TRIBUNALE DI MILANO TREDICESIMA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA N DELL ANNO 2013 FRA

Description
PERIODICO DELLA PARROCCHIA SS. TRINITÀ - MILANO anno 6 - numero 31 - Estate 2015 Giustizia è fatta Con sentenza definitiva, si è conclusa la causa che opponeva la parrocchia Santissima Trinità all'associazione

Please download to get full document.

View again

of 24
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Devices & Hardware

Publish on:

Views: 0 | Pages: 24

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
PERIODICO DELLA PARROCCHIA SS. TRINITÀ - MILANO anno 6 - numero 31 - Estate 2015 Giustizia è fatta Con sentenza definitiva, si è conclusa la causa che opponeva la parrocchia Santissima Trinità all'associazione Il Cielo per il rilascio del Teatro Verga. Pubblichiamo qui integralmente la sentenza che dà completa ragione alla parrocchia. Il teatro torna ad essere disponibile per la parrocchia e tutti i parrocchiani...e ora diamoci da fare per utilizzare questo prezioso strumento Sentenza n. 7952/2015 pubbl. il 25/06/2015 RG n /2013 TRIBUNALE DI MILANO TREDICESIMA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA N DELL ANNO 2013 FRA PARROCCHIA DELLA SANTISSIMA TRINITA DI MILANO (C.F ) elettivamente domiciliato in LARGO TOSCANINI, MILANO presso l Avvocato GUA- STALLA ALBERTO SERGIO LUIGI, che la/lo rappresenta e difende RICORRENTE E ASS.NE CULTURALE IL CIELO (C.F ) elettivamente domiciliato in VIA POLLAIUOLO 15 MILANO presso l Avvocato NOTA STEFANO RESISTENTE il filo 1 La sentenza sul teatro Verga Oggi 25/06/ innanzi al giudice unico dott. Carmela Gallina, sono comparsi: Per PARROCCHIA DELLA SANTISSIMA TRINITA DI MILANO è comparso l avv. GUASTALLA ALBERTO SERGIO LUIGI Per ASS.NE CULTURALE IL CIELO è comparso l avv. Francesco Barbetta in sostituzione dell avv. NOTA STEFANO giusta delega. E presente personalmente il sig. R. D. S. Le parti insistono nelle rispettive conclusioni. Il Giudice, dato atto, pronuncia sentenza ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c. IL G.U. Dott. Carmela Gallina REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO TREDICESIMA CIVILE Il Tribunale, nella persona del giudice unico Dott. Carmela Gallina ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile di I Grado iscritta al N /2013 R.G. promossa da: PARROCCHIA DELLA SANTISSIMA TRINITA DI MILANO (C.F ) elettivamente domiciliato in LARGO TOSCANINI, MILANO presso l Avvocato GUA- STALLA ALBERTO SERGIO LUIGI, che la/lo rappresenta e difende contro: RICORRENTE ASS.NE CULTURALE IL CIELO (C.F ) elettivamente domiciliato in VIA POL- LAIUOLO 15 MILANO presso l Avvocato NOTA STEFANO RESISTENTE 2 il filo La sentenza sul teatro Verga CONCLUSIONI Le parti hanno concluso come da verbale d udienza in data odierna. Motivi in fatto e in diritto della decisione La domanda è fondata. La natura dell accordo inter partes e la sua durata sono state accertate da questo Tribunale con la decisione resa in data allegata dalla ricorrente passata in giudicato. Ciò vale a fondare tenuto conto dell ampio decorso del termine ivi indicato e della reiterata richiesta effettuata al comodatario per rientrare nel possesso dell immobile la domanda di condanna al rilascio immediato essendo prima di titolo l attuale detenzione. Risulta fondata anche la domanda di condanna al versamento di quanto pattuito a titolo modale per l importo ed il periodo indicato dalla ricorrente attesa la conformità di tale richiesta alle pattuizioni: poiché è incontestato il mancato pagamento a decorrere dalla mensilità di marzo 2012 consegue la condanna dell Associazione resistente a versare l importo di (calcolato alla data odierna) nonché alla somma di 5.225,50 a titolo di rimborso per l erogazione dell energia elettrica. La genericità delle contestazioni svolte a riguardo dalla resistente rende le stesse prive di valenza. Sull importo complessivo pari a ,50 competono gli interessi di legge dalle scadenze al saldo effettivo. Sussiste, inoltre, il diritto della ricorrente a conseguire la penale pattuita per ciascun giorno di ritardo pari a 154,93 a far data dall ossia dalla scadenza del contratto quale giudizialmente accertata. Tale importo è da intendersi in valori attuali e sullo stesso competono gli interessi di legge dalla presente decisione al saldo. Non risulta fondata la censura formulata dalla resistente riguardo alla validità della clausola penale: la stessa risulta pienamente valida ed efficace essendo stata oggetto di doppia approvazione specifica in conformità al disposto dell art c.c. Quanto esposto rende priva di fondamento la domanda riconvenzionale relativa alla richiesta di proroga del contratto di comodato. Parimenti infondata è la domanda relativa al risarcimento dei danni ed alla rifusione delle spese: considerato il carattere abusivo dell attuale detenzione da parte della resistente nulla può essere rivendicato dalla stessa ad alcun titolo. L esito della lite e la pervicacia manifestata dalla resistente a fronte della pur accertata scadenza del contratto con la decisione ormai definitiva rende necessario applicare la previsione sanzionatoria di cui all art. 96 comma III c.p.c. ponendosi a carico della stessa l obbligo di versare a tale titolo la somma equitativamente determinata in in valori attuali. Le spese di lite liquidate come in dispositivo seguono la soccombenza. P.Q.M. Il Tribunale di Milano sezione XIII^ civile in funzione monocratica nella persona del giudice dott.ssa Carmela Gallina definitivamente pronunciando così decide: 1) accoglie la domanda e ritenuta l intervenuta risoluzione del contratto di comodato inter partes condanna la resistente al rilascio immediato dell immobile Teatro Sala Verga sito in Milano via Verga nr. 5; 2) condanna la resistente a versare alla ricorrente per il titolo indicato in narrativa l importo il filo 3 di ,50 oltre agli interessi di legge dalle scadenze al saldo effettivo nonché a titolo di penale la somma giornaliera pari ad 154,93 a far data dall sino all effettivo rilascio, da intendersi tale importo in valori attuali oltre interessi di legge dalla presente decisione al saldo; 3) rigetta le domande riconvenzionali; 4) condanna la resistente a rifondere alla ricorrente ex art. 96 comma III c.p.c. la somma equitativamente determinata in in valori attuali; 5) condanna la resistente a rifondere alla ricorrente le spese di giudizio liquidati in per compensi ed 458 per sborsi oltre al rimborso spese generali pari al 15% nonché iva e cnpa. Sentenza resa ex art. 281 sexies cpc. pubblicata mediante lettura alle parti presenti ed allegazione al verbale per il deposito in cancelleria in forma telematica. Milano, 25 giugno il filo Il Giudice Dott. Carmela Gallina Una riflessione e un impegno Con questa sentenza e un accordo conseguente tra le parti, si è conclusa la annosa vicenda chidendo una somma quasi simbolica in denaro all associazione da liquidare a rate in diverse mensilità e come contro-partita la consegna immediata delle chiavi del teatro e di tutto quanto in esso. Perciò a partire dal 17 luglio 2015 l ex Teatro Verga è ora in pieno possesso della parrocchia. Dopo una scrupolosa verifica e soprattutto ricerca dei documenti attestanti l agibilità, dopo i necessari lavori di pulizia e di sgombero di quanto inutile depositato nei locali del teatro, dopo una programmazione e esecuzione dei lavori strutturali indispensabili, la parrocchia sarà pronta a far rinascere e gestire, coadiuvata da una commissione di volontari, il nuovo teatro che molto probabilmente si chiamerà Teatro del Borgo di via Verga e avrà due sale disponibili: Sala Padovese e Sala Battistini. Speriamo che con l aiuto di tanti (e ce ne sarà bisogno) il teatro possa ripartire al più presto con una nuova programmazione cinematografica e teatrale di alto livello culturale. Perché Teatro del Borgo? Perché la nostra parrocchia è sempre stata conosciuta come il Borgo di Scigulat, perché quest anno ricorre la nascita di un altra lodevole iniziativa sorta nella nostra parrocchia che è la cooperativa Il Borgo. Due motivi validi per un nome! Perché Sala Padovese? Penso che non ci siano parole per ricordare chie era il nostro Mons. Padovese. Perché Sala Battistini? Perché è stato un grande regista che per primo mi aveva dato la sua piena disponibilità a collaborare per il teatro ma purtroppo ci ha lasciati il 12 gennaio Per info su Fabio Basttistini: Compiti per le vacanze Carissimi, Come già annunciato, dal 1 settembre don Dino è stato nominato Vicario Parrocchiale della Parrocchia di San Luigi in Milano e curerà anche la pastorale dei malati del decanato di Lambrate con una attenzione particolare alla Casa di riposo Saccardo. Mentre ringraziamo il Signore di quanto in questi anni di ministero, don Dino ha saputo seminare tra noi, dobbiamo però anche pregare il Signore che ci dia una mano perché la nostra parrocchia dal 1 Settembre potrà contare solo sulla presenza di un sacerdote a tempo pieno, il sottoscritto, e di un aiuto da parte di don Giuseppe Zhang, compatibilmente con il suo impegno principale che è quello di cappellano della comunità cinese della diocesi di Milano. Non potrò quindi essere presente dovunque e comunque e quindi questo vuol dire che sarà bene che i laici, partendo da questa situazione molto concreta, prendano sempre più precise responsabilità, per quanto è loro possibile, per poter sopperire alle molteplici esigenze della pastorale Il primo servizio di un parroco, oltre a quello strettamente sacramentale (cioè celebrazione del sacramento dell'eucarestia e della riconciliazione che solo il sacerdote può fare), è quello del servizio all'unità, cioè del coordinare tutte le varie iniziative secondo un progetto unitario, concordato assieme, e nel far crescere, stimolare e.maturare le varie vocazioni al servizio della comunità. È importante quindi all'inizio di quest'anno pastorale che sarà certamente molto impegnativo ma anche ricco di soddisfazioni, dedicare un tempo congruo per trovarci insieme decidere le linee operative e i progetti e programmare le attività dei diversi gruppi. Se non ho dimenticato qualcosa, mi sembra che ci si possa ritrovare tutti secondo questa divisione di ambiti o di età di intervento. Mentre siamo in vacanza o siamo appena tornati, vi invito a riflettere su quanto detto sopra e a scegliere un ambito di impegno che più sentite adatto per impiegare i vostri talenti. Pensate a qualche proposta, qualche idea, a qualche altra persona da coinvolgere e anche a quanto materialmente potete dedicare a questo sevizio per il Signore e per la comunità. Scrivetemi pure una o diverse mail comunicando le vostre idee, proposte. Le terrò presenti e serviranno come base per un incontro o una serie di incontri che faremo divisi per gruppi come segue: o Segreteria o Missioni o Caritas e assistenza malati e infermi o Battesimi o Catechesi iniziazione o Sport o Bar o Liturgia o Teatro o Oratorio e comunità educante o Consiglio pastorale o Gemellaggio o Filo e internet o Giovani e giovani adulti o Fidanzati o Doposcuola o Comunità Cinese della Parrocchia o Mercoledì dell amicizia o Scout o Icone o Lavori manutenzione o Amministrazione Dedicheremo a questi incontri una ventina di giorni dal 7 settembre al 26 per poi fare una assemblea parrocchiale domenica 27 dove presenteremo un po' a tutta la comunità i primi risultati, accoglieremo i suggerimenti e le ulteriori disponibilità e così elaboreremo un calendario per il 1 di ottobre. Grazie, che il Signore vi benedica e buone vacanze. Don Mario il filo 5 Enciclica sull ambiente Con gli occhi dei bambini R ecentemente il Papa ha fatto un'enciclica chiamata Laudato sì', sulla cura della casa comune. Allora abbiamo deciso di intervistare alcuni bambini dell'oratorio estivo. Per prima cosa abbiamo chiesto se conoscevano Papa Francesco, perché si chiama così (da quale santo ha preso il nome e la sua storia). Poi abbiamo fatto delle domande su cosa è lo spreco per loro e cosa possiamo fare per tutelare l'ambiente in cui viviamo e infine delle domande sulla loro vita personale. - Chi è Papa Francesco? Amelie (11 anni): Papa Francesco è il capo della chiesa cristiana cattolica. - Perchè si chiama così? Amelie: Il nome l'ha preso da San Francesco e l'ha scelto perché nessuno lo aveva mai utilizzato - E chi era San Francesco? Luigi (12 anni): San Francesco era un santo che ha deciso di vivere in miseria per capire la sofferenza della gente povera e quella di Gesù. Lui avevo pregato molto affinché Gesù esaudisca il suo desiderio, cioè di soffrire come Gesù aveva fatto. - Cosa è per te lo spreco? (tutti): Per me lo spreco è consumare le cose inutilmente, ad esempio non mangiare tutto il cibo nel piatto e buttarlo, usare l'acqua per giocare, comprare molti oggetti e usarne pochi etc. - Cosa si può fare per rendere la Terra un posto migliore? Francesco (9 anni), Bianca (6 anni), Giacomo (8 anni): Si devono utilizzare i cestini e fare la raccolta differenziata. CIBO Francesco: Mangiare gli avanzi rimasti Matteo (10 anni): Comprare le cose da mangiare che ci piacciono Gabriel (9 anni): Sforzarsi di mangiare il cibo a disposizione - Vi capita di buttare del cibo? Amelie: No, perché la mamma ci prepara sempre il giusto e il necessario oppure il cibo rimasto lo doniamo alle persone povere. ACQUA Luigi: Usare bene l'acqua e usarla per annaffiare le piante Francesco, Amelie, Bianca e Giacomo: Usare l'acqua in modo giusto soprattutto quando ci laviamo i denti o ci laviamo? - Quanti giocattoli avete? Li usate tutti? Luigi e Gabriel: tanti giochi elettronici, console e almeno 30 videogiochi. Si, ci giochiamo alternandoli, ma ci giochiamo sopratutto quando escono videogiochi nuovi. Matteo, Amelie, Bianca e Giacomo: Alcuni giocattoli che non usiamo più li regaliamo agli amici che li vogliono oppure li doniamo ai bambini che non hanno giocattoli. Luigi: Al posto di comprare giochi possiamo donare i soldi alle persone più sfortunate. Amelie, Bianca e Giacomo: Doniamo anche i vestiti che non usiamo più Michael e Isabella 6 il filo Enciclica sull ambiente Sfida allo spreco Q uesti problemi, i problemi legati all ecologia ci scrive Francesco, sono intimamente legati alla cultura dello scarto, che colpisce tanto gli esseri umani quanto le cose che si trasformano velocemente in spazzatura. È sempre sorprendente accorgersi, anche e forse soprattutto per un pubblicitario come me, con quale naturalezza le cose, giorno dopo giorno, un po alla volta, occupano, si prendono gli spazi delle persone: assecondati dalla pubblicità, gli oggetti sembrano la parte migliore di noi e forse anche lo sono la parte migliore di qualcuno di noi. Pensiamo di abitare in una certa casa, guidare una certa macchina, indossare un certo abito e invece, poco a poco, siamo abitati, guidati, indossati. Così, con un bel po di inquietudine siamo costretti a prendere atto di quanto in fretta gli oggetti diventano vecchi. Questa inquietudine è determinata da una semplice consapevolezza: sappiamo che la velocità dell invecchiamento ci riguarda da vicino, molto da vicino. Anzi un giorno forse tra pochi giorni la rottamazione avrà noi come protagonisti invece che i nostri condizionatori o le nostre lavatrici. Persone e oggetti vittime di un destino comune. Così bisognerà guardarlo con attenzione questo destino dei prodotti. E bisognerà dedicare molte energie e intelligenze per sconfiggere quella che Francesco chiama la cultura dello scarto. Già da qualche anno sappiamo che i nostri elettrodomestici e tanti altri oggetti hanno la morte incorporata: sono cioè progettati per smettere di funzionare ad una data prestabilita. Tecnicamente si chiama obsolescenza programmata e serve a vendere più oggetti. Tra i primi a rivelarla, un paio di anni fa, è stato il professor Christian Kleis della facoltà di Economia di Aalen in Germania. Quando poi la morte non è o l oggetto non ha ancora raggiunto la sua ora x programmata, ci pensano gli esseri umani con comportamenti che Francesco non esita a definire suicidi: il papa fa l esempio dell uso spesso sfuggito ad ogni controllo dei condizionatori. Non bisogna avere paura. Bisogna invece riconoscere la grandezza, l urgenza e la bellezza della sfida che ci si presenta. Una sfida che possiamo vincere con l orgoglio di chi sa di avere uno come Francesco al proprio fianco. Prima parte Roberto Parisi il filo 7 Oratorio Tuttiatavola Pomodori Rossi Mandarini Arancioni Capisquadra Benedetta Gazzotti Pomodori Rossi Michael Mercado Capisquadra Alessandro Mungo Sara Salioni Mandarini Arancioni Capisquadra Mirtilli Blu Sofia Pizzorno Gaia Luzzio Mirtilli Blu 8 il filo Estivo 2015 Le nostre squadre Ananas Gialli Peperoni Verdi Capisquadra Emma Salioni Peperoni Verdi Andrea Romano Capisquadra Ananas Gialli Samir Saad Sara Peschiera Capisquadra Melanzane Viola Shun An Zhang Alice Oneda Melanzane Viola il filo 9 Noi e gli altri Gemellaggio con Lipsia N ella città tedesca, famosa tra l'altro perché vi visse e vi morì il grande compositore e musicista Johann Sebastian Bach, è nata una nuova chiesa dedicata alla Santissima Trinità. Proprio come la nostra. Ed è per questo che la signora Patrizia Rubini, milanese di nascita ma dal 1995 residente a Lipsia, conoscendo la nostra comunità parrocchiale ci ha chiesto se eravamo interessati a un gemellaggio. Ovviamente abbiamo risposto di sì! Lo scorso maggio il primo incontro in parrocchia, presenti don Mario, la signora Patrizia e l'avvocato Cesare Lanciani con sua moglie di origini tedesche che si sono resi disponibili per cominciare a lavorare un po' per formare il gruppo per il gemellaggio. Va detto che nella storia di Lipsia questa è la terza chiesa della Santissima Trinità. Come ci ha raccontato la signora Patrizia, infatti, la prima parrocchia St. Trinitatis era stata costruita nel 1710 e fu poi bombardata due volte nel La pietra della seconda chiesa fu posata nel 1980, ovvero pochi decenni fa, ma già verso la fine della costruzione agli architetti fu chiaro che la chiesa non sarebbe durata a lungo. Il terreno si è subito insaccato per via dell'alto livello d'acqua sotterranea, un problema molto comune a Lipsia ma estremamente grave proprio dove era stata permessa la costruzione , ci ha raccontato la signora Patrizia. Da qui il progetto di costruirne una nuova che, come si vede dalle foto, è stata realizzata a tempo di record, 10 il filo in meno di due anni! L'innalzamento della croce è stato un momento molto commovente , ricorda Patrizia. La prima celebrazione lo scorso 8 maggio. È stato un progetto pastorale sostenuto anche da tutte le comunità cattoliche dell'intera Germania che per tre domeniche in un anno hanno raccolto fondi per la realizzazione di questa cattedrale . Come ci ha spiegato la signora Rubini, la nuova chiesa della Santissima Trinità vuole essere il più possibile vicina alla gente. È infatti nel centro di Lipsia e avrà anche un caffè letterario di modo che le persone possano fermarsi anche solo per un momento di pausa o per incontrarsi a discutere su qualche tema di riflessione e così avvicinarsi alla parrocchia. Proprio perché Lipsia è la città di Bach, la nuova chiesa avrà anche un corso di canto Toma per i bambini e naturalmente ha già una corale e un'orchestra meravigliosa che vedremo di contattare al più presto perché possa venire a Milano per un concerto. Come si svolgerà il gemellaggio? Per adesso c'è stato solo un primo incontro, ma già pensiamo a quanto potemmo fare insieme, appuntamenti con i parrocchiani, gruppi della terza età o dei bambini, scambio di prodotti gastronomici e magari anche una reciproca ospitalità per le vacanze e chi più ne ha più ne metta. Noi potremmo esportare l'oratorio e loro la loro passione per il canto e per la liturgia. Ma chissà quante altre cose belle potremmo fare insieme... La Redazione Noi e gli altri La Chiesa della S.S. Trinità di Lipsia La chiesa in fase di costruzione il filo 11 Calendario parrocchiale Agosto SABATO S. Messa DOMENICA S. Messa Nel mese di agosto la S. Messa delle ore 8.30 sarà sospesa Dal LUNEDÌ al VENERDÌ S. Messa Oratorio Estivo dalle 8.00 alle Settembre Martedì 1 Riprende la S. Messa delle 8.30 Mercoledì 2 Giovedì 3 Venerdì 4 Sabato 5 Domenica 6 Lunedì 7 Martedì 8 Mercoledì 9 Termina l Oratorio Estivo Giovedì 10 Venerdì 11 Sabato 12 Domenica S. Messa e Battesimi Lunedì 14 Martedì 15 Mercoledì 16 Giovedì 17 Venerdì 18 Sabato 19 Domenica 20 Lunedì 21 Martedì 22 Mercoledì 23 Giovedì 24 Venerdì 25 Sabato 26 Domenica Assemblea della parrocchia (vedi pagina 5) Lunedì 28 Martedì 29 Mercoledì 30 Dal 7 settembre al 26 Ogni giorno (mattina, pomeriggio,
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks