Oggetto: Lavori di Costruzione di Edifici Residenziali. Ubicazione: Mappano di Caselle Via Cuorgnè (altezza Via Reisina)

Description
Oggetto: Lavori di Costruzione di Edifici Residenziali Ubicazione: Mappano di Caselle Via Cuorgnè (altezza Via Reisina) CAPITOLATO TECNICO DEI LAVORI T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato

Please download to get full document.

View again

of 11
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Health & Medicine

Publish on:

Views: 0 | Pages: 11

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Oggetto: Lavori di Costruzione di Edifici Residenziali Ubicazione: Mappano di Caselle Via Cuorgnè (altezza Via Reisina) CAPITOLATO TECNICO DEI LAVORI T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 1 Il Costruttore La ICEP s.r.l è un impresa che dal 1973 si occupa di progettazioni e realizzazioni edili. Grazie al suoi oltre 35 anni d esperienza nel campo delle costruzioni e al know how acquisito riesce a proporre alla sua clientela manufatti edilizi di alto pregio e di notevole contenuto qualitativo che vengono seguiti passo passo a partire dalla minuziosa progettazione sino alla meticolosa realizzazione. Il personale altamente specializzato, sia nella progettazione che sul cantiere, permettono alla ICEP un costante controllo di tutte le fasi realizzative a partire dall acquisizione della commessa sino alla consegna definitiva e al rogito dell appartamento. Una costante monitoraggio delle nuove tecnologie e dei nuovi materiali da parte della ICEP permettono una costante innovazione e un continuo miglioramento al fine di fornire ai propri clienti abitazioni all avanguardia e durabili nel tempo. La selezione dei migliori fornitori sul mercato permette alla ICEP di avere capitolati di alta qualità sia nei materiali compresi nel prezzo sia nell extra capitolato proposto all acquirente a prezzi concordati e controllati, per offrire sempre la migliore qualità al miglior prezzo. Impresa in possesso di certificazione S.O.A. e ISO 9001:2008 T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 2 1 Struttura portante Caratteristiche principali Tutte le strutture portanti sono progettate in piena osservanza dei requisiti anti sismici LG Fondazioni, muri contro terra, pilastri, travi, balconi, rampe scale in cemento armato. Solai in laterizio e cemento armato o in cemento armato con lastre PRE DALLES per i box, solaio di copertura del piano interrato. 2 Murature Murature perimetrali dei piani abitabili e sottotetti, in laterizi semipieni pesanti a cassa vuota, paramento esterno da cm 12 circa in paramano, paramento interno da cm 12 circa. Muri scale e divisori tra gli alloggi in laterizi semipieni, come sopra, a cassa vuota con doppio paramento da cm 12 circa. Divisori interni agli alloggi in semipieni o forati di quarto. Box auto in blocchi di cls lavorati a vista a norma dei V.F., cantine, soffitte, locali tecnici in blocchi di cls. a vista o in mattoni rinzaffati. 3 Copertura e gronde Tetto a falde con struttura portante in cemento armato e di tipo misto in c.a. e laterizi con sovrastante piccola orditura in legno; manto di copertura in tegole cementizie tipo coppo di francia, faldalerie, gronde e pluviali in lamiera di rame. L intradosso dei cornicioni sarà in c.a. a vista. 4 Facciate Tutte in mattoni a vista con fasce in elementi d alluminio. Ringhiere balconi in acciaio rivestiti in allumino o vetro zigrinato. zoccolo perimetrale nel medesimo materiale dei pavimenti dei terrazzi o similare. T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 3 FORNACE DI CASTIGLIOLE MONFERRATO 5 Intonaci e rivestimenti interni Tutti i locali adibiti ad abitazione sono intonacati con premiscelato tipo pronto monostrato con impasto a base cemento e finitura con rasatura fine. Pareti piastrellate intonacate al rustico tirato in paino a frattazzo. Tutti gli spigoli saranno protetti da profili para spigoli in acciaio zincato perfettamente tirati a piombo. Finitura superficiale con arricciatura di calce su tutte le parti non rivestite in ceramica. Locali box con pareti perimetrali in blocchetti di cemento faccia a vista o in CA faccia a vista. Controsoffitature parti comuni piano pilotis realizzate in cartongesso con struttura portante metallica. 6 Scale Gradini e pianerottoli scale condominiali in granito nazionale o similare, lucidato e/o martellinato antiscivolo, pedate 3 cm e alzate 2 cm. zoccolini a nastro. Ringhiere in profilati di ferro o alluminio anodizzato con eventuali elementi strutturali in acciaio verniciato 7 Pavimenti e rivestimenti 7.1 Soggiorno, cucina, disimpegno camere. Vasta scelta di piastrelle in gres porcellanato smaltato o monocottura di dimensioni cm 33x33 con zoccolino battiscopa coordinato. Posa a scelta a giunto unito o fugato sia in diagonale che in quadro. 7.2 Bagno Vasta scelta di piastrelle in monocottura di cm 20x20 o 20x30. Pareti rivestite fino a cm 220 circa. Posa sul pavimento a scelta a giunto unito o fugato sia in diagonale che in quadro. 7.3 Rivestimenti cucina Vasta scelta di piastrelle in monocottura di cm 20x20 o 20x30. Parete attrezzata cucina fino a cm 180 circa. 7.4 Balconi terrazzi Gres porcellanato tutta pasta granito gres; posa fugata in quadro. 7.5 Box Cantine Box auto e cantine piastrellate in gres tutta pasta anti usura; posa fugata in quadro. T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 4 7.6 Davanzali, Soglie e Stipiti Davanzali esterni in serizzo spessore cm. 3 con opportuni gocciolatoi. Copertine perimetrali dei balconi in serizzo spessore cm 4. Davanzali interni in granito nazionale spessore cm 3. Stipiti e architravi esterni a cornice del portoncino d ingresso all alloggio in granito nazionale come quello della scala per garantire la massima durabilità anche in caso di urti accidentali. 8 Infissi esterni ed interni 8.1 Infissi esterni Porte balcone e finestre in legno massello con rivestimento esterno in alluminio, complete di doppia guarnizioni di tenuta, vetri isolanti a camera, ferramenta in lega metallica Avvolgibile in PVC e cassonetti apribili in legno. Vetri bassoemissivi per tutti gli infissi esterni dei vani abitabili del tipo doppio, isolante a camera d aria stagna; Il trattamento basso emissivo, permette di aumentare la resistenza termica della vetrata di oltre il 50%. Vetri da installare nelle specchiature basse delle porte-finestre saranno stratificati o temperati di sicurezza contro urti accidentali. 8.2 Porte interne Porte interne in legno a battente, piano tamburato cieco, spessore cm 45, rivestite sulle due facce con pannelli in fibra di legno o laminati, lucidate con resine poliuretaniche comlete di contro telaio in abete, ferramenta di chiusura con serratura a due mandate e maniglia in ottone satinato Portoncini caposcale di ingresso agli appartamenti, in acciaio blindato con rivestimento del battente impiallacciato in noce tanganika, serratura di sicurezza a più punti, spioncino e lama antispiffero a ghigliottina. Stipiti e architravi dei portoncini alloggi in granito come le scale spessore cm Infissi parti comuni Porte e finestre in alluminio preverniciato, spessore mm 50-55, ciechi o vetrati con vetri camera installati nelle ante, fissati con ferma vetri a scatto, completi di ogni accessorio di fissaggio e sigillatura, oltre che di maniglia e serratura. I portoncini di accesso alle scale saranno dotati di pomoli e serratura elettrica, oltre che di pompa aerea o al piede per il richiamo delle porte. 8.4 Porte box, cantine Porte cantine in acciaio scatolate, zincate e preverniciate, a battente cieco, battente spessore 40 mm cieco realizzato con lamiera plastificata, coibentazione con nido d ape, serratura a infilare a 1 punto di chiusura a cilindro, maniglieria su placca in resina colore nero. Porte box basculanti in lamiera di acciaio zincata e verniciata, realizzate con pannello in lamiera stampata e nervata, spessore minimo mm 8/10, con telaio, complete di serrature di sicurezza, maniglie in lega, cartelle, contrappesi ed ogni accessorio per la corretta posa ed il perfetto funzionamento delle stesse. T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 5 9 Tinteggiature e vetri Tinteggiatura a idropittura delle parti comuni. Tinteggiatura con antiruggine e smalto o ferromicacea delle opere in ferro non zincate. Vetri stampati nazionali per serramenti vetrati, di scale e cantine. 10 Impianto elettrico, telefonico, TV, citofonico L impianto elettrico e telefonico sarà eseguito secondo le vigenti norme ENEL e CEI e comprende in particolare quanto segue. Tutte le prese saranno del tipo idoneo all inserimento di spine sia piccole che grandi - 2x10/16 A+T e a richiesta quattro di queste di tipo UNEL. Tubazioni dell impianto telefonico estese in tutte le camere, soggiorno e cucina. Motorizzazione del cancello carraio comune compresi due telecomandi per alloggio. Ingresso: quadro elettrico generale, un punto luce interrotto, videocitofono e suoneria campanello. Corridoi o disimpegni: un punto luce deviato (a relè nei trilocali) e una presa 2x10/16 A+T Cucine: un punto luce interrotto, punto cappa, 8 prese 2x10/16 A+T delle quali 2 di tipo Unel comandate. Soggiorno: un punto luce doppio deviato. Angolo cottura (in soggiorno living): un punto luce interrotto e 6 prese 2x10/16 A+T di cui due di tipo Unel comandate. Camera da letto matrimoniale: un punto luce a relè e 3 prese 2x10/16 A+T. Camere da letto singole: un punto luce deviato e 3 prese 2x10/16 A+T,. Bagni: 2 punti luce interrotti, una presa 2x10/16 A+T e una presa tipo Unel comandata per lavatrice. Ripostigli: un punto luce interrotto. Terrazze e balconi: un punto luce interrotto compreso corpo illuminate (due su balconi angolari) e una presa stagna per esterni 2x10/16 A+T. Nei locali sottotetti predisposizione per un punto luce deviato e 3 prese 2x10/16 A+T, verranno montati solo il punto luce e una presa. Nel locale sottotetto che potrà ospitare il servizio igienico predisposizione per 2 punti luce interrotti, una presa 2.x10/16 A+T Locale Ingressi Corridoidisimpegni Cucine Soggiorni Tipologia n.1 quadro elettrico generale con interruttore differenziale (salvavita), n.1 punto luce interrotto; Impianto videocitofonico n.1 punto luce deviato e n. 1 presa da 2x10/16 A+T; n.1 punto luce interrotto a soffitto, n.1 punto cappa a parete, n. 8 prese delle quali due comandate; n.1 punto luce commutato, n.6 prese; doppio centro a soffitto; impianto di antenna Tv centralizzata condominale terrestre e satellitare; T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 6 presa telefono Terrazzo/balcone n. 1 punto luce con corpo illuminante e n. 1 presa stagna; Ripostigli n.1 punto luce interrotto; Camere letto n.1 punto luce deviato, n.3 prese Bagni n.1 punto luce interrotto a soffitto, n.1 punto luce interrotto a parete, n.1 presa; n.1 presa UNEL comandata per lavabiancheria Cantine n.1 punto luce e n.1 presa Box n.1 punto luce e n.1 presa 11 Impianto idrosanitario L impianto sarà di tipo centralizzato con accumulo di acqua calda in centrale collegato ai collettori solari e alla caldaia. La distribuzione avverrà con un circuito per l acqua calda una per la fredda e una per il ricircolo. Ogni unità avrà contatori sia per l acqua calda che fredda istallati in armadietto incassato sul pianerottolo scale condominiali. Dai contatori delle singole unità partirà la rete di distribuzione che si allaccerà ai punti acqua interni. La rete di distribuzione interna sarà realizzata con tubi di tipo multistrato. Qualora la pressione o la portata fornita dell ente erogatore di acqua non fosse sufficiente a garantire adeguata portata nelle unità dei piani alti verrà eseguito un impianto autoclave in grado di garantire un perfetto flusso di acqua a ogni piano Scarichi in polietilene tipo Geberit. Colonne verticali in polietilene tipo Geberit. Fognature nere interrate in PVC pesante incamiciato in calcestruzzo. Fognature bianche con tubazioni in calcestruzzo collegate a canali superficiali intubati o a cielo libero esistenti in loco: Locale Bagni Cucina Tipologia n. 1 vasca in acciaio smaltato o doccia (vedi piantina allegata al contratto) n. 1 lavabo in vetrochina a colonna; n. 1 wc in vetrochina con cassetta incassata e sedile in plastica; n. 1 bidet in vetrochina; n. 1 attacco acqua fredda e scarico per lavatrice n. 1 sottocontattore contabilizzazione acqua attacchi per acqua calda e fredda e scarichi del lavello Rubinetteria degli apparecchi del bagno di tipo monocomando a dischi in ceramica. 12 Impianto di riscaldamento e raffrescamento L impianto di riscaldamento sarà di tipo centralizzato con controllo e contabilizzazione per ogni singola unità. T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 7 Dalla centrale termica partirà una rete per la distribuzione dell acqua dell impianto di riscaldamento a bassa temperatura (mandata e ritorno). Per ogni unità in un armadietto sul pianerottolo verrà istallato un contatore di energia termica con contatore di portata e sonde di temperatura in grado di calcolare quanto consumato dalle singole unità. L impianto di riscaldamento negli alloggi sarà realizzato a pavimento in tutti gli ambienti con termo arredo di integrazione nel bagno, collegato al medesimo circuito.. L impianto radiante a pavimento dovrà essere realizzato anche nei locali sottotetto tranne nel locale per un possibile wc dove sarà solo predisposto. Il controllo delle temperature ambientali avverrà con termostati digitali in ogni ambiente escluso bagni e disimpegni. I termostati agiranno sulle elettrovalvole dei singoli circuiti. Tutto l impianto di controllo della temperatura (termostati e testine) saranno collegati ad un impianto di alimentazione centralizzato a bassa tensione per permettere il funzionamento dell impianto anche senza la corrente delle singole unità. 13 Ventilazione Ogni ambiente abitabile sarà dotata di almeno un ventilatore con recuperatore di calore. I ventilatori dovranno essere dotati di un accumulatore di calore in ceramica in grade di recuperare almeno il 90% del calore dell aria espulsa. I ventilatori saranno manovrati da comandi elettrici a parete, ogni unità d comando sarà collegata a massimo 4 ventilatori. Nella scale A e B i bagni ciechi e i ripostigli saranno dotati di un ventilatore collegato ad una canna di estrazione che convoglierà l aria estratta in camini da predisporre sulla copertura. I ventilatori saranno istallati a parete o soffitto e comandati da apposito interruttore a parete. 14 Impianto gas Impianto gas per ogni alloggio a partire dal contatore come previsto dalla Società erogatrice e collegamenti individuali per le cucine e comune per la caldaia. Si precisa comunque che la tipologia di riscaldamento e produzione acqua calda sopra descritti permette all utente il totale svincolo dal contratto con il gestore gas dato che quest ultimo alimenterebbe solo ed unicamente i fuochi cottura. Il cliente in totale libertà può optare per un piano cottura elettrico, a resistenze o ad induzione non abbonandosi quindi all utenza gas. 15 Isolamenti Classe energetica. Il fabbricato per quanto attiene la parte a destinazione residenziale verrà realizzato con isolamenti termici dimensionati per ottenere un classificazione energetica in classe A tabella di classificazione regionale D.G.R e del 4 agosto T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 8 Gli spessori, le densità e le specifiche tecniche effettivi dei materiali isolanti, saranno quelli del progetto dell isolamento termico. Isolamenti acustici dimensionati e posati per garantire in ogni appartamento il confort richiesto dalle norme vigenti in materia il tutto secondo le prescrizioni di specifico progetto. Indicativamente sono previsti i seguenti isolamenti: - muri di tamponamento dei vani abitabili con pannello di polistirene espanso sintetizzato NEOPOR, spessore cm 10 nelle casse vuote ; - muri divisori di separazione dai vani scale comuni, con materassini Edilfiber o similare spessore cm 10 più cartongesso cm 1.3, anche con funzione di isolamento acustico; - muri divisori tra alloggi, con materassini Edilfiber o similare spessore cm 5 più doppio cartongesso cm 1.3, anche con funzione di isolamento acustico; - estradosso ultimo solaio in pannelli battentati di in polistirene estruso spessore cm 100, o similare sovrastante la cappa in cls. Isolamenti acustici dimensionati e posati per garantire in ogni appartamento il confort richiesto dalle norme vigenti in materia; indicativamente sono previsti: - inserimento di striscie in eraclit sotto tutti i muri che delimitano i vani abitabili; - inserimento di materassino tipo Polipren T plus o similare da 5 mm sotto i pavimenti; - inserimento di bandella di separazione tra i muri e pavimento con relativo sottofondo; - isolamento tubi di scarico con apposite guaine fono-assorbenti. 16 Sistemazioni esterne, illuminazione, recinzioni Opere Vialetto pedonale Scala Recinzione esterna Impianto di illuminazione 17 Sottotetto privato (ove previsto) Descrizione Piastrelle o massetti autobloccanti da esterno Gradini, zoccolatura e pianerottoli in granito rosa o equivalente, pedate 3 cm. e alzate 2 cm. Ringhiere in ferro verniciate. Cancellata a giorno con ringhiere in acciaio verniciato su muretto e fondazione in cls Illuminazione vialetto pedonale. Fornitura e posa di finestre per tetto tipo Velux in numero e posizione come da progetto. T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 9 . Estensione al piano sottotetto delle colonne montanti acqua calda e fredda, scarico e riscaldamento. Estensione al piano sottotetto delle canalizzazioni impianto Elettrico, TV. Fornitura e posa di scala interna con struttura e ringhiera in acciaio verniciato, gradini in legno. Modello Nuvola Tutte le colorazioni complete sul sito 18 Scelte e varianti Successivamente alla stipula del preliminare di vendita vengono comunicati alla Parte Promissaria i termini entro i quali effettuare le scelte dei materiali di capitolato (pavimenti, rivestimenti, sanitari, porte ecc.) In caso di scelte di materiali diversi da quelli proposti dalla Parte Promittente, la Parte Promissaria indica il tipo di materiale desiderato che viene fornito dalle ditte indicate dalla Parte Promittente. Viene quindi addebitato il prezzo del materiale scelto, maggiorato degli sfridi e della posa in opera, e parallelamente viene accreditato il costo del materiale di capitolato posato in opera, tenendo presenti i maggiori oneri derivanti dall installazione di materiali extra capitolato. Nel caso di ritardata consegna da parte dei fornitori di materiali scelti dalla Parte Promissaria, il ritardo non comporta dilazioni dei pagamenti rispetto ai tempi concordati in sede di contratto. La parte Promissaria può richiedere varianti distributive purché entro il termine improrogabile che verrà indicato T:\1001_Mappano PEC ex SIMMOTEC\70_CO\75_Disegni capitolato\capitolato gennaio 2011.docx Pagina 10 dalla Parte Promittente; dette varianti devono essere compatibili con le esigenze costruttive ed impiantistiche del progetto, non devono implicare deroghe o difformità rispetto alle vigenti leggi e regolamenti e devono essere preventivamente approvate dalla Direzione Lavori. Le varianti devono essere richieste alla Parte Promittente che provvede a redigere il preventivo scritto per l accettazione da parte della Parte Promissaria. In nessun caso, scelte o varianti richieste dalla Parte Promissaria, che risultino di valore inferiore rispetto a quanto previsto nel presente capitolato, possono dare origine ad accrediti. La Parte Promittente si riserva di stabilire in via definitiva la posizione degli apparecchi sanitari, dei contatori e misuratori e delle installazioni impiantistiche in genere, in relazione alle possibilità esecutive, alle prescrizioni degli enti erogatori, ed alle normative vigenti. 19 Riserve Ove nella presente descrizione tecnica siano previste più alternative, la scelta relativa spetta esclusivamente alla Parte Promittente che si riserva inoltre il diritto di modificare il tipo delle opere, degli impianti o sostituire i materiali indicati, sia nei locali comuni che in quelli particolari, garantendo la stessa efficienza di servizio e l equivalenza complessiva di
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks