Mons. Andrea Lonardo

Description
DIOCESI DI ROMA CONVEGNO DIOCESANO 2012 «Andate e fate discepoli, battezzando e insegnando» (Mt 28, 19-20) Riscopriamo la bellezza del Battesimo Indicazioni operative Mons. Andrea Lonardo 1 Basilica di

Please download to get full document.

View again

of 25
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Science & Technology

Publish on:

Views: 0 | Pages: 25

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
DIOCESI DI ROMA CONVEGNO DIOCESANO 2012 «Andate e fate discepoli, battezzando e insegnando» (Mt 28, 19-20) Riscopriamo la bellezza del Battesimo Indicazioni operative Mons. Andrea Lonardo 1 Basilica di San Giovanni in Laterano, 12 giugno 2012 Premesse Perché il Battesimo? La mia breve relazione servirà a presentare alcune indicazioni sul cammino che ci aspetta d ora in avanti ed i sussidi che saranno a disposizione. Ma prima di affrontare questo tema, vorrei almeno un istante riprendere le prospettive che ci sono state fin qui presentate. Il Papa ci ha ricordato una domanda vera, decisiva: ha senso ancora battezzare i bambini? Egli non ha risposto subito a questa questione, ma ne ha posta prima un altra: è giusto far nascere un bambino senza prima avere avuto il suo consenso? Ed ecco la sua risposta: «È giusto solo se possiamo dare la garanzia che vale la pena vivere. Solo l anticipazione del senso garantisce che noi anticipiamo la vita». Ecco che Benedetto XVI ci sorprende, e, rovesciando o le prospettive.. Così fa sempre il cristianesimo! Non si tratta di trovare una nuova giustificazione al Battesimo, quasi fosse ormai una cosa passata di moda! In realtà è vero il contrario: solo il Battesimo giustifica che nascano nuovi bambini. Se non esiste Dio, se non esiste la vera Vita, se non c è speranza in questo mondo, se la vera vita non ci può raggiungere con il Battesimo,, sarebbe più onesto smettere di generare! Vedete che, parlando del Battesimo, non vogliamo parlare semplicemente di un singolo Sacramento: stiamo parlando del perché viviamo e del perché crediamo! Mi ha fatto sorridere e commuovere tempo fa l affermazione di un filosofo francese, Fabrice Hadjadj, che si interrogava su ciò che è veramente nuovo. Mostrando un I- 2 pad diceva 1 : «Avete nelle vostre mani un I-Phone I 4 o 5? Ebbene non è nient altro che un futuro fossile. Invece se avete in mano un crocefisso o una corona del Rosario questo sì che non sarà mai fuori moda, sarà sempre di attualità!». Così tutto ciò che vogliamo proporre ha senso solo a partire dalla bellezza sempre antica e sempre nuova che ha il Battesimo per la vita del mondo. Il Sussidio sulla pastorale battesimale Come avrete modo di vedere, quello che dirò segue passo passo il Sussidio sulla pastorale battesimale che è in preparazione. Le idee che sono maturate quest anno sono servite, infatti, ad impostare questi materiali che ogni comunità avrà a disposizione già alla fine di luglio su Internet ed a settembre su carta. Su richiesta del Cardinale Vicario, i prefetti hanno contribuito ad impostare il lavoro e poi una commissione vi ha lavorato a lungo. Molte idee sono state riprese dalle risposte al questionario di verifica. Questo materiale potrà avere un tempo di rodaggio ed eventuali miglioramenti potranno giungere da modifiche che ognuno potrà segnalare, utilizzandolo. 1. Scorrendo il Sussidio ed i capitoletti di questa relazione vi accorgerete subito che la proposta si articola in più livelli complementari 2. Si tratta, infatti, da un lato, di aiutare le giovani famiglie a (ri)scoprire la fede perché solo la loro maturazione come adulti li renderà testimoni significativi della fede. Ma, d altro canto, si tratta di aiutarli a maturare non in astratto, bensì proprio come genitori, ben sapendo che la provvidenza ha donato loro dei figli perché riscoprano la fede insieme a loro. 1 Cfr. L inevitabile certezza: riflessione sulla modernità. L intervento di Fabrice Hadjadj al meeting di Rimini Appunti, di A. L. su 2 Negli incontri formativi per catechisti svolti nelle prefetture l anno scorso si è insistito sui diversi elementi essenziali necessari ad un vero rinnovamento della catechesi: 1/ il trafiggere il cuore perché la fede deve essere proposta e non presupposta, 2/ l importanza dei contenuti e delle esperienze nell annunzio della fede, 3/ il ruolo della famiglia, la passione per i bambini, l importanza dei giovani, 4/ la Chiesa come metodo della catechesi, 5/ l unità dell Iniziazione che comincia con il Battesimo, 6/ il riferimento al catecumenato che è dato dalle quattro dimensioni della vita cristiana riprese nel Catechismo della Chiesa Cattolica (la fede confessata, celebrata, vissuta, pregata). 3 Solo un adulto innamorato della fede la trasmette ai piccoli, ma d altro canto un adulto si innamora della fede proprio perché scopre che essa rende più belli i suoi figli! Talvolta è proprio quando la comunità cristiana si occupa dell educazione dei bambini che anche i cuori dei genitori vengono toccati! È l esperienza che ci dice che noi non possiamo decidere a priori quando e come il Signore chiama. A volte Dio chiama alla fede un adulto indipendentemente da tutto, altre volte lo chiama alla fede cristiana proprio facendogli scoprire la sua responsabilità di padre e di madre. È per questo che una prima parte del Sussidio si rivolge ai genitori in quanto adulti perché maturi la loro fede, mentre le parti successive si rivolgono ai bambini ed ai genitori in quanto educatori dei figli. Per quel che riguarda i bambini si è scelto di suddividere il cammino in tre tappe, caratterizzate da tre diverse fasce di età: da 0 a 3 anni, da 3 a 6 anni e da 6 a 7 anni. 2. Si è voluto poi fornire suggerimenti rivolti ai diversi attori dell educazione cristiana dei piccoli, perché tutti siano coinvolti: la famiglia, i catechisti, la comunità cristiana, i gruppi familiari. Le schede progettate 3 non hanno perciò tutte lo stesso destinatario. A/ Schede per i genitori Esse sono state pensate per essere presentate alle famiglie o portate dai catechisti nelle case. In ogni modo sono fatte per essere donate ai genitori 4. Voglio sottolineare subito la parola dono : sono pensate nella logica della gratuità e della compagnia, per essere segno del fatto che la comunità cristiana si ricorda dei suoi figli dopo averli battezzati. I genitori riceveranno pertanto in regalo degli strumenti agili da leggere a casa. Queste schede servono a far riscoprire come essere educatori alla fede nella vita quotidiana. B/ Schede per i catechisti 3 Le schede faranno riferimento al Catechismo degli adulti, La verità vi farà liberi, ed al Catechismo dei bambini, Lasciate che i bambini vengano a me, oltre che ovviamente al Catechismo della Chiesa Cattolica. 4 L idea è stata ripresa dall esperienza di alcune parrocchie romane, in particolare quella della Trasfigurazione di N.S.G.C., che hanno una grande esperienza in questo campo. Cfr. F. NARCISI, Comunicare la fede ai bambini, Paoline, Milano, Queste sono state pensate perché i catechisti abbiano dei punti di riferimento negli incontri con le famiglie. C/ Schede per la comunità intera Alcune schede, invece, vogliono coinvolgere l intera comunità parrocchiale, aiutandola a riflettere sul ruolo che ha il giorno del Signore e l anno liturgico nella trasmissione della fede, perché il bambino respira la fede degli adulti quando li vede celebrare e vivere. D/ Schede per gruppi di giovani famiglie Altre schede ancora suggeriscono un itinerario per accompagnare quei gruppi di famiglie che sceglieranno di camminare insieme in una forma più organizzata. Ovviamente sarà compito di ogni comunità scegliere, conoscendo le proprie forze, cosa è utile oggi per fare un passo ulteriore, senza pretendere di fare tutto e subito. Nella nostra città si ripete saggiamente l antica massima: «Roma non si è fatta in un giorno!». 1/ La preparazione al Battesimo Come ha ricordato il Cardinale Vicario, il fatto che tantissimi domandano il Battesimo per i figli deve essere valutato a priori come positivo, sebbene la grazia che vi opera debba essere poi accolta in maniera sempre più matura 5. Di qui inizia tutto. Dove la preparazione al Battesimo trafigge i cuori mostrando la bellezza della fede e della fraternità cristiana, sarà poi un desiderio delle famiglie mantenere i rapporti con i sacerdoti, i catechisti e la parrocchia. I due poli della preparazione sono l accoglienza in parrocchia e la casa della famiglia stessa. A/ La prima scheda sarà intitolata La Chiesa ti accoglie e io ti benedico con il segno della croce. Essa ricorda come il parroco è il primo responsabile del Battesimo, in 5 Sarebbe assurdo che si guardasse con benevolenza ad ogni manifestazione religiosa di fedi diverse da quella cristiana e si avesse, invece, come un pregiudizio negativo sulla nostra gente che chiede i Sacramenti! 5 quanto vero padre della comunità. La sua gioia è il primo grande segno di accoglienza per i genitori. Nella scheda si propone di valorizzare il gesto importantissimo della benedizione. In quel primo incontro il bambino può e deve essere benedetto ed, insieme a lui, i suoi genitori. La benedizione dei sacerdoti non è certamente un sacramento, ma è al contempo veramente efficace a misura della fede con cui la si compie e la si riceve. Il Sussidio presenta anche una lettera ai genitori - da adattare poi nelle diverse situazioni - perché le famiglie abbiano un ulteriore segno di accoglienza da parte del parroco anche in forma scritta. B/ La seconda scheda e la terza scheda si intitoleranno Che sarà di questo bambino? Solo in Cristo trova vera luce il mistero di una nuova nascita e Siete consapevoli di questa responsabilità? I genitori primi educatori alla fede. La diocesi propone - quando è possibile - che sia una coppia di catechisti sposati e con bambini a visitare la famiglia che ha chiesto il Battesimo per i due incontri di preparazione. Nel primo incontro si avrà cura di creare quel clima di familiarità nella quale i genitori potranno raccontare quali figure nella loro vita li hanno avvicinati alla fede al punto da domandare ora anche per il loro bambino il Battesimo. Oltre ai momenti belli potranno emergere anche le difficoltà che hanno incontrato nel credere. I catechisti non solo li ascolteranno, ma faranno emergere almeno ciò che è essenziale: se la vita del bambino è veramente un mistero che non si spiega da se stessa, che riempie di stupore ed insieme di paura, solo nel mistero di Cristo il Mistero umano trova piena luce. Nel secondo i catechisti saranno invitati a dialogare con i genitori sul cammino successivo al Battesimo, perché riscoprano che il loro ruolo educativo è insostituibile. Il Sussidio presenterà anche una scheda da consegnare ai genitori, perché possano prepararsi come coppia in casa al Rito del Battesimo, ed una Lettera ai padrini sul significato del loro compito intitolata Siete disposti ad aiutare i genitori in questo compito così importante? 6 D/ La quarta scheda intitolata Quale sorgente zampilla per la vita eterna? Il Battesimo porta della salvezza: dal Rituale alla celebrazione fornirà, d intesa con l Ufficio liturgico, alcuni suggerimenti per il terzo incontro di preparazione che avverrà in parrocchia e potrà p essere guidato dal parroco, insieme ai catechisti che hanno già visitato le famiglie. La scheda sottolineerà il rapporto che deve esistere tra il Battesimo e l Eucarestia domenicale. Dove i Battesimi sono molti, le coppie che battezzano i bambini potranno essere invitate a partecipare all Eucarestia nella domenica precedente: saranno accolte allora accolte alla la porta della chiesa e si pregherà per i battezzandi durante la preghiera dei fedeli, di modo che l intera comunità sia coinvolta nell intercessione per i nuovi nati. La scheda ricorderà che i segni liturgici debbono risplendere, soffermandosi in particolare sulla necessità che il fonte battesimale sia fisso, che gli Oli abbiano una custodia ben visibile e degna, che le candele e la veste bianca siano realmente donate ai nuovi nati. E/ Una scheda tratterà anche della preparazione remota al Battesimo. Essa vuole ricordare che già nella preparazione al Matrimonio o è bene insistere sulla responsabilità che il Matrimonio comporta in vista del Battesimo e dell educazione cristiana dei figli. Quando i genitori chiederanno il Battesimo per il loro bambino, obbediranno alla promessa fatta quando si sono sposati, promessa che la Chiesa ha richiesto loro come necessaria per benedire le nozze. La scheda fornirà anche alcuni suggerimenti per pregare per p le coppie in attesa e benedirle in alcune occasioni come le feste dell Annunciazione, della Visitazione e la Giornata per la vita. In sintesi, l incontro personale dei genitori con il parroco prima, poi con i catechisti, infine con l intera comunità parrocchiale, dovrà aiutarli nella preparazione al Battesimo a (ri)scoprire che la fede è un tesoro prezioso. Non si può pretendere che in questi pochi incontri una fede debole diventi improvvisamente matura, ma piuttosto porre le premesse perché il seme gettato possa poi essere curato. Ecco di seguito l indice di questa parte, così come la struttura il Sussidio: 7 1. LA PREPARAZIONE E AL BATTESIMO E LA SUA CELEBRAZIONE Andate e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo (Mt 28, 19) INTRODUZIONE PREPARAZIONE PROSSIMA E PREPARAZIONE REMOTA AL BATTESIMO PREPARARE AL SACRAMENTO DEL BATTESIMO (PREPARAZIONE PROSSIMA) Io ti battezzo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo (P LA CHIESA TI ACCOGLIE E IO TI BENEDICO CON IL SEGNO DELLA CROCE La prima accoglienza da parte del parroco a nome della comunità APPENDICE PPENDICE: CON GRANDE GIOIA LA NOSTRA COMUNITÀ CRISTIANA VI ACCOGLIE Lettera del parroco ai genitori che chiedono il Battesimo Il 1 incontro (a casa): CHE SARÀ DI QUESTO BAMBINO? Solo in Cristo trova vera luce il mistero di una nuova nascita APPENDICE PPENDICE: CHI È NATO A QUESTO FONTE SARÀ SALVO Prepariamoci in famiglia al Rito del Battesimo Il 2 incontro (a casa): SIETE CONSAPEVOLI DI QUESTA RESPONSABILITÀ? I genitori primi educatori alla fede APPENDICE PPENDICE: SIETE DISPOSTI AD AIUTARE I GENITORI IN QUESTO COMPITO COSÌ IMPORTANTE? Lettera ai padrini sul significato del loro compito Il 3 incontro (in parrocchia): QUALE SORGENTE ZAMPILLA PER LA VITA ETERNA? 8 Il Battesimo porta della salvezza: dal Rituale alla celebrazione DALL ALL AMORE AMORE CONIUGALE ALL ATTESA ATTESA DI UN FIGLIO (PREPARAZIONE REMOTA OTA) Siete disposti ad accogliere con amore i figli che Dio vorrà donarvi? 2/ A fianco delle giovani famiglie per sostenerle nella fede e nella loro vocazione (P Se la preparazione al Battesimo ha lo scopo di proporre la fede, l itinerario successivo ha il fine di farla maturare, perché i genitori crescano nella capacità di educare i figli alla vita buona del Vangelo. Come ci diceva il Cardinale Vicario è questo accompagnamento delle famiglie dopo il Battesimo lo sforzo più impegnativo, ma anche più appassionante, che ci attende. Innanzitutto esso implica che sia incoraggiata la costituzione di gruppi di giovani famiglie nelle nostre parrocchie. Come dimostra l esperienza, questo non è impossibile, ma anzi può avvenire con grande naturalezza quando il parroco ed i catechisti creano legami di familiarità con le famiglie che battezzano i bambini. Infatti, i genitori di bambini della stessa età tendono spontaneamente a familiarizzare poiché vivono gli stessi problemi e frequentano a motivo dei figli gli stessi luoghi. Si potrà allora proporre la creazione di gruppi di 7/8 famiglie che potranno essere seguiti dagli stessi catechisti che hanno accompagnato al Battesimo i genitori. Certamente non tutte le famiglie aderiranno a questa proposta. Ma se si costituisse anche un solo gruppo di giovani famiglie sarà come un lievito all interno della comunità parrocchiale. La loro partecipazione alla messa domenicale costituirà immediatamente un segno prezioso per tutti: i fidanzati e le altre famiglie comprenderanno subito, anche solo vedendoli, quanto il Vangelo abbia da dire a chi vuole educare alla fede i suoi figli. Questi gruppi potranno riunirsi a turno nelle case delle diverse famiglie. L ambiente domestico permette, infatti, che si crei immediatamente quel clima familiare che facilita uno scambio di esperienze. I gruppi potranno prendere avvio a partire dal Battesimo, ma anche iniziare prima, a cominciare già dai Corsi di preparazione al matrimonio. Altre volte inizieranno dopo, man mano che si cementerà l amicizia fra le diverse famiglie. Sarà il Signore stesso ad indicare quando ha senso proporre un cammino di questo tipo. 9 Molto importante è, ovviamente, il ruolo dei catechisti. Idealmente a guidare questi gruppi di famiglie dovrebbero essere le stesse persone che si sono recate nelle case per la preparazione al Battesimo. Il Sussidio proporrà un itinerario per un primo anno di cammino a partire dai punti toccati dalla relazione del Cardinale Vicario, in otto tappe 6 : 1/ Il mistero del Verbo incarnato illumina il mistero della vita, 2/ Uomo e donna li creò: l amore coniugale educa, 3/ L amore apre alla vita: la fecondità dell amore, 4/ Tutto è Grazia: si dona ciò che si è ricevuto, 5/ L educazione avviene mentre si fa altro: i figli ci guardano, 6/ Essere adulti, cioè essere responsabili, 7/ La famiglia e la comunità cristiana, 8/ Solo l autorevolezza degli adulti conduce i figli alla libertà. Ecco l indice dell itinerario che sarà sviluppato nel Sussidio: 2. PRIMO PERCORSO PER I GENITORI ALLA (RI)SCOPERTA DELLA FEDE Credette lui con tutta la sua famiglia (Gv 4, 53) INTRODUZIONE ITINERARIO IN 8 TAPPE PER NUOVI GRUPPI DI GIOVANI FAMIGLIE IL MISTERO MISTERO DEL VERBO INCARNATO ILLUMINA INA IL MISTERO MISTERO DELLA VITA UOMO E DONNA LI CREÒ: L AMORE CONIUGALE EDUCA 2.3. L L AMORE APRE ALLA VITA: LA FECONDITÀ DELL AMORE TUTTO È GRAZIA RAZIA: SI DONA CIÒ CHE SI È RICEVUTO 2.5. L L EDUCAZIONE AVVIENE MENTRE M SI FA ALTRO: I FIGLI CI GUARDANO ESSERE ADULTI, CIOÈ ESSERE RESPONSABILI 6 Ogni scheda conterrà un brano biblico da meditare, un passaggio tratto dalla relazione del Cardinale Vicario, altri testi di autori spirituali utili per un approfondimento, alcune domande per animare il dibattito, una preghiera per la conclusione dell incontro. Ad ogni tappa dell itinerario corrisponde una delle schede con suggerimenti per l educazione dei piccoli che saranno presentate nel punto successivo. I catechisti potranno presentare anche queste nel corso degli incontri del gruppo. Come si dirà nel punto successivo, le schede potranno essere poi portate in dono dai catechisti nelle case delle famiglie che non se la sentiranno di impegnarsi nell itinerario proposto. 10 LA FAMIGLIA E LA COMUNITÀ CRISTIANA SOLO L AUTOREVOLEZZA L DEGLI ADULTI CONDUCE I FIGLI ALLA A LIBERTÀ 3/ A fianco delle famiglie con bambini da 0 a 3 anni Nell età in cui i bambini hanno da 0 a 3 anni il luogo quasi unico dell educazione alla fede è la famiglia. Sono gli anni in cui il bambino non è tenuto ad andare al nido - anche se moltissimi genitori vi iscrivono i figli - proprio perché egli vive nel suo grembo naturale che è quello della casa. L itinerario proposto mira, innanzitutto, a sostenere i genitori ad essere i primi educatori alla fede in casa. A/ La famiglia diventi più Chiesa... Per questo la prima parte riguardante i bambini da 0 a 3 è stata intitolata La famiglia diventi più Chiesa... Sono state pensate 8 schede successive rivolte ai genitori per i primi tre anni di vita del figlio, di modo che essi ne ricevano una ogni tre mesi. Potranno essere presentate nei gruppi di famiglie di cui si è già parlato. Oppure si potrà pensare a degli incontri con tutte le famiglie che hanno battezzato i figli in quell anno. Altrimenti potranno essere gli stessi catechisti a visitare le famiglie per donare loro di volta in volta le nuove schede: scaglionarle nel tempo permetterà di mantenersi in rapporto con i genitori, man mano che i bambini crescono 7. 7 Le schede per il cammino di fede dei genitori e quelle per l educazione dei piccoli possono essere così messe in relazione, se si ritenesse opportuno donarle a due a due: 1/ Il mistero del verbo incarnato illumina il mistero della vita/fate sul vostro bambino il segno della croce. Il primo rito familiare è benedire i figli 2/ Uomo e donna li creò: l amore coniugale educa/ne parlerai ai tuoi figli. Quale linguaggio per sentire Dio di casa 3/ L amore apre all
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks