Il valore paradigmatico dei soprannomi a Sarno

Description
Il valore paradigmatico dei soprannomi a Sarno di Alberto Mirabella Recensione di Gaetana Mazza La prima impressione che si ha leggendo il saggio Il valore paradigmatico dei soprannomi a Sarno, scritto

Please download to get full document.

View again

of 7
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Mobile

Publish on:

Views: 0 | Pages: 7

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Il valore paradigmatico dei soprannomi a Sarno di Alberto Mirabella Recensione di Gaetana Mazza La prima impressione che si ha leggendo il saggio Il valore paradigmatico dei soprannomi a Sarno, scritto dal prof. Alberto Mirabella per le Edizioni Brunolibri, è che l obiettivo che l autore si pone sia pienamente raggiunto. L opera infatti appare, come era nelle intenzioni, una perfetta sintesi di sentimento e intelletto. Le motivazioni che spingono alla ricerca affondano le radici nel vissuto personale, ma il rigoroso impianto culturale, che le sostiene, fa sì che i soprannomi, che pure nascono da situazioni contingenti, divengano paradigma di segni e valori che travalicano i limiti temporali e spaziali, configurandosi come archetipi di ogni società. Nell introduzione l autore analizza le origini storiche dei soprannomi e la loro funzione nella società, dando anche indicazioni di tipo metodologico. A Sarno, l agnomen, superfluo per chi nella comunità era identificabile per le sue condizioni privilegiate (i notabiles, gli honorabiles), a partire dal (ma probabilmente già nel 500) si rese indispensabile, per distinguere il casato di individui dallo stesso cognome, soprattutto quando il processo di differenziazione di attività e ruoli divenne tumultuoso. 1 In alcuni processi civili e criminali secenteschi dell Archivio Diocesano Sarnese ricorrono alcuni soprannomi, come Bensai, Zappella, Migliolillo, Scatenato, Cucina. Gaetana Mazza: Soprannomi a Sarno. 2 Nella seconda metà del Settecento e nell Ottocento, con l incremento demografico, per i frequenti casi di omonimia dovuti al patrimonio limitato dei cognomi, accanto al nome e al cognome, fu necessario annotare rigorosamente negli atti ufficiali il soprannome. Ciò avveniva soprattutto nelle liste di leva, negli allistamenti delle guardie civiche e nazionali, nelle convocazioni, nella verbalizzazione delle multe, negli elenchi di persone sospette redatti dagli organi di polizia e negli elenchi dei nomi dei negozianti, dei piccoli proprietari terrieri, degli artigiani e dei contadini. Nell Ottocento non è raro il caso in cui alcune famiglie, i cui cognomi denotavano origini inequivocabilmente oscure e infamanti, come gli Espositi e gli Annunziata, modificarono il loro cognome quando iniziarono la loro scalata sociale. Un esempio: Esposito la Tonda (o la Tonna) si mutò in Atonna 2. (ASCS, Stato civile, 13). In questo caso il soprannome divenne il cognome. 2 Ecco la petizione presentata nel mese di dicembre del 1845 dai fratelli Esposito: A S. E. il Ministro Segretario di Grazia e Giustizia, Carmine Esposito, Giovanni Esposito e Luigi Esposito, la Tonna, cercarebbero (sic) per principi di loro decoro familiare cambiare il loro cognome in quello di Atonno (sic) soltanto. (ASCS, Stato Civile, 13). Il Decreto Regio del 3 giugno 1811 aveva concesso la possibilità di cambiare i cognomi Esposito ed Annunziata per evitare i molteplici inconvenienti che derivavano da sì sgradevoli cognomi. (Ibidem). Gaetana Mazza: Soprannomi a Sarno. 3 Un ramo degli Annunziata, arricchitosi, sul finire del 700, con le molteplici attività di appaltatori di gabelle, di funzionari amministrativi e di decurioni, assunse il cognome Nunziante 3. Esposito e Annunziata erano cognomi attribuiti ai neonati abbandonati (esposti o proietti), che, affidati alla ruota, venivano pietosamente raccolti dalla Pia Ricevitrice e portati nella Santa Casa dell Annunziata per essere successivamente affidati a balie prezzolate. Alcuni soprannomi sfidano i secoli. In un registro della Corrispondenza di inizio Ottocento, è annotato il nome di un Buonaiuto, alias Cazzagniello, di professione macellaio. I Buonaiuto del ramo Cazzagniello ancora oggi a Sarno eccellono nel settore della vendita delle carni. I soprannomi, soprattutto quelli legati ai mestieri (come cavorararo, capraro, ferraro, porcaro, canniliero) resistono di più, perché l attività esercitata si tramandava di generazione in generazione. 3 Sua Maestà con Real Decreto del 14 giugno 1826 accordò al sig. Rosario Annunziata e alla sua famiglia il cambiamento del cognome in Nunziante (ASCS, Corrispondenza, 8). Il 10 giugno 1824 Rosario Annunziata nella sua petizione così scrive: A Sua Maestà, Rosario Annunziata con devote suppliche espone come nella detta sua Patria vi esistono moltissimi cognomi della sua famiglia, tra i quali vi si annoverano alcuni individui idioti, carichi di delitti e di pessime qualità politiche e morali e che per disgrazia di esso supplicante e dei suoi figli nomati don Gaetano, don Giovanni e donna Caterina portano gli stessi loro cognomi, per cui essendo di loro interesse di distinguersi da questi affin di non comparire facinorosi in faccia di chi non li conosce da vicino [ ] così la prega di accordargli la grazia di far cambiare il cognome della sua famiglia di Annunziata con quello di Nunziante (ASCS, Stato Civile, 13). Gaetana Mazza: Soprannomi a Sarno. 4 La seconda parte del volume, nella quale l autore dà voce ai nostalgici poeti locali e alla briosa freschezza dei canti dei contadini sarnesi, bene si inserisce nell impianto complessivo dell opera, perché vi si legge il desiderio di recuperare un patrimonio artistico letterario non sufficientemente valorizzato per consegnarlo alle nuove generazioni. L intento di preservare dall oblio, nelle selvagge e imprevedibili trasformazioni della nostra epoca, il ricordo delle origini, si fa più evidente nella terza parte, dove l elemento dotto si fonde con un forte impegno civile, sostanziato dall amore non celato per la propria terra. La ricerca precisa e puntigliosa del sostrato linguistico, che attesta il lungo studio e la formazione umanistica dell autore, allarga i confini dell indagine rimandando a contatti con aree culturali diverse e distanti nel tempo. Tuttavia la componente erudita non appanna quello che è l obiettivo dello studioso e cioè la volontà di ricomporre, attraverso i soprannomi, in una costruzione armonica, i vari aspetti culturali che hanno caratterizzato e in parte ancora caratterizzano la nostra comunità. La dimensione affettiva è rimarcata dall inserimento di foto d epoca, che ritraggono momenti di vita quotidiana e sono un inno d amore alla propria giovinezza. Gaetana Mazza: Soprannomi a Sarno. 5 Anche la quarta e la quinta parte si legano al progetto generale dell opera, nel quale (senza negare l importanza della tradizione orale) un valore insostituibile assume lo studio delle fonti e degli strumenti culturali necessari per una corretta indagine storica. La semplicità e la chiarezza espressiva, unite al tono cordiale, caratterizzano lo stile piano e discorsivo, che tale resta anche quando ci si avventura in ambiti non facili. In più, l autore, con le sue qualità di abile narratore, guida e ammalia il lettore, introducendolo in un mondo, che, anche se reale, ha il fascino innegabile della fiaba. Il libro è corredato dalla presentazione di Franco Pastore, che tratteggia nelle linee essenziali l origine dei soprannomi e la loro funzione nelle comunità. Egli attribuisce al prof. Mirabella il merito di aver delineato (attraverso una ricerca che utilizza strumenti d indagine complessi con l apporto di discipline diverse) il profilo di una cittadina laboriosa e vivace, dedita prevalentemente all artigianato e all agricoltura e di averne raccontato umori ed usanze. Interessante nella sua brevità l intervento del Sindaco di Sarno, avv. Amilcare Mancusi, che individua nelle nuove forme della comunicazione differenti tipologie di identificazione e riconosce all autore le sue qualità indiscusse di studioso e di educatore. Antonio Pitloo ( ) Gaetana Mazza: Soprannomi a Sarno. 6 ASCS, Commercio, 20. Stato degli utenti, pesi e misure soggetti alla verificazione periodica, per l'anno 1862 . Gaetana Mazza Gaetana Mazza: Soprannomi a Sarno. 7
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks