre Aversa all attenzione mediatica. La scorsa settimana nella chiesa di San Francesco delle Monache è arrivata, accolta dal sindaco Enrico De Cristofaro e dall assessore alla Cultura Alfonso Oliva una troupe televisiva di SKY Arte, presente anche Massimo Pulini lo storico dell arte che ha ritrovato il dipinto della Assunta di Giovanni Francesco Barbieri, detto appunto il Guercino. L anno prossimo quindi SKY proporrà un vero e proprio docufilm sul Guercino e sul dipinto aversano. Ed è proprio di Cultura e Sviluppo per Aversa che il giorno 23 novembre al Seminario Vescovile si parlerà nel convegno organizzato dal Rotary aversano, in cui sarà presente il direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori. Un appuntamento da non perdere. Buona domenica nerosubiancoaversa.com Nero su Bianco 3 PERIODICO DI CULTURA VARIA DELL AGRO AVERSANO A DISTRIBUZIONE GRATUITA Anno XX n Novembre 2017 Direttore Responsabile Giuseppe Lettieri Direttore Editoriale Nicola De Chiara Consulente di Redazione Giuseppe Cristiano Coordinamento Editoriale Vito Faenza Segreteria di Redazione Raffaele De Chiara Garante dei Lettori Franco Terracciano Editore Associazione Dimensione Cultura Piazza Municipio, 22 Aversa Periodico registrato presso il Tribunale di S. Maria C.V. al n. 514 del Redazione Via Michelangelo, Aversa (Ce) Tel Stampa Tuccillo Arti Grafiche srl Afragola (Na) Inaugurato meno di un anno e mezzo fa è già regno di incuria e abbandono PRIMO PIANO Parco Pozzi, chiudiamo l accesso ai vandali Il post di Mezzacapo che ha richiamato al rispetto delle regole due giovani che si sono dichiarati amore imbrattando di vernice verde il nuovo percorso pedonale w Nicola De Chiara 4 Giulia e Fabio avete scelto di dichiarare Carissimi la vostra unione in modo indegno e indelebile, imbrattando con vernice verde il nuovo percorso pedonale. Il vs sarà un amore di breve durata. Vi mancano le cose essenziali della vita... il rispetto per la natura, per l ambiente e il rispetto delle regole. Lo ha scritto domenica scorsa sulla sua pagina facebook il tenente dei Vigili Urbani di Aversa Ertilio Mezzacapo, sensibile e particolarmente attento alle condizioni del Parco Pozzi di Aversa. E un post che ci ha colpito tra le tante segnalazioni social con cui Mezzacapo da tempo denuncia il degrado in cui è sprofondato il rinnovato grande polmone verde cittadino. Inaugurato il 7 luglio del 2016, meno di un anno e mezzo fa, ma sembra siano già trascorsi anni ed anni, tale è lo stato di abbandono e di incuria in cui La scritta con la vernice nel parco Pozzi di Aversa versa. E stavolta la responsabilità senza alcun ombra di dubbio la vogliamo interamente addossare ai cittadini incivili che meglio sarebbe chiamare vandali. E vero che il Parco Pozzi ha bisogno di un controllo continuo ma è pure vero che chi lo frequnta dovrebbe avere la decenza di rispettare un bene comune che va salvaguardato a tutti i costi. Ad appena due mesi dall apertura denunciammo l erba alta che già la I senzatetto di via San Francesco Da Paola Quella a corredo di quest articolo è solo una delle tante immagini pubblicate da larampa.it per denunciare la vergogna di via S. Francesco Di Paola ad Aversa. Alcuni barboni vivono in condizioni disumane. I rifiuti e gli escrementi sono i compagni quotidiani dei loro giacigli. Una situazione diventata nel tempo estrema anche per i residenti del condominio tale è il fetore che sentono assieme ai tanti aversani che ogni giorno passano per la strada. Ma quella di via S. Francesco Di Paola è solo la punta di un iceberg. I senzatetto che di notte trovano rifugi di fortuna tra le strade e i palazzi di Aversa si moltiplicano ogni giorno di più e possono trovarsi ovunque non solo in quei luoghi, come la stazione, dove eravamo abituati a vederli e ad incontrarli. La povertà cresce tra la popolazione, anche se c è da dire che i senzatetto sono nella stragrande maggioranza dei casi rappresentati da stranieri. Il 19 novembre, in occasione della Giornata Nazionale dei Poveri, si avrà modo di affrontare, a cura della Caritas e di altre realta associative di beneficenza, la problematica che le autorità non possono più trascurare. PRIMO PIANO Gli Amici del Parco Pozzi, che tanto hanno combattuto per la sua apertura dove sono? E gli Amministratori? Chi dovrà fermare questi balordi? 5 Un immagine del degrado faceva da padrone con rifiuti sparsi un po dovunque. Da allora la situazione è andata progressivamente peggiorando. Il Parco Pozzi è oggi pieno di rifiuti, ha subito danni considerevoli nei viali e sui marciapiedi, le aiuole non si possono più considerare tali. I cani scorazzano dovunque, senza museruola e mettendo a rischio l incolumità fisica di chi frequenta il Parco specialmente per fare jogging. Il Comune ha pagato fior di euro per un area dedicata agli animali, ma evidentemente si è sbagliato perché chi andrebbe messo in un recinto sono i proprietari irresponsabili dei cani. Gli Amici del Parco Pozzi, che tanto combattuto per la sua apertura dove sono? E gli Amministratori dove sono? Chi dovrà fermare questi balordi prima che sia troppo tardi? Semplicemente tutti noi, usando il cellulare quando serve fotografando e segnalando i trasgressori a chi di dovere. LA LETTERA Molto dura la lettera-denuncia. Ad Aversa premiati ancora una volta i familiari di... Servizio civile, lo sdegno di una partecipante E giusto premiare chi ha le conoscenze ma devono essere quelle del sapere, della competenza e della voglia di fare 6 Egregio Direttore, sono una cittadina aversana in età ancora di studio (frequento la facoltà di Lettere e Filosofia), costretta a subire continue e deprecabili mortificazioni sia come studentessa sia come persona. Negli ultimi anni ho sempre presentato la domanda per partecipare alla selezione di volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Nazionale indetta dal comune di Aversa. La selezione è effettuata dal Comune di A versa. Possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso, che alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età, in possesso di requisiti culturali e morali. Un giovane, quando legge questi avvisi e/o bandi selettivi, è speranzoso e ripone un timido pensiero di potercela fare, supportato dal fatto che, oltre a possedere i titoli richiesti e una buona cultura scolastica, molte volte anche universitaria, è animato dalla pervicacia di tentare la prova per molte volte nella speranza, appunto, che alla fine verrà anche il proprio turno. Macchè, la realtà che vige nel nostro Comune è ben altra; è inutile tentare di partecipare nella speranza di fare breccia nella Commissione esaminatrice, presentando un curriculum corposo e pieno di referenze e competenze in linea con il progetto da realizzare. Tutto questo serve a poco, quando scopri che ad essere selezionati sono quasi sempre i figli di..., i nipoti di..., i familiari di... E una vergogna che nessuno si ribelli a questa situazione così incresciosa, a questo mercato delle vacche per chiedere spiegazioni e per conoscere i criteri con i quali questi ragazzi vengono E una vergogna che nessuno si ribelli a questa situazione così incresciosa, a questo mercato delle vacche, per chiedere spiegazioni sui criteri alla base della selezione scelti. Negli ultimi anni ho sempre partecipato e sono stata fatta idonea non selezionata. Allora mi domando e vi domando: come può accadere che i selezionati siano sempre i figli e/o i nipoti e i parenti dei politici, dei dipendenti comunali e dei portaborse? Non sarebbe stato più giusto scegliere i ragazzi (a parità di titoli) provenienti dalle famiglie più disagiate per supportarli, almeno per un anno, nel loro percorso di vita senza gravare sulle famiglie di origine prive di reddito? Nessuno avrebbe gridato allo scandalo e quanto meno si sarebbe fatta una scelta politica giusta, trasparente e meritocratica e, soprattutto, a favore dei giovani meno abbienti. Invece, basta vedere l elenco dei vincitori per capire la loro provenienza. Un giovane non può sopportare queste cose ignobili senza dire niente, e poi sono tutti disponibili a risolvere i problemi dei giovani e a capire i loro disagi sociali e familiari. La dignità e la libertà di pensiero di una persona si concretizzano con il lavoro e il lavoro dignitoso è un diritto di tutti i giovani e non solamente di quelli che hanno le conoscenze giuste. E giusto premiare chi ha le conoscenze ma devono essere quelle del sapere, della competenza e della voglia di fare. Questa mia lettera non vuole essere semplicemente un atto di accusa e/o di sfogo del momento, ma una denuncia vera e propria dello stato di degrado socio-culturale nel quale noi giovani siamo costretti a vivere. Vi prego, non toglieteci la speranza del domani. Una ragazza idonea non selezionata 7 Abbiamo incontrato Santulli all indomani dell assemblea del Pd di Aversa Quello verificatosi a Caserta è immorale POLITICA Per l ex parlamentare ad Aversa si sta sperimentando un nuovo modello: Le scelte democratiche partiranno dalla sezione, bandendo ipocrisie e sudditanze 8 w Nicola Rosselli Abbiamo incontrato il consigliere comunale del Partito Democratico Paolo Santulli all indomani dell Assemblea del Partito Democratico della sezione di Aversa, dove si valutava il risultato delle elezioni provinciali e si faceva un analisi programmatica organizzativa per il rilancio del Partito. Allora, onorevole, come mai è stato così duro nella sua analisi, anticipando le sconfitte del Pd? Quanto si è verificato a Caserta è immorale, è il chiaro segnale di una decadenza del centro sinistra di cui il Pd è il principale riferimento. E stato facile profeta, se lo sentiva: la sera stessa dell incontro di Aversa al salone Romano, con il vicepresidente della Regione Bonavitacola, con tuti i Consiglieri regionali, con il candidato Presidente e gli amministratori del centro sinistra, alla vigilia del voto, lei dichiarò pubblicamente, auguriamoci che non sia l ultima cena.! Purtroppo era nell aria, si partiva da una potenzialità dell 80 per cento dei voti, si immaginava che il tradimento potesse riguardare una minima parte, ma non del 40 per cento.ma se non volevano Carlo Marino perchè hanno accettato la sua candidatura? Il danno è notevolissimo. Qui non ci troviamo a valutare la politica ma la barbarie! Gente che si evira per fare dispetto alla moglie...! Un brutto impatto con la nuova realtà cui ha aderito? Troppe contraddizioni, troppo permissivismo, troppe ambiguità. Fortunatamente ad Aversa stiamo dando vita ad Paolo Santulli Se non volevano Carlo Marino perché hanno accettato la sua candidatura? E barbarie! Gente che si evira per fare dispetto alla moglie...! un modello che già ha dato i suoi frutti. Abbiamo scelto Villano candidato alla Provincia, lo abbiamo sostenuto ed eletto. Lui è oggi il primo referente istituzionale di rilievo che la sezione di Aversa può avere come suo riferimento. Lo stesso faremo in futuro, bandendo ipocrisie e sudditanze. Quello che dice sembra anacronistico in una realtà, quale quella del Pd, che determina i candidati secondo logiche di potere. Non credo che certe logiche appartengono esclusivamente al Pd, in ogni caso è proprio quello che ci siamo detti in assemblea, chi intende utilizzare le protezioni dei potentati per arrivare alle candidature, prevaricando le scelte democratiche della sezione, si pone fuori dal nostro modello, pertanto non avrà il nostro sostegno. E una rivoluzione o una ribellione? E un esigenza per ripartire, per recuperare unità e credibilità. Chi partecipa contribuisce ad un progetto politico, può avere anche delle legittime aspirazioni, il riconoscimento deve essere, però, condiviso e voluto dalla realtà locale. Non inventiamo nulla, si deve recuperare la centralità, nel nostro caso, del partito di Aversa. E un legittimo diritto di partecipazione, vogliamo condividere le scelte. Con quello che sta accadendo in Italia non le sembra un utopia? No, l utopia è pensare ancora di poter continuare a gestire la politica con modelli obsoleti, che allontanano la gente e favoriscono il populismo.non a caso abbiamo scelto un nuovo modello, quello di Aversa. 9 Anche nella nostra Provincia per iniziativa del presidente Giovanni Bo L APPUNTAMENTO Ottava Giornata Nazionale di Piccola Industria Visite guidate degli studenti nelle superiori in dieci aziende industriali. Quest anno l attenzione è sul tema della lotta alla contraffazione 10 w Italia Mauriello Il 17 novembre, a cura di Piccola Industria di Confindustria Caserta, l associazione delle piccole imprese guidata dall aversano Giovanni Bo, si terrà l ottava Giornata Nazionale delle Piccole. L obiettivo è quello di far conoscere alle nuove generazioni il mondo dell impresa e le sue opportunità attraverso visite guidate nelle Pmi associate. All iniziativa hanno aderito dieci piccole industrie, alcune delle quali risiedono nell area industriale di Aversa Nord. Le visite guidate sono riservate agli istituti secondari di primo e secondo grado della Provincia che hanno aderito all iniziativa. L esperienza in azienda - ci ha dichiarato il presidente Giovanni Bo - offre agli studenti l opportunità di vedere da vicino la realtà produttiva e di conoscere l impegno e il talento che gli imprenditori condividono con i propri collaboratori nella realizzazione di prodotti e servizi, i risultati raggiunti ed i progetti futuri. Per gli imprenditori il Pmi Day rappresenta il momento per condividere con i giovani il loro impegno a favore della diffusione della cultura d impresa in relazione alle diverse tematiche su cui tale impegno si declina. Quest anno l iniziativa vuole porre l attenzione sul tema della lotta alla contraffazione, sempre più centrale nel dibattito sulla crescita economica e sull occupazione. La contraffazione interessa in particolare i beni di lusso, di largo consumo, l alta tecnologia, i macchinari e i componenti. Le conseguenze sulla salute e la sicurezza sono particolarmente evidenti in alcune merci contraffatte quali alimentari, giocattoli Giovanni con Alberto Baban L esperienza in azienda offre agli studenti l opportunità di vedere da vicino la realtà produttiva e di conoscere l impegno e il talento degli imprenditori e farmaci, ma complessivamente la contraffazione incide molto sulla competitività del made in Italy, sulla sicurezza e sull ordine pubblico, sull immagine dell Italia, sul mercato del lavoro, sulla capacità di attrarre investimenti, oltre che in termini di perdita del gettito erariale. E costa, soprattutto, in termini di legalità per il suo triste connubio con la criminalità organizzata. Agli studenti - continua Giovanni Bo - si parlerà dei rischi legati alla contraffazione anche attraverso la visione di un video sul tema. Il Pm Day è inserito nell ambito della Settimana della Cultura d Impresa giunto alla XVI edizione e rientra tra gli eventi della Settimana Europea delle Pmi organizzata dalla Commissione Europea. Nelle foto il presidente della Piccola Impresa di Caserta, Giovanni Bo, è con Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri e con Alberto Baban, presidente nazionale della Piccola Industria. Giovanni Bo con Giuseppe Bono RETTIFICA Ci corre l obbligo di rettificare che l autore dell intervista al senatore Lucio Romano, nel numero precedente, su Inquinamento e tumori era Geppino De Angelis e non, per un refuso di stampa, Livia Fattore. Ce ne scusiamo col senatore Romano, con Geppino, con Livia e con i lettori. 11 IL CASO Residenti e Associazioni potranno adottare gli spazi verdi comunali Adozione spazi verdi, c è il Regolamento L Assessore Marica De Angelis ha proposto in Consiglio la delibera. L ex Assessore Tiziana D Aniello ne aveva curato l avvio in Commissione w Nicola Rosselli 12 Cittadini residenti, come singoli ovvero costituiti in forma associata (associazioni, anche non riconosciute, circoli, comitati, condomini), organizzazioni di volontariato, istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, parrocchie, enti religiosi, soggetti giuridici ed operatori commerciali ed istituzioni ed enti pubblici potranno adottare gli spazi verdi comunali. Con il regolamento approvato in Consiglio comunale nasce la possibilità di poter adottare uno spazio verde pubblico. Ringrazio ha dichiarato il presidente della Commissione consiliare Am- Le aiuole con le adozioni saranno sempre curate IL CASO Tale iniziativa - ha dichiarato da parte sua l assessora De Angelis - rientra in una logica di Green New Deal Urbano, un nuovo approccio alla città 13 biente Michele Galluccio l Assessore Marica De Angelis che ha proposto in Consiglio la delibera e l ex Assessore Tiziana D Aniello che ha curato l avvio del regolamento in Commissione. Con questo regolamento i privati potranno provvedere alla cura di uno spazio verde comunale che sarà loro affidato. In questo modo avremo, come Comune, uno sgravio per la manutenzione di queste aree ed una responsabilizzazione di cittadini che cureranno l area verde a loro assegnata. Il regolamento approvato in Consiglio Comunale entrerà in vigore dopo la doppia pubblicazione, così come prevede lo Statuto vigente. Gli interessati possono cominciare a presentare domanda di adozione dell area verde che gli sarà affidata dopo il vaglio della richiesta da parte degli uffici comunali verde pubblico. Tale iniziativa ha dichiarato da parte sua l assessora De Angelis - rientra in una logica di Green New Deal Urbano, dove la componente ambientale territoriale, connessa alla tutela e conseguente valorizzazione del capitale naturale, deve orientare la città e i suoi stakeholder verso una cr
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks