CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Description
Ambito di Raccolta Ottimale ARO 6/LE Alezio, Aradeo, Collepasso, Galatone, Nardò, Neviano, Sannicola, Seclì, Tuglie SERVIZI DI SPAZZAMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI

Please download to get full document.

View again

of 17
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Recruiting & HR

Publish on:

Views: 0 | Pages: 17

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Ambito di Raccolta Ottimale ARO 6/LE Alezio, Aradeo, Collepasso, Galatone, Nardò, Neviano, Sannicola, Seclì, Tuglie SERVIZI DI SPAZZAMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Novembre 2014 REV.03 Ingg. Giordano CARROZZO Riccardo BANDELLO Emanuele BORGIA Donato ZULLINO 1 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART. 1 - Servizi oggetto dell'appalto... 4 ART. 2 - Proprietà e destinazione dei rifiuti urbani... 5 ART. 3 - Pesatura dei rifiuti... 6 ART. 4 - Servizi complementari e servizi analoghi... 6 ART. 5 Adeguamento e variazione dei servizi... 6 ART. 6 - Obbligo di continuità dei servizi... 7 ART. 7 - Durata dell'appalto... 7 ART. 8 - Documenti che fanno parte del contratto... 7 ART. 9 - Condizioni alla scadenza... 8 ART Controllo del servizio... 8 ART Reperibilità... 9 ART Osservanza delle leggi e dei regolamenti... 9 ART Deposito cauzionale ART. 14 Relazione economica offerta ART Corrispettivo dell appalto ART Pagamenti ART Condizioni della rete stradale e condizioni meteorologiche ART Revisione ed adeguamento del prezzo contrattuale ART Disciplina del subappalto ART. 20 Obiettivi di RD e relative penalità/premialità ART. 21 Trasporto e smaltimento/trattamento dei rifiuti ART Conformità ai principi della Carta della qualità dei servizi ambientali ART Penalità ART Esecuzione d ufficio ART Risoluzione del contratto di servizio ART Riferimento alla legge e controversie ART Spese TITOLO II - ONERI E RESPONSABILITA' DELL'IMPRESA AGGIUDICATARIA ART Responsabilità dell Impresa Aggiudicataria ART Sicurezza sul lavoro ART. 30 Piano di sicurezza ART Personale in servizio ART Mezzi e attrezzature ART. 33 Sedi Operative dell Impresa Aggiudicataria ART. 34 Formazione degli operatori ART Campagna di comunicazione e numero verde ART Avvio dei servizi ART Cooperazione ART Riservatezza ART Tracciabilità dei pagamenti ALLEGATI: - Schema di contratto - Relazione Tecnica Generale - Relazione Automezzi - Attrezzature - Duvri - Relazione Tecnico Economica Alezio - Relazione Tecnico Economica Aradeo - Relazione Tecnico Economica Collepasso - Relazione Tecnico Economica Galatone - Relazione Tecnico Economica Nardò - Relazione Tecnico Economica Neviano - Relazione Tecnico Economica Sannicola - Relazione Tecnico Economica Seclì - Relazione Tecnico Economica Tuglie - Relazione Ripartizione Spese e Quadro Economico 3 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - Servizi oggetto dell'appalto L oggetto dell appalto riguarda l affidamento di un servizio di gestione rifiuti urbani con ridotto impatto ambientale in un ottica di ciclo di vita, ai sensi del Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione (PAN GPP) e del Decreto del Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 13/02/2014 (pubblicato sulla G.U. n. 58 del 11/3/2014). L'appalto oggetto del presente Capitolato riguarda l'espletamento integrale dei servizi sotto elencati, come meglio precisato nella Relazione Tecnica Servizi (Allegato 1), sono i seguenti: 1. Servizio di raccolta per Utenze domestiche e Utenze non Domestiche: Il servizio prevede: la raccolta ed il trasporto presso impianto di trattamento/smaltimento in forma differenziata, con modalità domiciliare porta a porta nell ambito territoriale dei comuni dell ARO di riferimento, come indicato nelle tavole allegate, delle seguenti tipologie di rifiuti/materiali riciclabili: 1. frazione residua (frazione RSU indifferenziata); 2. frazione organica; 3. imballaggi in vetro; 4. carta e imballaggi in carta; 5. cartone da utenze commerciale; 6. contenitori in plastica; 7. lattine di alluminio e di banda stagnata. la raccolta ed il trasporto della frazione dei RUP (farmaci, pile, olii esausti) con il sistema dei contenitori specifici; la raccolta su chiamata ed il trasporto per i beni durevoli, rifiuti ingombranti e RAEE; la raccolta su chiamata ed il trasporto dei rifiuti verdi privati (sfalci e potature); la raccolta dei rifiuti in occasione del mercato settimanale; la logistica per il conferimento al recapito finale delle varie tipologie di rifiuto/materiale riciclabile. il trasporto dei rifiuti identificati con codice CER rifiuti biodegradabili di cucine e mense e CER sfalci d erbe e ramaglie presso impianto individuato dall A.R.O., ovvero dall ATO/OGA, in ambito regionale. 2. Servizio di spazzamento stradale ed igiene urbana Il servizio prevede: il lavaggio dei contenitori RUP e dei cestini gettacarte; lo spazzamento manuale, che prevede: la pulizia di vie, piazze, piste ciclabili, passaggi ciclopedonali e marciapiedi di uso pubblico dai rifiuti di ogni sorta; detto servizio include anche la raccolta di rifiuti particolari quali siringhe, deiezioni, nonché lo svuotamento e la pulizia dei cestini porta rifiuti ed eventuali altri servizi complementari di pulizia; lo spazzamento meccanizzato di tutti i rifiuti esterni giacenti su strade ed aree pubbliche e/o soggette ad uso pubblico; il servizio consisterà nel passaggio di squadra dotata di spazzatrice meccanica con e/o senza uomo a terra che anticiperà la stessa. Tale addetto, dotato di scopa, supporterà l azione della spazzatrice nei punti difficilmente raggiungibili; la pulizia delle aree interessate da mercati e da feste e manifestazioni; 4 ogni altro eventuale servizio di igiene urbana, eventualmente richiesto dai comuni costituenti l A.R.O. di riferimento, sulla base dell allegato elenco prezzi unitari, a cui verrà applicato il ribasso d asta offerto. 3. Servizio di gestione del Centro Comunale di Raccolta 4. Servizio di Informazione e Comunicazione Ambientale 5. Servizio di supporto per accertamento utenza, contenzioso e applicazione Tari (solo Comune di Nardò) 6. Servizi generali di coordinamento ed amministrazione (con riferimento a quanto indicato in Deliberazione dell Assemblea dell A.R.O.n.6/LE n.14 del 12/11/2014) I servizi sono comprensivi di tutto, del personale e degli automezzi necessari e idonei, debitamente mantenuti in condizioni di efficienza e nel rispetto di tutte le disposizioni normative in vigore, dei carburanti, dei costi assicurativi e di bollo, delle spese generali (personale amministrativo, dirigenziale, ammortamento e manutenzione sedi e magazzini, spese contabili, amministrative, di cancelleria ed ogni altro onere diretto od indiretto connesso al servizio) e utile di impresa, necessari allo svolgimento dei servizi alle condizioni dettagliatamente descritte in precedenza. ART. 2 - Proprietà e destinazione dei rifiuti urbani 1. Con riferimento all ultimo capoverso del punto del Decreto del Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare del 13/02/2014 (pubblicato sulla G.U. n. 58 dell 11/3/2014), e della L.R. 24/2012, non si è posto a carico dell appaltatore il costo del conferimento negli impianti di smaltimento/trattamento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati in quanto l ARO n.6/le ritiene necessario il monitoraggio e controllo dei flussi delle varie tipologie di rifiuto al fine di assicurarne un corretto conferimento e di non fare incassare direttamente all appaltatore il ricavato della vendita alle piattaforme di conferimento delle varie frazioni di raccolta differenziata ed i contributi eventualmente versati dal CONAI, affinché le Amministrazioni Comunali possano disporre della liquidità dovuta all erogazione periodica dei contributi da parte dei consorzi di filiera appartenenti al circuito ANCI-CONAI, in modo da finanziare attività ed iniziative di potenziamento della raccolta differenziata domiciliare. 2. Le Amministrazioni comunali, quindi, saranno proprietarie dei rifiuti raccolti dall Appaltatore. 3. Competeranno ai Comuni i costi di conferimento e smaltimento dei rifiuti urbani indifferenziati che verranno trasportati a cura e spese dell appaltatore presso l impianto gestito dalla Lecce Ambiente Lecce Due Srl ubicata in Poggiardo, ovvero presso eventuale altro impianto che venisse indicato a tale scopo; 4. Competeranno ai Comuni i costi di trattamento dei rifiuti identificati con codice CER rifiuti biodegradabili di cucine e mense e CER sfalci d erbe e ramaglie che verranno trasportati a cura e spese dell appaltatore presso impianti di compostaggio individuati dalla stazione appaltante, in ambito regionale. Per tale servizio di trasporto fuori dall ambito provinciale, l appaltatore dovrà provvedere con mezzi idonei, che dovranno essere adeguatamente indicati in offerta, fermo restando il compenso stabilito di /ton 25,00 al lordo del ribasso d asta offerto. Tale importo fa riferimento ad un trasporto di circa 200 km, pari alla distanza intercorrente tra i comuni dell ARO 6/LE e la zona industriale di Modugno, dove è localizzato l impianto di compostaggio attualmente disponibile. In ragione di ciò, per impianti disponibili diversi e quindi distanze diverse, si farà riferimento ad un costo chilometrico di 0,125 /Km x ton. Qualora l A.R.O. individui e stabilisca il conferimento presso impianti in ambito provinciale all appaltatore non competerà più alcun costo di trasporto; 5. Competeranno ai Comuni i costi di trattamento dei rifiuti differenziati e i ricavi conseguiti attraverso i contributi CONAI o a qualsiasi altro titolo, così come gli oneri di trattamento/smaltimento dei rifiuti derivanti dalle raccolte selettive (RUP, beni durevoli, rifiuti ingombranti e RAEE e sfalci e potature). 5 6. L Appaltatore, laddove riscontrasse che il materiale non fosse conferito dagli utenti in maniera conforme alle disposizioni impartite, dovrà lasciare un avviso all utenza riportante le difformità riscontrate e darne tempestiva comunicazione all Ufficio di Polizia Municipale. Nel caso in cui non ottemperasse alla predetta prescrizione, sarà responsabile, con riferimento ai rifiuti recuperabili, degli eventuali minori ricavi ottenuti e dei maggiori costi di smaltimento. 7. L Appaltatore sarà tenuto a: a. mettere a disposizione dell Ufficio i rifiuti raccolti per l esecuzione di analisi merceologiche finalizzate alla loro caratterizzazione; b. trasportare i rifiuti urbani indifferenziati agli impianti di trattamento e/o recupero e/o smaltimento che, di volta in volta, saranno indicati dall Ufficio; 8. Le spese di trasporto per qualsiasi tipologia di rifiuto per il conferimento agli impianti di destinazione dei rifiuti situati a una distanza inferiore a 60 km dal centro di ciascuno dei Comuni dell ARO6 (con punto di riferimento per la misura assunto convenzionalmente coincidente con la relativa casa comunale) sono a carico dell appaltatore e sono ricomprese nel canone d appalto; 9. Qualora invece gli impianti di destinazione dei rifiuti risultassero a una distanza superiore a 60 km, all Appaltatore sarà riconosciuto, per il percorso eccedente, un compenso aggiuntivo calcolato sulla base delle tariffe medie per il trasporto di materiale sfuso desumibile dal prezziario regionale, ridotto del ribasso d asta applicato nell offerta economica in sede di gara. La distanza sarà calcolata dal centro del singolo Comune, come espresso al punto precedente, all impianto di destinazione. ART. 3 - Pesatura dei rifiuti 1. La pesatura dei rifiuti dovrà essere documentata con apposita documentazione di trasporto indicante: le quantità di rifiuti, i codici CER, la descrizione dei rifiuti, la suddivisione dei pesi per raccolta domiciliare, raccolta stradale e presso le piattaforme ecologiche nonché per destinazione allo smaltimento finale, al trattamento e al recupero. La predetta documentazione dovrà essere datata, recare il timbro e la firma del Responsabile e conservata presso gli uffici dello stesso; i dati risultanti dalla predetta documentazione dovranno essere conformi ai sistemi di monitoraggio nazionali, e consegnati in formato elettronico (file tipo excel Microsoft o equivalente) all Ufficio ogni mese. ART. 4 - Servizi complementari e servizi analoghi I Comuni dell Aro e l Aro di riferimento si riservano la facoltà di poter affidare mediante procedura negoziata, al medesimo prestatore del servizio principale: a) ai sensi e per gli effetti dell Art. 57, comma 5, lettera a) del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. servizi complementari non compresi nel presente capitolato speciale di appalto, ma che, a causa di circostanze impreviste, siano diventati necessari per assicurare il servizio all utenza; b) ai sensi e per gli effetti dell Art. 57, comma 5, lettera b) del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. nuovi servizi consistenti nella ripetizione di servizi analoghi già affidati con la presente gara - conformi al presente capitolato speciale di appalto. Per l espletamento di tali servizi l appaltatore verrà compensato secondo l allegato elenco prezzi unitari a cui verrà applicato il ribasso d asta offerto. ART. 5 Adeguamento e variazione dei servizi L Impresa Aggiudicataria (di seguito I.A.) si impegna ad aumentare, estendere o variare, su richiesta dei Comuni, i servizi oggetto del contratto quali, a titolo esemplificativo: l organizzazione e l estensione dei servizi, 6 la durata degli interventi previsti, le modalità del loro svolgimento, nonché una diversa presenza del personale addetto. In tale ipotesi, il corrispettivo verrà adeguato sulla base di una dettagliata relazione tecnico-finanziaria prodotta dall ARO n.6/le. Per i servizi già previsti nel presente Capitolato, o rivenienti dall offerta, il corrispettivo verrà adeguato solo in presenza di un aumento e/o diminuzione delle quantità sottese ai servizi con un alea del 10%. I Comuni dell Aro e l Aro potranno altresì richiedere, in aggiunta o in sostituzione dei servizi previsti, l'espletamento di servizi occasionali non compresi, e o compresi, in questo Capitolato, purché compatibili con la qualifica del personale ed eseguibili con le attrezzature disponibili. L'impresa aggiudicataria sarà tenuta ad eseguire tali servizi aggiuntivi o sostitutivi con le modalità da convenirsi, mettendo a disposizione il personale dipendente ed i propri mezzi. Per la valutazione economica relativa all espletamento di tali servizi si farà riferimento all allegato elenco prezzi unitari, a cui sarà applicato il ribasso offerto. Per tutto quanto non previsto nella succitato elenco prezzi unitari l ARO disporrà apposita istruttoria tecnicoeconomica. ART. 6 - Obbligo di continuità dei servizi I servizi oggetto dell appalto sono a tutti gli effetti servizi pubblici e costituiscono quindi attività di pubblico interesse sottoposta alla normativa dettata dalla Parte IV del D. Lgs 152/2006. Essi pertanto non potranno essere sospesi o abbandonati, salvo casi di forza maggiore. In caso di astensione dal lavoro del personale per sciopero, l'i.a. (di seguita I.A.) dovrà impegnarsi al rispetto delle norme contenute nella Legge 12 giugno 1990, n. 146 ( Esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e di salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati ), nella legge 83/2000 ( Modifiche ed integrazioni della legge 12 giugno 1990, n. 146, in materia di esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e di salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati ) e nei diversi accordi di settore sottoscritti ai sensi delle citate norme. In caso di arbitrario abbandono o sospensione, i Comuni dell Aro e l Aro di riferimento potranno sostituirsi all'i.a. per l'esecuzione d'ufficio, secondo quanto previsto al successivo art.22. E comunque fatta salva la facoltà per i Comuni dell Aro e l Aro di riferimento nel caso in cui si ravvisi l'ipotesi del reato previsto dall'art. 340 C.P., di segnalare il fatto alla competente Autorità Giudiziaria. ART. 7 - Durata dell'appalto Il contratto avrà durata di anni 9 a decorrere dalla data di effettivo inizio del servizio. Qualora, dopo la scadenza del contratto, fosse necessario un lasso di tempo per esperire una nuova gara di appalto, l'i.a., previa richiesta dei Comuni dell ARO di riferimento entro un mese dalla scadenza, sarà tenuta alla prosecuzione del servizio, in regime di temporanea prorogatio nel termine massimo di sei mesi, senza poter pretendere, in aggiunta al canone vigente al termine del periodo contrattuale, indennizzo alcuno per l'uso, la manutenzione o la sostituzione dei mezzi strumentali in dotazione. ART. 8 - Documenti che fanno parte del contratto Faranno parte integrante e sostanziale del Contratto, ancorché non materialmente allegati: a) la relazione tecnica; b) Elenco del numero di addetti che saranno impiegati; 7 c) la relazione economica; d) gli elaborati grafici; e) il Piano operativo di sicurezza, da redigersi a cura dell I.A.; f) il DUVRI; g) il presente Capitolato speciale d appalto ; h) la dichiarazione di impegno al raggiungimento degli obiettivi quantitativi (tonn/anno) ed economici di Contributi CONAI ( /anno ,48 netto IVA - /mese ,46 netto IVA) previsti dai Comuni dell ARO di riferimento nelle Relazioni Tecnico-Economiche del presente progetto, o nel caso di importi superiori, previsti nel proprio progetto offerta. In caso di mancato raggiungimento degli obiettivi economici attesi, l Impresa Appaltatrice sarà soggetta ad una penale pari ai due terzi dell importo calcolato sulla differenza tra gli obiettivi economici previsti ( ,48 netto IVA in totale) e quelli effettivamente raggiunti. La penale non troverà applicazione limitatamente ai primi 4 mesi dall avvio del servizio. A titolo di esempio, se su base annua sarà incassata dalle Amministrazioni Comunali in totale la somma di ,48 netto IVA, l Impresa Appaltatrice sarà soggetta ad una penale di importo pari a ,67 netto IVA ). In caso di superamento degli obiettivi economici, spetterà all Impresa Appaltatrice una premialità pari ai due terzi dell importo calcolato sulla differenza tra gli obiettivi economici previsti ( ,48 netto IVA) e quelli effettivamente raggiunti. A titolo di esempio, se su base annua sarà incassata dalle Amministrazioni Comunali in totale la somma di ,48 netto IVA, all Impresa Appaltatrice sarà corrisposta una somma di importo pari a ,67. Tale verifica tra i risultati raggiunti e gli obiettivi prefissati verrà condotta annualmente entro il 30 settembre e l eventuale penale verrà ripartita e detratta dai canoni da corrispondersi nell ultimo trimestre. Il Premio, invece, verrà erogato solamente dopo aver accertato che le percentuali indicate siano state effettivamente raggiunte e solo dopo 90 giorni che il CONAI abbia effettivamente versato i contributi dovuti ai Comuni dell ARO di riferimento. L I.A. si impegna altresì a rispettare tutte le leggi e le norme vigenti nonché quelle che potrebbero essere emanate in materia di servizi, forniture, lavori pubblici a livello nazionali e regionali inerenti l oggetto del presente appalto. ART. 9 - Condizioni alla scadenza Alla scadenza del contratto ( 9 anni), gli impianti e le attrezzature acquisiti direttamente dall'i.a. rimarranno sul territorio comunale dei Comuni dell ARO di riferimento, e se riutilizzabili, giusto apposito verbale di constatazione, saranno ceduti in comodato all impresa appaltatrice subentrante previo riconoscimento alla cessante delle eventuali, residue rate relative a piani il cui periodo di ammortamento originario non si sia concluso al momento del subentro. Resteranno di proprietà dei Comuni dell ARO di riferimento anche le dotazioni informatiche, sia hardware che software, le banche dati relative ai servizi ed ogni altro materiale elaborato dall I.A. nel corso dell appalto per i servizi oggetto dello stesso. ART Controllo del servizio Ai sensi dell art. 119 del D.Lgs. 163/06 ed artt. 300 e segg. del D.P.R. 207/2010 l Ente appaltante nominerà, prima dell avvio del servizio, il Direttore dell Esecuzione del Contratto. Gli enti convenzionati potranno nominare, ai sensi e per gli effetti dell art. 300 ca. 3 del D.P.R. 207/2010, gli Assistenti al Direttore dell Esecuzione del Contratto, cui affidare, per iscritto, una o più delle attività di competenza del Direttore dell Esecuzione. 8 L'I.A. sarà tenuta a fornire anticipatamente ai Comuni ed all
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks