Mandolini a Venezia. Mandolini a Venezia

Description
con la collaborazione di PATROCINIO REGIONE DEL VENETO Con il Patrocinio Assessorato alle Attività Culturali Associazione Un Amico a Venezia Mandolini a Venezia Mandolini a Venezia Festival nazionale della

Please download to get full document.

View again

of 28
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Genealogy

Publish on:

Views: 0 | Pages: 28

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
con la collaborazione di PATROCINIO REGIONE DEL VENETO Con il Patrocinio Assessorato alle Attività Culturali Associazione Un Amico a Venezia Mandolini a Venezia Mandolini a Venezia Festival nazionale della musica a plettro Venezia Ottobre 2012 SABATO 20 OTTOBRE Basilica S. Maria Gloriosa dei Frari Concerto inaugurale Orchestra Gino Neri di Ferrara (Dir. Giorgio Fabbri) Pianoforte solista Yuko Ito LUNEDÌ 22 OTTOBRE Auditorium Santa Margherita Giappone - Emilia: un messaggio di fratellanza, solidarietà ed un atto di speranza per il futuro delle popolazioni colpite CONCERTO DI MUSICHE PER STRUMENTI A PLETTRO CON PROIEZIONE DI IMMAGINI E LETTURA DI TESTI POETICI MARTEDÌ 23 OTTOBRE Auditorium Santa Margherita Israeli Plectrum Orchestra (dir. Moti Shmit) MERCOLEDÌ 24 OTTOBRE Cà Vendramin Calergi Spazio Eventi Presentazione del libro: O re degli stromiente di Fedele Depalma con intermezzi musicali eseguiti al colascione da Mauro Squillante Chiesa di San Polo Concerto dell Accademia Mandolinistica Pugliese GIOVEDÌ 25 OTTOBRE Ateneo Veneto Mandolino in Jazz Improvvisazioni di Arrigo Cappelletti (pianoforte) su temi eseguiti al mandolino (Miki Nishiyama) Teatro dei Frari Duo Zaplitnii Radu (fisarm.) e Violeta (mandolino, cobsa e voce). CON IL PATROCINIO DELL'ISTITUTO ROMENO DI CULTURA E RICERCHE UMANISTICHE VENEZIA VENERDÌ 26 OTTOBRE Chiesa di San Polo Orchestra a plettro di Breganze (VI) (Dir. Maura Mazzonetto) Chiesa di San Polo Orchestra a Plettro Marzuttini - Udine (Dir. Piergiorgio Caschetto) Orchestra Mandolinistica Euterpe - Bolzano (Dir. Ugo Orrigo) SABATO 27 OTTOBRE Chiesa di San Polo I Maestri Del Conservatorio G. Verdi - Milano Chiesa di San Polo Orchestra Senese Alberto Bocci (SI) (Dir. Giuseppe Baldesi) Orchestra Il Plettro - Gardone V.T. (BS) (Dir. Alberto Bugatti) sabato 20 ottobre Basilica S. Maria dei Frari ORCHESTRA A PLETTRO GINO NERI Giorgio Fabbri direttore, Yuko Ito pianoforte George Biset ( ) Suite dall'opera Carmen Aragonaise Habanera - La Garde Montante - Seguidilla - Les Toreadors Richard Wagner ( ) Corteggio Nuziale dall opera Lohengrin Albert Ketelbey ( ) In un mercato persiano Pietro Mascagni ( ) Intermezzo dall opera Cavalleria Rusticana Juniti Naito Ballade for piano and mandolin orchestra Prologue Nocturne - Ballade Yuko Ito pianoforte Yashuo Kuwahara ( ) La canzone dell autunno giapponese Enrico Marucelli ( ) Capriccio Zingaresco Stefano Franzoni mandolino solista Carlo Munier ( ) Preghiera Ino Savini ( ) Al calar del sole sul golfo di Napoli L' Orchestra a plettro Gino Neri , costituita da circa 40 elementi e strutturata in modo del tutto analogo alle tradizionali orchestre sinfoniche, è composta solo da strumenti a plettro. Per tale motivo all'interno di essa, accanto a mandolini e mandole, prendono posto alcuni strumenti unici al mondo, costruiti proprio per poter eseguire brani sinfonici che altrimenti, con strumenti a plettro tradizionali, sarebbero stati inaffrontabili. Il repertorio, costruito in tanti anni di storia, si compone di oltre 400 brani, trascritti dai piu' famosi capolavori della musica classica e romantica. L Orchestra Gino Neri è nata nel 1898, e nel corso degli oltre 110 anni di attività ha ottenuto il I Premio in numerosi concorsi internazionali, ai quali ha partecipato a partire dal Ha inoltre inciso 10 CD e ha pubblicato 3 DVD, distribuiti in tutto il mondo. GIORGIO FABBRI ha studiato Pianoforte, Organo, Clavicembalo e Composizione presso il Conservatorio di Musica G.B. Martini di Bologna, perfezionandosi poi in Direzione d Orchestra con il M. Italo Rizzi. Attivo anche come concertista, è stato Direttore dell Orchestra Gino Neri dal 1995 al 2000 con la quale ha vinto il I Premio al Concorso Internazionale G.Sartori di Ala di Trento e ha diretto per la RAI la colonna sonora del film Ferrara di Florestano Vancini. Per Tactus ha inciso in qualità di direttore due CD di musiche per oboe e orchestra e un CD dedicato a melologhi di V. Veneziani. Dal 1998 al 2010 è stato Direttore dei Conservatori di Musica di Adria e di Ferrara. Al cembalo ha inciso per Brilliant e Velut Luna, e per la prestigiosa etichetta Sony-Deutsche Harmonia Mundi. Ha pubblicato per Franco Angeli il volume Come un orchestra, con la presentazione di Salvatore Accardo.. Lunedì 22 ottobre Auditorium Santa Margherita Dorsoduro 3689 GIAPPONE - EMILIA: un messaggio di fratellanza, di solidarietà e di condivisione Yuko Ito pianoforte Miki Nishiyama mandolino Yuko Fujikura mandolino Concerto di musiche per strumenti a plettro PROIEZIONE DI IMMAGINI E LETTURA DI TESTI POETICI Quartetto MUTINAE PLECTRI (Modena) Cecilia Vaccari: mandolino primo Paolo Toffanetti: mandolino secondo Giampaolo Parmeggiani: mandola Corrado Barbieri: chitarra GIAPPONE - TERREMOTO E TSUNAMI 2011 PROIEZIONE D'IMMAGINI E LETTURA DI TESTI POETICI Commento musicale Rentaro Taki Kojo no Tsuki (La luna sopra il castello in rovina) Tamezo Narita Hamabe no uta (La canzone della spiaggia) Kozaburo Hirai Narayama (La montagna di Nara) Teichi Okano Furusato (Il paese natale) Canto tradizionale giapponese Sakura Sakura Ryutaro Hirota Hamachidori (Gli uccellini sulla spiaggia) Yuko Ito Pianoforte, Miki Nishiyama Mandolino, Yuko Fujikura Mandolino Masaji Nawata Fantasia Sakura Miki Nishiyama, Mandolino Ryuichi Sakamoto The Last Emperor Ryuichi Sakamoto Merry Christmas Mr. Lawrence Canto tradizionale giapponese Zui Zui Zukkorobashi Yuko Fujikura, Mandolino Yuko Ito, Pianoforte EMILIA TERREMOTO, MAGGIO 2012 PROIEZIONE D'IMMAGINI Commento musicale Astor Piazzolla Oblivion Ennio Morricone Gabriel's oboe Leopoldo Ravulli ( ) - Silhouette Primo Silvestri ( ) - Burlesca Primo Silvestri ( ) - Semplicità Giuseppe Sgallari ( ) - Czardas Quartetto Mutinae Plectri Ave Maria di Luigi Salamon Yuko Ito (piano), Miki Nishiyama (mandolino) Mariangela Casagrande (soprano) Martedì 23 ottobre Auditorium Santa Margherita Dorsoduro 3689 ISRAELI PLECTRUM ORCHESTRA Moti Shmit direttore K. Stamitz ( ) Quartetto d'orchestra F. Schubert ( ) Musical Moment Op. 94 No. 3 T. A. Vitali ( ) Chaconne F. Kreisler ( ) (in G. Pugnani style) Praeludium and Allegro H. Villa Lobos ( ) Bachianas Brasileiras Nom.5 J. Tartini ( ) Sonata-Fantasia in two movements S. Prokofiev ( ) Two mouvements from Romeo and Julie Antil Girls Dance Montecchi and Capuleti H. F. Haendel Passacaglia L'orchestra a plettro israeliana della città di Rosh Ha'ayin, giovane e dinamica, emozionante e distinta, porta un nuovo messaggio musicale, una brezza rinfrescante diversa a tutti gli amanti della musica. Essa rappresenta la rinascita del mandolino come strumento in cui il repertorio classico e moderno vivono in armonia, anche incorporando le affascinanti tradizioni ebraiche yemenite. L'orchestra che dispone di un repertorio ricco e variegato, viene apprezzata per la straordinaria tecnica e per la purezza del suono. Fondata trentaquattro anni fa dal compositore e direttore d'orchestra Binyamin Bilsky secondo un suo progetto educativo, l'orchestra rappresenta il meglio per l'educazione musicale. Da allora ha formato centinaia di suonatori di mandolino, alcuni dei quali considerati i migliori mandolinisti israeliani. Per il contributo dato all'orchestra, al M Bilsky è stato assegnato l'education's Annual Prize da parte del presidente di Israele. L'Orchestra a plettro israeliana si è esibita in alcuni fra i più prestigiosi palcoscenici, ha partecipato a festival internazionali ed ha collaborato con alcune grandi orchestre. Ha inoltre caratterizzato spettacoli sia alla televisione che alla radio. L'attuale direttore artistisco e direttore musicale dell'orchestra è il Maestro Moti Shmit, uno dei più grandi violinisti di Israele e docente di violino presso l'accademia di Musica di Gerusalemme. Il presidente dell'orchestra è l'avvocato Tsuriel Sdomi. Nel luglio 2008 l'orchestra ha partecipato al festival musicale in Bialystok (Polonia) ed al concorso musicale corrispondente vincendo il primo premio. L'Orchestra è stata quindi invitata a partecipare al 7 Festival Internazionale di Mandolino e Chitarra in Remiremont (Francia) nel luglio 2009 esibendosi con successo al concerto di apertura del festival. Nel giugno 2010 l'orchestra ha partecipato all' Euro Festival 2010 a Bruchsal (Germania), dove ha avuto l'onore di suonare al concerto di apertura del festival. Mercoledì 24 ottobre Chiesa di San Polo ACCADEMIA MANDOLINISTICA PUGLIESE Leonardo Lospalluti direttore C. Avison ( ) Concerto grosso in re maggiore, composto sulle sonate per tastiera di D. Scarlatti W. A. Mozart ( ) J.S. Bach ( ) Due fughe (K 405), con introduzioni lente, dal Clavicembalo Ben Temperato: Andante (dalla Sinfonia K 48) Fuga in Mi maggiore (Da BWV 878) Adagio (dal K 156) Fuga in Re minore (Da BWV 877) Astor Piazzolla ( ) coral e fuga n 9 Radames Gnattali ( ) Concerto para Bandolim y cuerdas Domenico Falanga Falling Star (La notte di San Lorenzo) Antonio Paliotti (Napoli 1963) Don Miguel sen vat'en guerre Luigi Morleo (Mesagne 1970) Drumming Plectrums L' Accademia Mandolinistica Pugliese, di recente costituzione, è stata immediatamente apprezzata dall'ambiente musicale pugliese per l'originalità dell'organico, costituito da mandolini, mandole, mandoloncello, chitarre e basso e la piacevolezza del repertorio, attinto dai classici della canzone napoletana, dalla tradizione popolare pugliese e da composizioni originali per orchestra a plettro. L' Accademia Mandolinistica Pugliese si propone l'obiettivo della riscoperta, promozione e valorizzazione del mandolino e degli altri strumenti a plettro. Ha effettuato concerti a Bari ed in varie altre città della Puglia, ha partecipato a rassegne e stagioni concertistiche tra le quali la P. Riccitelli di Teramo, e presso la sede del Ministero della Pubblica Istruzione a Roma per la rassegna Concerti per l Estate riportando lusinghieri successi di pubblico e di critica. Nel 2006, nell ambito di attività progettate in collaborazione con la classe di Mandolino del Conservatorio di Bari, ha effettuato un'esecuzione in diretta per la Radio Vaticana. Sempre in collaborazione con il Conservatorio N Piccinni e con l Università di Bari ha effettuato, per due anni di seguito (2007 e 2008), una tournée in Polonia, esibendosi a Cracovia, Varsavia e Stettino. Giovedì 25 ottobre Ateneo Veneto - Campo San Fantin 1897 MANDOLINO IN JAZZ Un viaggio ardito ed anticonvenzionale nella letteratura del 900 per mandolino e pianoforte che, senza escludere riferimenti al klezner (Armin Kaufmann) ed al postromanticismo (Arrigo Cappelletti, nonno del jazzista), ne mostra, eliminando facili stereotipi, gli imprevedibili legami con l avanguardia ed il jazz contemporaneo e di ricerca. Armin Kaufmann ( ) Burletta e Mitoka Dragomirna Harald Genzmer ( ) Sonatina per mandolino e pianoforte in 4 tempi Luciano Chailly ( ) Sonatina tritematica N.12 Dietrich Erdmann ( ) Andante cantabile e Allegro Vivace da Sonatine per mandolino e pianoforte Arrigo Cappelletti Nasce a Brunate (Como) il Dopo una laurea in Filosofia e aver insegnato alcuni anni nei Licei, si è dedicato al jazz realizzando finora diciotto dischi a suo nome di cui almeno quattro (Samadhi, Reflections, Pianure e Terras do risco) hanno avuto importanza nella definizione di una via italiana al jazz fatta di lirismo, introspezione e collegamenti con altri universi musicali. Diverse sono le rassegne cui ha partecipato: Como jazz meeting (1976, 1996), Festival di Rapallo (1984)... Nel 1988 la rivista americana Cadence ha inserito il suo disco Reflections tra i dieci migliori dischi dell anno. Ispirato musicalmente da John Lewis, Lennie Tristano, Bill Evans, Paul Bley, ha trovato per anni nel trio con pianoforte il luogo ideale per esprimere il suo jazz libero, intenso e raffinato. Sul finire degli anni ottanta la scoperta del tango-jazz lo ha reso uno dei precursori in Italia delle attuali tendenze alla contaminazione fra il jazz e gli altri generi. Ultimamente in Portogallo, insieme ai musicisti portoghesi di fado Custódio Castelo, Jorge Fernando, Alexandra, ha realizzato un suo progetto musicale di canzoni su testi di poeti portoghesi del 900: Terras do risco, in Russia (San Pietroburgo), collabora con la vocalist Polina Runovskaya.Molto attivo anche come scrittore e saggista, ha pubblicato per la casa editrice ESI (Napoli) un libro sull improvvisazione jazzistica a metà fra il didattico e l autobiografico: Il profumo del jazz e per la casa editrice LEPOS (Palermo) una biografia-studio su Paul Bley intitolata Paul Bley, la logica del caso. Attualmente è docente di jazz presso il Conservatorio di Venezia. Miki Nishiyama Nata in Giappone, a 4 anni inizia lo studio del pianoforte a cui affianca lo studio del solfeggio. Si avvicina inoltre al mandolino, al flauto traverso e al koto (strumento tradizionale giapponese). Nel 1998 vince una borsa di studio dello stato italiano che le permette di frequentare il conservatorio C. Pollini di Padova dove si diploma in mandolino nel 2001 e dove consegue anche la laurea nel 2006 entrambi i casi con il massimo dei voti. Nel settembre 2001 vince il primo premio per la categoria duo e quartetto al Concorso Internazionale per strumenti a plettro di Ala (TN). Ha collaborato con I Solisti Veneti e l Accademia di San Rocco. Dal 1996 è membro dell Orchestra di mandolini e chitarre Città di Brescia con la quale ha partecipato a numerosi festivals e rassegne in tutta Europa. Nel 2005 e nel 2007 ha tenuto concerti a Milano presso il Palazzo Reale e il museo Poldi-Pezzoli suonando alcuni salteri costruiti in Italia nel 700. Si è diplomata in pianoforte, con il massimo dei voti e la lode (a.a ), presso il Conservatorio di Brescia. Attualmente insegna mandolino presso l'associazione Filodrammatici di Cremon. Giovedì 25 ottobre Teatro dei Frari DUO ZAPLITNII RADU E VIOLETA Violeta Grecu mandolino, cobza, voce Radu Zaplinii fisarmonica R. Galliano Fou rire R. Zaplitnii Tema rusa R. Zaplitni Suita bulgara V. Grecu Suita moldava Ennio Morricone Cinema Paradiso Astor Piazzolla Oblivion Tom Jobim So danco samba Budashkin Selezione di temi musicali dal concerto per mandolino N. Sulac Omul harnic V. Grecu S-au scuturat toti trandafirii Radu e Violeta Un duo nato in maniera naturale, in famiglia. Raddoppiando le idee e le forze, ci stiamo indirizzando verso un percorso libero da qualsiasi tipo di barriera. Stiamo suonando e cantando delle musiche di tutto il mondo, ma in particolare ci fa piacere di proporre le sonorità alle quali teniamo molto, quelle delle nostre origini, della musica moldava, che presentiamo al nostro pubblico nella sua versione originale e jazz. Jazz: un percorso di logaritmi armonici precisi, melodie intersecate, sovrapposizione di piani sonori, sensazioni momentanee, chiave per aprire la mente, per guardare verso l inconscio, verso la libertà. Cobza Strumento diffuso in Moldavia e Romania, utilizzato nell'ambito della musica folk. E' uno trumento molto antico, appartenente alla famiglia del liuto, una evoluzione locale dell'oud turco e del barbat persiano. In generale questo strumento è associato al nome di un musicista molto famoso di origine rumena: Barbu Lautaru ( ). All inizio del XX secolo è cominciato il suo declino. Il Duo Radu-Violeta intende conservare il repertorio delle danze regionali e della musica tradizionale come ad esempio il KOLO, danza popolare dei Balcani, in cui i figuranti si muovono in cerchio. (Si ricorda a questo proposito che cultura deriva da: colo:cerchio, tor: movimento. Quindi muoversi in cerchio attorno ad una cosa importante). Venerdì 26 ottobre Chiesa San Polo ORCHESTRA A PLETTRO BREGANZE - Maura Mazzonetto direttore Evocazioni Sonore Johann Sebastian Bach ( ) Aria* dalla Cantata BWV 208 Schafe konnen siker weiden Elaborazione dall originale di Alberto La Rocca Francesco Lecce (sec. XVIII) Concerto in Sol Maggiore per Mandolino e Orchestra Allegro Largo Allegro Balletto Andrea Bazzoni Mandolino Pietro Mascagni ( ) Cavalleria Rusticana Intermezzo Elaborazione dall originale di Vincenzo Billi Michael Nyman (1941) If from The Diary of Anne Frank per Mandolino e Orchestra Emanuele Cappellotto Mandolino - Elaborazione dall originale di Alberto La Rocca Eugenio Giudici ( ) Bozzetti Veneziani Sotto il ponte passa il funeraléto - Donéte che ciacola in piazzeta Alberto La Rocca (1967) Serenata per Salomé Sulle musiche di scena del dramma di Oscar Wilde per Chitarra a 10 corde, Violoncello e Orchestra Alberto La Rocca Chitarra a 10 corde Enrica Frasca Violoncello * OMAGGIO AL LUOGO SACRO Alberto La Rocca La Dame à la lìcorne** Mon seul desir ** PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA Recenti studi hanno provato che a Breganze, comune che si estende tra la Pianura Vicentina e l Altopiano di Asiago, un gruppo mandolinistico si fa già notare nel lontano 1903, quando il giornale la Provincia di Vicenza parla di una Distinta Società Mandolinistica. In seguito il Circolo Orfeo, fondato da Duilio Rizzato, prima formazione mandolinistica, debutta a Breganze il 16 Maggio del Nei decenni successivi con l avvicendarsi di vari direttori si è mantenuto viva la passione e l interesse verso il mandolino e gli strumenti a plettro. Dal 2001 dirige l orchestra Maura Mazzonetto, docente di pianoforte al Conservatorio di Padova Cesare Pollini. Nel 2005 si realizza il CD: Il Mandolino a Vicenza e Padova frutto anche di una approfondita ricerca storica dei due mandolinisti: Andrea Bazzoni ed Emanuele Cappellotto; alla scoperta di autori e brani sconosciuti o pressoché dimenticati. Nel 2010 con il CD 10 Serenate Mandolini al Chiaro di Luna, l'orchestra affronta un repertorio particolarmente impegnativo che riscuote ampi consensi anche di critica, come attestato dalla recensione di Bepi De Marzi sul Giornale di Vicenza e dalla rivista Seicorde. Il CD Melodie di Rinascita, uscito a dicembre 2010, si caratterizza per la performance di solisti eccellenti quali i mandolinisti Andrea Bazzoni, Emanuele Cappellotto, Giulio Sensolo, la flautista Elena Serafin, il chitarrista Alberto La Rocca, la violoncellista Enrica Frasca e il fisarmonicista Luca Piovesan. L attuale formazione breganzese, unica realtà nel Veneto, si è esibita per prestigiose manifestazioni, in Italia e all estero. In Spagna, ad Arpino e ancora ad Heves (Ungheria) e ad Annecy (Francia), al Teatro Olimpico di Vicenza, di recente a Siena per il Festival Internazionale di musica a plettro Trepick Notes. Venerdì 26 ottobre Chiesa San Polo ORCHESTRA A PLETTRO MARZUTTINI - Udine Piergiorgio Caschetto direttore Yasuo Kuwahara ( ) The song of Japanes Autumn G. B. Marzuttini ( ) Ave Maria Fritz Henschke ( ) Die Temperamente: Ostinato, Aria, Scherzso, Cavillatore, Brontolone Vincenzo Chessi ( ) Zefiro romanza Claudio Mandonico (1957) Music for Play entrata, canzona, ritmico L'orchestra a plettro Tita Marzuttini è una delle più antiche formazioni a plettro d'europa: è stata fondata a Udine nel 1886 e conta una ricchissima attività concertistica in Italia e all'estero. Tra i più importanti eventi ricordiamo: il primo posto al Concorso Internazionale Città di Brescia nel 1969, il primo premio al Concorso Internazionale di Kerkade (Olanda) nel 1978, il secondo premio al Festival Internazionale di Falkenstein (Germania) nel 1985 e 2000, le tre Rassegne Internazionali di musica mandolinistica tenutesi a Udine nel 1979 nel 1981 e nel Nel 1986 è stato celebrato con una ulteriore rassegna concertistica, il centenario della fondazione dell'orchestra. Nell'Ottobre 1996, ha organizzato, presso il Salone del Parlamento del Castello di Udine, un concerto dedicato alla memoria di Angelo Prenna, direttore del complesso dal 1951 al 1986 ed autore di numerose composizioni per orchestra a plettro. Nell'agosto 1998 è stata nuovamente invitata a rappresentare l'italia al XXXIII Festival Internazionale per musica a plettro di Logroño in Spagna. La Tita Marzuttini ha festeggiato il proprio 120 compleanno nel 2006 al Castello di Udine con un concerto dove hanno partecipato gli ex orchestrali e tutti i direttori che negli ultimi anni h
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks