Friday, September 16th

Description
Friday, September 16th h Gianfranco Agosti (Università di Siena/ Arezzo) The Greek Culture in the Late-Ancient East: Itineraries, Persistency and Metamorphosis In the process of transformation

Please download to get full document.

View again

of 9
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

BusinessLaw

Publish on:

Views: 0 | Pages: 9

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Friday, September 16th h Gianfranco Agosti (Università di Siena/ Arezzo) The Greek Culture in the Late-Ancient East: Itineraries, Persistency and Metamorphosis In the process of transformation and redefinition of the Roman World during Late Antiquity (third to sixth century AD) the diffusion and re-utilisation of ancient Greek paideia plays a central role. According to the main theme of our Seminar, we will examine the increasing prestige of classical literary culture in all aspects of public life in the cities of the Eastern part of the Empire, focusing especially on diffusion of higher literacy not only in the great centers of culture, such as Alexandria, Athens, Constantinople, Antioch, Aphrodisias, but also in the small towns of Palestine and Jordany. The mobility of late antique poets and rhetoricians (most of them coming from Eastern provinces) is one the characteristic features of this new dimension of knowledge and re-enactment of classical culture. In addition to the public and dynamic role of Greek culture we shall also consider the religious aspect of rethinking the Past in Late Antique East. Neoplatonic philosophers of Alexandria, Athens and the schools of Asia Minor and Syria considered the Greek paideia, together with the theologia (discourse on the sacred) coming from Chaldaeans and from Egyptians, as exclusive heritage of pagan religion. On the opposite side, after a period of conflict and refusal, Christians thinkers and poets tried to transform classical culture in a new, totally different language. The analysis of some mithological figures in poetry and visual arts dramatically shows the coexistence of different ways of approaching Greek culture in the multicultural society of pars Orientis. European Summer School of Classics (Trieste, ) Gianfranco Agosti (Arezzo) Percorsi, permanenze e trasformazioni della cultura greca nell Oriente tardoantico A. Percorsi dei letterati (i Wandering Poets), luoghi della cultura A.1. Claudiano, Gigantomachia greca (I 1-17 Livrea) ei[ potev moi kuanw`pin ejpiplwvonti qavlassan kai; fresi; qambhvsanti kukwvmena bevnqea povntou eu[xasqai makavressin ejshvluqen eijnalivoisi, fwnh`~ de; ptamevnh~ ajnemotrefe;~ e[sbeto ku`ma, 5 lwvfhsen d ajnevmoio bohv, ghvqhse de; nauvth~ ojssovmeno~ megavloio qeou` pareou`san ajrwghvn: wj~ Êkai; nuǹê, DhvlieÊ (su; ga;r qeo;~ e[pleu ajoidh`~), eu[xomai aujdhventa kata; plovon eujpiavwn. i{laqi kaiv meu a[kouson, ejpei; sevqen eujmenevonto~ 10 paurovteron devo~ ejsti;n ejp ejlpivsi lwitevrh/sin. wj~ ga;r dh; pevlago~ mevg Alexavndroio povlho~ pavntoqen ejktevtatai, ta; de; muriva kuvmata lawǹ o[rnut ejp ajllhvloisin, ejgw; dev te deino;~ ajoido;~ mousopovlo~ nauvth~ ÔElikwnivdi nhi; piqhvsa~ 15 ijquvnw pro;~ a[eqla, fevrw d ejpi; fovrton ajoidhvn. eij de; qew`n boulh/`sin ujf ujmeivwn ejqelovntwn hjmetevroi~ u{mnoisin ejpipneuvseian e[painoi... «Un tempo, mentre navigavo sullo scuro mare e sbigottivo nell animo dinanzi ai turbinosi abissi del ponto mi capitò di invocare gli dèi marini, e al suono della mia voce le onde nutrite dal vento si placarono, si quietò il grido del vento e il marinaio gioì vedendo presente l aiuto del grande dio; così anche adesso, o Delio (tu sei infatti il dio del canto) pregherò durante la navigazione poetica dei bei versi. Siimi propizio e ascoltami, giacché se tu sei benevolo picolo è il timore in vista di speranze migliori. Come il pelago della città di Alessandro si estende da ogni dove, queste infinite onde dei popoli si frangono l una dopo l altra, e io con la mia abilità di cantore, marinaio delle Muse affidandomi alla nave Eliconia faccio rotta verso i premi, portando come carico il mio canto. Possano, grazie al volere degli dèi e alla vostra approvazione, spirare le brezze dell elogio sui miei carmi» Egitto A.2. Geografia della poesia tardoantica: Costantinopoli Soterico di Oasi (III sec.) Poemi mitologici, encomiastici Trifiodoro (fine III-IVin.) La presa di Troia Cosmogonia di Strasburgo (Andronico? IV sec.) pavtria di Hermupolis poemetti cristiani di PBodmer (metà del IV sec.) parafrasi bibliche, inni, poemi teologici poeti giambici da Ermupoli e Antinoe (Phot. Bibl. ) pavtria, encomii Blemiomachia (Olimpiodoro di Tebe? in. V sec.) poema epico-storico Claudiano (fine IV- inizio V sec.) poemi mitologici, encomii, epigrammi Nonno di Panopoli (metà del V sec.) Dionisiache, Parafrasi di Jo. Ciro di Panopoli (prima metà del V sec.) epigrammi, encomii Pamprepio di Panopoli ( ) ecphrasis, encomii Metafrasi esametrica del Salterio (metà inoltrata del V sec. parafrasi di stile arcaizzante Colluto di Licopoli, (età di Anastasio) poemi mitologici Argonautiche orfiche (metà del V sec.) riassunto del poema di Ap. Rh. Cristodoro di Copto (ca. 503) ecphrasis (AP 2), poema sui discepoli di Proclo, pavtria Museo (VI sec.) Ero e Leandro Dioscoro di Afrodito (metà del VI sec.) encomii, epopee in versi Eudocia (n. Atene 400, moglie di Teodosio II, ) Agazia (n. Mirina, , a Bisanzio); poeti del Ciclo Paolo Silenziario (VI sec.) Asia Minore Quinto di Smirne (III sec.) Lithica orfici (IV sec.) Gregorio di Nazianzo (329/30-390) parafrasi bibliche e agiografiche epigrammi, poemi mitologici epigrammi, Descriptio Posthomerica poema sulle pietre poemi teologici, polemici 1 Gaza Giovanni di Gaza (V-VI sec.) Ecphrasis, anacreontiche Atene Proclo (n. C.poli 420, ad Atene dal 430/1 al 485) inni esametrici A.3. l elogio delle città: la poesia dei pavtria A.3.1. Hermoupolis, centro del mondo Cosmogonia di Strasburgo (PArgent 481) v Gigli cw'ron ªejuvkrhºton dizhvmeno , e[nqa polivssh/ a[stu.ª...ºston, o{ ken pepolismevnon ei[h a[xioªn hjelivoio bolºh;n ejufeggeva devcqai A.3.2. il fascino di Beirut Cercando un luogo ben temperato, dove potesse costruire una città... che fosse un luogo abitato degno di ricevere il raggio luminoso del sole Nonno, Dionisiache , 51-96, e[sti povli~ Berovh, biovtou trovpi~, o{rmo~ Erwvtwn, 15 pontopaghv~, eu[nhso~, ejuvcloo~, ouj rjavci~ ijsqmou' steinh; mh'ko~ e[conto~, o{ph/ diduvmh~ mevso~ a{lmh~ kuvmasin ajmfotevroisin ijmavssetai o[rqio~ aujchvn: ajlla; ta; me;n baquvdendron ujpo; rjavcin ai[qopo~ Eu[rou Assurivw/ Libavnw/ parapevptatai, h ci polivtai~ 20 o[rqia surivzousa biossovo~ e[rcetai au[rh, eujovdmoi~ ajnevmoisi tinassomevnwn kuparivsswn... «V è una città, Beroe, chiglia della vita, porto degli Amori, piantata nel mare, dalle belle isole, verdeggiante; non quella stretta cresta di un istmo prolungato, dove in mezzo a due mari il collo dritto viene flagellato da entrambi i flutti. Da una parte si stende invece accanto al Libano assiro, sotto la cresta di fitte foreste situate verso il fiammeggiante Euro, dove, sibilando intensamente, giunge agli abitanti una brezza, fonte di vita, mentre i cipressi sono scossi dai venti che emanano la loro fragranza» ejnqavde fw'te~ e[naion ojmhvlike~ Hrigeneivh~, ou}~ Fuvsi~ aujtogevneqlo~ ajnumfeuvtw/ tini; qesmw'/ h[rose novsfi gavmwn, ajpavtwr, ajlovceuto~, ajmhvtwr, ojppovte summigevwn ajtovmwn tetravzugi desmw'/ «Qui abitavano uomini coevi dell Aurora, che la Natura che si riproduce da sé, legge di castità seguendo, generò lontano da nozze, senza padre, senza parto, senza madre, quando, nella fusione atomica di un quadruplice legame, 55 u{dati kai; puroventi pefurmevnon hjevro~ ajtmw'/ combinando l acqua assieme al vapore infuocato dell aria, il parto inseminato modellò un sapiente frutto, suvzuga morfwvsasa sofo;n tovkon a[sporo~ wjdi;~ alitando il soffio della vita sul fango pregno. e[mpnoon ejyuvcwse gonh;n ejgkuvmoni phlw'/, Ad essi la Natura diede una forma perfetta: non avevano oi ~ Fuvsi~ ei\do~ o[passe telesfovron: ajrcegovnou ga;r l aspetto del primitivo Cecrope, che strisciava col suo piede serpentino, Kevkropo~ ouj tuvpon ei\con, o}~ ijobovlw/ podo;~ ojlkw'/ raschiando la terra e sputando veleno tra le spire: 60 gai'an ejpixuvwn ojfiwvdei suvreto tarsw'/, drago dal basso, ma al di sopra, dai lombi alla testa, nevrqe dravkwn, kai; u{perqen ajp ijxuvo~ a[cri karhvnou d altra natura, biforme, imperfetto uomo appariva. ajllofuh;~ ajtevlesto~ ejfaivneto divcroo~ ajnhvr: Non avevano l aspetto selvaggio d Eretteo, che Efesto ouj tuvpon a[grion ei\con Erecqevo~, o}n tevke gaivh~ au[laki numfeuvsa~ gamivhn Hfaisto~ ejevrshn: generò, unendo al solco della terra la nuziale rugiada; ma la spiga d oro degli uomini per prima apparsa 65 ajlla; qew'n i[ndalma gonh'~ aujtovcqoni rjivzh/ fu partorita ad immagine degli dèi, con le radici della generazione prwtofanh;~ cruvseio~ ejmaiwvqh stavcu~ ajndrw'n. nella terra. kai; Berovh~ navssanto povlin prwtovsporon e{drhn, Ed essi abitarono la città di Beroe, la sede per prima generata che Crono stesso edificò, quando, su consiglio della sapiente Rea, h}n Krovno~ aujto;~ e[deime, sofh'~ o{te neuvmati ÔReivh~ ingerì nella sua gola assai capace lo scabro pasto, ojkrioven qevto dovrpon ejw'/ polucandevi laimw'/, e facendo del pesante carico della pietra un Ilizia, 70 kai; livqon Eijleivquian e[cwn bebriqovti fovrtw/, per espellere la numerosa discendenza oppressa, qlibomevnh~ poluvpaido~ ajkontisth'ra genevqlh~, tracannando a profusione a bocca aperta la corrente di un intero fiume, cando;n o{lou potamoi'o rjovon nefelhdo;n ajfuvsswn inghiottì nel petto gorgogliante l onda levatrice, sthvqei paflavzonti mogostovkon e[spasen u{dwr, liberandosi del fardello del ventre. E così, l uno dietro l altro, luvsa~ gastevro~ o[gkon: ejpassutevrou~ de; diwvkwn il collo pregno spinse e vomitò i figli due volte nati, 75 dissotovkou~ uijh'a~ ajnhvrugen e[gkuo~ aujchvn, porqmo;n e[cwn toketoi'o lecwvion ajnqerew'na: vagina la gola destinata al parto. Zeus era allora un bambino, ancora un neonato, credo; non ancora Zeu;~ tovte kou'ro~ e[hn, e[ti pou brevfo~: ouj tovte puknw la folgore aveva rifulso, squarciando le infuocate nubi 80 qermo;n ajnascivssasa nevfo~ bhtavrmoni palmw'/ in un cadenzato moto, né i fulmini erano stati scagliati ajsteroph; selavgize, kai; ouj Tithnivdi cavrmh/ in aiuto di Zeus nella battaglia dei Titani. Né il cupo fragore della pioggia, echeggiante di tuoni, Zhno;~ ajosshth're~ ojisteuvonto keraunoiv: rimbombava in un vortice mugghiante allo scontro delle nubi. oujde; sunercomevnwn nefevwn mukhvtori rjovmbw/ No, prima fu la città di Beroe, che Eone, nato con lei, brontaivh baruvdoupo~ ejbovmbeen o[mbrio~ hjcwv. vide coeva, apparso per la prima volta insieme alla terra. ajlla; povli~ Berovh protevrh pevlen, h}n a{ma gaivh/ 2 prwtofanh;~ ejnovhsen ojmhvlika suvmfuto~ Aijwvn: 85 ouj tovte Tarso;~ e[hn teryivmbroto~, ouj tovte Qhvbh, ouj tovte Çavrdie~ h\san, o{ph/ Paktwlivdo~ o[cqh~ cruso;n ejreugomevnh~ ajmaruvssetai o[lbio~ ijluv~, Savrdie~, Helivoio sunhvlike~: ouj gevno~ ajndrw'n, ouj tovte ti~ povli~ h\en Acaiiav~, oujde; kai; aujthv 90 Arkadivh prosevlhno~: ajneblavsthse de; mouvnh presbutevrh Faevqonto~, o{qen favo~ e[sce Selhvnh, kai; fqamevnh cqovna pa'san, ejw'/ pammhvtori kovlpw/ Helivou neofegge;~ ajmergomevnh sevla~ ai[glh~ kai; favo~ ojyitevleston ajkoimhvtoio Selhvnh~, 95 prwvth kuanevh~ ajpeseivsato kw'non ojmivclh~, kai; caveo~ zofovessan ajpestufevlixe kaluvptrhn. Non esisteva allora Tarso, delizia dei mortali, non c era allora Tebe, non esisteva allora Sardi, dove risplende l opulenta fanghiglia sulle sponde del Pattolo che riversano l oro, Sardi, coeva del Sole. Non la razza degli uomini, non esisteva allora una città achea, e neppure la stessa Arcadia antelunare. Lei sola fiorì più vecchia di Fetonte, da cui Selene trae la luce, e, precedendo ogni terra, spiccando nel suo seno generatore dell universo lo splendore novello del Sole raggiante e la tardiva luce dell insonne Selene, per prima scosse il cono della fosca caligine e scacciò la cortina tenebrosa del caos.» rjivza bivou, Berovh, polivwn trofov~, eu\co~ ajnavktwn, prwtofanhv~, Aijw'no~ ojmovspore, suvgcrone kovsmou, 145 e{dranon ÔErmeivao, Divkh~ pevdon, a[stu qemivstwn, e[ndion Eujfrosuvnh~, Pafivh~ dovmo~, oi\ko~ Erwvtwn, Bavkcou terpno;n e[deqlon, ejnauvlion Ioceaivrh~, Nhrei?dwn ajnavqhma, Dio;~ dovmo~, Areo~ aujlhv, Orcomeno;~ Carivtwn, Libanhivdo~ a[stron ajrouvrh~, 150 Thquvo~ ijsoevthro~, ojmovcrono~ Wkeanoi'o, o}~ Berovhn ejfuvteusen ejw'/ polupivdaki pastw'/ Thquvo~ ijkmalevoisin ojmilhvsa~ ujmenaivoi~, h{n per Amumwvnhn ejpefhvmisan, eu\tev ej mhvthr ujdrhlh'~ filovthto~ ujpobrucivh/ tevken eujnh'/. «O Beroe, radice di vita, nutrice delle città, vanto dei re, prima apparsa, dello stesso seme di Eone, contemporanea del mondo, sede di Ermes, terra di Giustizia, roccaforte del diritto, soggiorno di Letizia, casa di Pafia, dimora degli Amori, delizioso tempio di Bacco, asilo della Saettatrice, trofeo delle Nereidi, casa di Zeus, corte di Ares, Orcomeno delle Grazie, astro del Libano, coetanea di Teti, dello stesso tempo dell Oceano, che Beroe generò nel suo letto dalle molte sorgenti, unendosi in umidi imenei a Teti; Amimone invero la chiamarono, dopo che la madre la partorì sott acqua nel giaciglio di un liquido amore.» (trad. Accorinti) A.4. la sapienza egiziana Nonno di Panopoli, Dion : Cadmo inventa l alfabeto kai; plovon h[nuse Kavdmo~ ej~ ÔEllavda, Foibavdo~ ojmfh'~ 250 oi\stron e[cwn prapivdessi, Dio;~ dev oij aije;n ejpeivgwn e[nqeo~ ajplanevessin ejpevtrece mu'qo~ ajkouai'~. e[nqa Panellhvnessi newvtera dw'ra titaivnwn ajrcekavkou Danaoi'o ferevsbion e[krufe tevcnhn, ujdrofovrou Danaoi'o: tiv ga;r plevon eu ren Acaioi'~, 255 ei[ pote calkeivh/si pedoskafevessi makevllai~ cavsmato~ oujdaivoio cuto;n kenew'na kolavya~ divyion Argo~ e[pause, koniomevnoi~ de; polivtai~ ujgra; podw'n ejpivbaqra povren, xeinhvion u{dwr, ejk buqivwn lagovnwn ojlivgon rjovon aujta;r oj pavsh/ 260 ÔEllavdi fwnhventa kai; e[mfrona dw'ra komivzwn glwvssh~ o[rgana teu'xen ojmovqroa, sumfuevo~ de; ajrmonivh~ stoichdo;n ej~ a[zuga suvzuga mivxa~ grapto;n ajsighvtoio tuvpon tornwvsato sigh'~, pavtria qespesivh~ dedahmevno~ o[rgia tevcnh~, 265 Aijguptivh~ sofivh~, metanavstio~ h\mo~ Aghvnwr Mevmfido~ ejnnaevth~ ejkatovmpulon w[/kise Qhvbhn: kai; zaqevwn a[rrhton ajmelgovmeno~ gavla bivblwn, ceiro;~ ojpisqopovroio caravgmata loxa; caravsswn e[grafen ajgkuvla kuvkla: kai; Aijguptivou Dionuvsou 270 eu[ia foithth'ro~ Osivrido~ o[rgia faivnwn muvstido~ ejnnuciva~ teleta;~ ejdidavsketo tevcnh~, kai; krufivh/ mavgon u{mnon ajnevklage quiavdi fwnh'/ lepto;n e[cwn ojlovlugma: liqoxoavnoio de; nhou' glupta; baqunomevnw/ kecaragmevna daivdala toivcw/ «Cadmo intanto compie la traversata verso la Grecia, con in cuore il desiderio dell'oracolo di Febo; la parola divina di Zeus gli riempie gli orecchi rispettosi in una continua sollecitazione. Là offrendo a tutti i Greci dei doni nuovi, eclissava l'arte vivificante di Danao, istigatore di crimini, di Danao dispensatore d'acqua. Cosa aveva inventato per i Greci di tanto eccezionale? Una volta aveva scavato nel suolo con una zappa di bronzo, adatta all'opera, una voragine zampillante d'acqua, facendo così cessare la siccità ad Argo e pagando ai cittadini pieni di polvere un'umida tassa di sogiorno, l'acqua in cambio dell'ospitalità, una piccola corrente dai fianchi profondi della terra: tutto qui! Lui invece arricchì tutta l'ellade con doni spirituali e sonori, approntando strumenti corrispondenti ai suoni del linguaggio, mescolando vocali e consonanti in una successione armonica e coerente, forgiò il segno della scrittura, silenzioso ma non muto. Aveva appreso in patria i segreti di una scienza divina derivata dalla sapienza egiziana, quando Agenore, abitante di Menfi, nel suo esilio aveva fondato Tebe dalle cento porte. E dopo aver succhiato il latte indicibile dei testi sacri, tracciò linee tondeggianti e curve, scrivendo con la mano a ritroso caratteri obliqui. Mostrando i misteri evii del Dioniso egiziano, Osiride Errante, 3 275 kourivzwn dedavhke: polufravstw/ de; menoinh'/ metrhvsa~ flogovessan ajnhrivqmwn i[tun a[strwn kai; drovmon Helivoio maqw;n kai; mevtron ajrouvrh~, ceiro;~ ejustrofavliggo~ ojmovploka davktula kavmya~, a[stata kuvkla novhse palinnovstoio Selhvnh~, 280 pw'~ trissai'~ ejlivkessi metavtropon ei\do~ ajmeivbei, ajmfifahv~, dicovmhni~, o{lw/ stivlbousa proswvpw/, pw'~ de; sunaptomevnh kai; ajpovrruto~ a[rseni pursw'/ Helivou geneth'ro~ ajmhvtori tivktetai ai[glh/, patro;~ ujpoklevptousa palimfue;~ aujtovgonon pu'r. Orfeo in Egitto: Argonautiche Orfiche Aijguptivwn ijero;n lovgon ejxelovceusa, Mevmfin ej~ hjgaqevhn peravsa~, ijerav~ te povlha~ Apido~ a}~ pevri Nei'lo~ ajgavrroo~ ejstefavnwtai insegnò i riti notturni dell'iniziazione; e in segreto con voce delirante faceva risuonare un canto magico, emettendo suoni soffocati. Nei templi ricchi di statue di pietra quand'era adolescente, aveva imparato ad incidere sulle pareti ad incavo figure cesellate. Con la profonda sapienza della sua mente aveva misurato l'orbita fiammeggiante di innumerevoli astri e aveva imparato la corsa del Sole e la misura della terra; piegando le dita unite della mano agile, aveva compreso i cerchi mutevoli della Luna che sempre si rinnova e come cambia forma in tre fasi, illuminata solo nel contorno, ora visibile a metà, ora splendente in tutto il volto, e come ancora in seguito all'unione col fuoco maschio del Sole generatore, da cui poi si separa, nasca da questo splendore ingenerato rubando al padre il fuoco increato che in lei si rinnova» (trad. Gigli 2003) io ho generato i Discorsi Sacri degli Egiziani, quando ho visitato la santa Menfi e la sacra città di Api, che il Nilo circonda con la corona del suo possente corso A.5. ex Oriente lux: gli Oracoli Caldaici fr. 2 Des Places ÔEssavmenon pavnteucon ajkmh;n fwto;~ kelavdonto~, ajlkh'/ triglwvcini novon yuchvn q ojplivsanta, pa'n triavdo~ suvnqhma balei'n freni; mhd ejpifoita'n ejmpurivoi~ sporavdhn ojcetoi'~, ajlla; stibarhdovn completamente rivestito del colmo di una luce risonante, armato anima e men di una forza come spada tricuspide, getta nel cuore il simbolo della molteplic come un grido di guerra non ti aggirare per canali di fuoco disperdendoti, ma concentrandoti [1 Porph. VP zamevnessi korussavmeno~ zwh`/si; [Apol.] Met. Pss. pr. 1 e[lpomai ajqanavtoio qeou` kekoruqmevno~ oi[mh/: 2 ajlkh'/ triglwvcini ~ Il oji stw'/ triglwvcini, ijw'/ triglwvcini; cfr. Call. fr. 1.36, Ap. Rh , a[ori tr.: Eraclito, All. Hom tecnikw'~ de; prosevqhken eijpwvn: ããijw'/ triglwvcini balwvnãã, i{na dia; suntovmou th;n trimerh' filosofivan ujpo; tou' triglwvcino~ ujposhmhvnh/ bevlou~] Intermezzo: tradizione e innovazione Sinesio di Cirene, epist Garzya provseipe par ejmou' pavnu polla; to;n sebasmiwvtaton Markianovn: o}n eij prolabw;n Aristeivdhn ÔErmou' logivou tuvpon eij ajnqrwvpou e[fhn ejlhluqevnai, movli a]n e[tucon th' ajxiva , o{ti plevon ejsti;n h] tuvpo . ejpistolh;n de; ejx eujqeiva pro; aujto;n ejpiqei'nai kaivtoi proqumhqei; ejnavrkhsa, i{na mh; eujquvna ujpovscw toi' pandevktai toi' ajposmileuvousi ta; ojnovmata: ouj ga;r mikro; oj kivnduno ejn tw'/ Panellhnivw/ th;n ejpistolh;n ajnagnwsqh'nai. kalw' ga;r ou{tw to;n tovpon, ejn w / pollavki ejfrovntisa ta; bareiva frontivda , tw'n ajpantacovqen ejllogivmwn suniovntwn ejf w / th' ijera' ajkou'sai tou' presbuvtou fwnh' , palaia; kai; neva katamasteuouvsh dihghvmata. Porgi tanti complimenti da parte mia al reverendissimo Marciano. Se, precedendo Aristide, avessi detto di lui che è venuto fra gli uomini come l'immagine di Ermes dio dell'eloquenza, avrei a stento còlto nel segno, ché egli è più di quell'immagine. Avrei tanto voluto scrivergli una lettera direttamente, ma mi ha frenato il timore di dovermi esporre alle critiche dei pedantoni che si danno a ripulire ogni parola; non è rischio da poco il lasciar leggere una lettera nel Panellenio. Mi riferisco con questo nome al luogo nel quale più volte affrontai profonde preoccupazioni mentre vi erano affluiti dotti d ogni donde per ascoltare la sacra voce del vecchio che scruta e espone l antico e il nuovo (trad. Garzya, con modifiche) Agazia, AP 4, 4, = 2, Viansino): Prw'ta dev soi levxaimi, palaigenevessin ejrivzwn, o{ssaper ejgravyanto nevh~ geneth'r
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks