Ideare progetti culturali e ambientali. Corso di formazione base, Lecco, 2011

Description
Corso di formazione base Ideare progetti culturali e ambientali, Iolanda Pensa, Cristina Perillo, Cristina Piccapietra, Sara Annoni, 2011. Lecco, 9 maggio 2011. Promosso all’interno del progetto Vestire i paesaggi dall'Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus.

Please download to get full document.

View again

of 76
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Self Improvement

Publish on:

Views: 0 | Pages: 76

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
  • 1. Corso di formazione base Ideare progetti culturali e ambientali Corso di formazione base Ideare progetti culturali e ambientali, Iolanda Pensa, Cristina Perillo, Cristina Piccapietra, Sara Annoni, 2011. Lecco, 9 maggio 2011. Promosso allʼinterno del progetto Vestire i paesaggi.martedì 10 maggio 2011
  • 2. Ideare progetti culturali e ambientali Corso di formazione base 10:45-13:00 1. Progettare unʼidea. Iolanda Pensa 2. Il coordinamento del progetto. Cristina Perillo 3. Fare rete. Cristina Piccapietra 14:30-17:30 Laboratori 1. Progettare 2. Tipologie di partnership 17:00-17:30 Presentazione dei risultatimartedì 10 maggio 2011
  • 3. Progettare unʼidea. La struttura di un progetto: lessico, obittivi, beneficiari, attività, risultati e budget. Iolanda Pensa - io@pensa.it - http://io.pensa.itmartedì 10 maggio 2011
  • 4. Progettomartedì 10 maggio 2011
  • 5. Ed Westcott / US Army / Manhattan Engineering District, Control panels and operators for calutrons at the Y-12 Plant in Oak Ridge, Tennessee during the Manhattan Project, Wikimedia Commons, pd.martedì 10 maggio 2011
  • 6. Ruben Castelnuovo, Example of a Gantt chart (Italian), 2007, Wikimedia Commons, cc-by-samartedì 10 maggio 2011
  • 7. Progetto Obiettivo Attività Risultatimartedì 10 maggio 2011
  • 8. ProgettoObiettivo Attività Risultatimartedì 10 maggio 2011
  • 9. RisultatiProgetto Attività Perché (contesto/bisogni) Obiettivo martedì 10 maggio 2011 Misurabile Finalità (non misurabili)
  • 10. Risultati ValutazioneProgetto Attività Perché (contesto/bisogni) Obiettivo martedì 10 maggio 2011 Misurabile Finalità (non misurabili)
  • 11. ProgettoObiettivo Attività Risultati Una serie di attività Perché (contesto/bisogni) Misurabile Finalità (non misurabili) Valutazione Quando (calendario) Quanto (budget) Chi (organigramma/ruoli/risorse)martedì 10 maggio 2011
  • 12. ProgettoObiettivo Attività Risultati Una serie di attività Quando (calendario) Quanto (budget) Chi (organigramma/ruoli/risorse)martedì 10 maggio 2011
  • 13. ProgettoObiettivo Attività Risultati Una serie di attività Perché (contesto/bisogni) Misurabile Finalità (non misurabili) Valutazione Quando (calendario) Quanto (budget) Chi (organigramma/ruoli/risorse)martedì 10 maggio 2011
  • 14. Struttura dei formularimartedì 10 maggio 2011
  • 15. 1. Il richiedentemartedì 10 maggio 2011
  • 16. Nazionalità Individuo Sede Istituzione Professione Il richiedente Biblioteca Sesso Scuola Origine Età Comunità “Svantaggi” e “Disabilità”martedì 10 maggio 2011
  • 17. Il richiedenteNon è così importante.Potete sempre collaborare con persone e istituzioni.martedì 10 maggio 2011
  • 18. 2. Dovemartedì 10 maggio 2011
  • 19. Internazionale Urbano Residenza Quartiere Network Itinerante Montagna CampagnaComune Europeo Sede Dove Nazionale Online Lombardia Comune isolato ProvinciaSettore immobiliare Vicinanza alla Svizzera Italia Site-Specific Nazionalitàmartedì 10 maggio 2011
  • 20. Residenza Collaborazioni/Partenariati Network Itinerante Informazione Selezione Ricerca Quartiere Residenze Europeo (Fundraising) Pubblicazioni Eventi Donazioni Internazionale Comunità Online Riviste Comunicazione Incontri/Scambi/Workshop Agenzie di viaggi Gemellaggi Nazionalità Biennali/Biennalitimartedì 10 maggio 2011
  • 21. DoveNon è così importante.Potete sempre collaborare con persone e istituzioni.martedì 10 maggio 2011
  • 22. 3. Risolvere i problemimartedì 10 maggio 2011
  • 23. Da cosa nasce l’idea? Bisogni da soddisfare Contesto Rappresentanti delle comunità Coinvolgimenti Risolvere i problemi ProcessoA cosa serve? A chi serve? ConcertazioneNon c’è già?martedì 10 maggio 2011
  • 24. Risolvere i problemiNon importa cosa e chi.Ma verificate che a qualcosa e a qualcuno serva.martedì 10 maggio 2011
  • 25. 4. Obiettivimartedì 10 maggio 2011
  • 26. Apprendimento interculturale Africa Cina ProgettoInternazionale Dialogo Allargamento Europa Educazione ai diritti umani Partner/partenariati Interviste Didattica Valutazione Dialogo Sud-Sud Educazione interculturale Glocale Integrazione Sviluppo Ricerca Cutting edge Pubblico Parole chiave Piattaforma Diversità Riviste Pari opportunità Mappa Educazione interculturale Implementare Rappresentazione Intercultura Network Incontri/Scambi/WorkshopNuove tecnologie New Democracy ImmigrazioneInterdisciplinarietà Multiculturalità Comunità Sostenibilità Biennali/Biennaliti Impattomartedì 10 maggio 2011
  • 27. 5. Attivitàmartedì 10 maggio 2011
  • 28. PROGETTOmartedì 10 maggio 2011
  • 29. ProgettoObiettivo Attività Risultati Una serie di attività Perché (contesto/bisogni) Misurabile Finalità (non misurabili) Valutazione Quando (calendario) Quanto (budget) Chi (organigramma/ruoli/risorse)martedì 10 maggio 2011
  • 30. Internazionale Urbano Cultura Produzioni StoriaCollaborazioni/Partenariati Network Itinerante Ambiente Informazione Selezione Ricerca Quartiere Arte Residenze Progetto Campagna EuropeoArchivi Sede Fundraising Pubblicazioni Eventi Donazioni Attività Nazionale Commercio Comunità Formazione Online Riviste Comunicazione Permanente Temporaneo Incontri/Scambi/Workshop Monografie Lobbying Agenzie di viaggiSettore immobiliare Architettura Site-Specific Biennali/Biennalitimartedì 10 maggio 2011
  • 31. 6. Targetmartedì 10 maggio 2011
  • 32. Nuovi accessi Coinvolgimento Target Ampio pubblico Nuovi target Partecipazione Avvicinare il pubblico Arte esce dagli spazi a lei consacratimartedì 10 maggio 2011
  • 33. 7. Budgetmartedì 10 maggio 2011
  • 34. Spese dopo l’approvazione del progetto 1/2 o 2/3 all’inizio e il resto alla fine Anticipare fondi Debiti Profit/no profit Co-finanziamento Budget A progetto Flusso di cassa Sostenibilità Efficacia Rendicontazione Resa Spese ammissibili Spese non ammissibili Investimento (Prestito)martedì 10 maggio 2011
  • 35. 8. Calendariomartedì 10 maggio 2011
  • 36. 9. Valutazionemartedì 10 maggio 2011
  • 37. Impatto Misuratori d’impatto Valutazione Valutazione quantitativa Valutazione qualitativa (Prestito)martedì 10 maggio 2011
  • 38. AMMISSIBILE Rispondere a TUTTE le richiestePiù noto è progetto, più il copyright è protetto USARE Internet Parole chiave Copertina Progetti Lavoro collaborativo Copia/Incolla Network di competenze Far fare a ognuno il proprio lavoro Retorica/Realtà VendereFare i conti (almeno in privato) con l’ideologia che sostienemartedì 10 maggio 2011
  • 39. 1. StudiareSTUDIO DI FATTIBILITÀ: non si è mai i primiLinee guida e caratteristiche del potenziale finanziatore e/o partnerIdentificare obiettivi, parole chiave, ambiti di interventoIdentificare i criteri di ammissibilitàIdentificare i criteri di valutazione2. StrutturareAnalizzare il formulario/application form oppurele richieste (strutturare le richieste in un elenco di informazioni e documenti necessari)3. RedazioneFrasi brevi e semplici (soggetto+verbo+complementi). Non più di 3 punti negli elenchiTempo presente e davanti le cose importantiCoerenza (obiettivo,/attività/calendario/budget)Curare la presentazione: copertina con riassunto in prima pagina4. Relazioni pubblicheIncontrare i potenziali (co-)finanziatori: colloquio? intervista? ricerca? articolo?Incontrare i potenziali partnerIdentificare e coinvolgere persone specializzateRegistrare la storia del progetto (inserire nel progetto la lista degli incontri e laprogressione del progetto)martedì 10 maggio 2011
  • 40. Il coordinamento del progetto. Come ottimizzare la realizzazione e la comunicazione del progetto, in funzione dei report e della rendicontazione. (Cristina Perillo)martedì 10 maggio 2011
  • 41. "Il segreto per andare avanti è anzitutto mettersi in moto. Il segreto per mettersi in moto è spezzettare compiti complessi in piccole operazioni gestibili e iniziare dalla prima." (Mark Twain)martedì 10 maggio 2011
  • 42. martedì 10 maggio 2011
  • 43. Comunicazione/comunicazioni 1/2 "Le scalette erano facili da fare, bastava scriverle dopo aver finito il tema" (David Allen) • perchè comunicare • cosa comunicare • come comunicare • ana veintimilla, grafp12 bla bla, http://miafotodeldia.blogspot.com/2006/01/bla-bla.htmlmartedì 10 maggio 2011
  • 44. Comunicazione/comunicazioni 2/2 • esaminare gli strumenti di comunicazione • verificare quale strumento sia più adatto • organizzare la comunicazione • raccogliere informazioni e contenuti • iniziaremartedì 10 maggio 2011
  • 45. Calendario/Calendari 1/2 “Il tempo è quella qualità della natura che impedisce agli eventi di accadere tutti contemporaneamente. Ultimamente non sembra più funzionare" (anonimo)martedì 10 maggio 2011
  • 46. Calendario/Calendari 2/2 • sincronizzare i calendari • standardizzare per condividere (veramente) • rinegoziaremartedì 10 maggio 2011
  • 47. Rendicontazione 1/2 "Dovete pensare alle grandi cose, mentre state facendo quelle piccole, affinchè tutte quelle piccole vadano nella direzione giusta." (Alvin Toffler)martedì 10 maggio 2011
  • 48. Rendicontazione 2/2 • una rendicontazione lunga un progetto • scopi strumentimartedì 10 maggio 2011
  • 49. Conclusioni Archivio/Archivimartedì 10 maggio 2011
  • 50. Fare rete. Come trasformare un progetto in una rete di partner: strategie di networking e fundraising. (Cristina Piccapietra, Sara Annoni)martedì 10 maggio 2011
  • 51. Impresa e Cultura un incontro possibile? • perché unʼazienda dovrebbe investire in cultura, tanto più in tempi di crisi? • come possono le istituzioni culturali, coinvolgere in modo efficace le imprese, per far fronte al progressivo taglio di fondi pubblici? • cosa significa fundraising per la cultura? • come contattare e avvicinare lʼimpresa potenziale partner?martedì 10 maggio 2011
  • 52. Investire in cultura perché? 1/2 I vantaggi per lʼimpresa • costruire un posizionamento forte e riconoscibile • valorizzare il brand (valori immateriali) • differenziarsi dalla concorrenza • qualificare e incrementare le relazioni con i clienti attuali e potenziali • tessere legami di fiducia con la comunità locale, il territorio e i soggetti che vi operano • creare lʼoccasione per comunicare la propria attenzione in tema di responsabilità sociale dʼimpresa • alimentare nei dipendenti lʼorgoglio di appartenenza.martedì 10 maggio 2011
  • 53. Investire in cultura perché? 2/2 I vantaggi per lʼistituzione culturale Dal rapporto con lʼimpresa, nasce lʼopportunità di: • limitare la dipendenza dai contributi pubblici • aprire nuovi canali di finanziamento • acquisire competenze e metodologie di gestione manageriale • creare nuovi spazi di espressione culturale. Legarsi al mondo delle imprese dimostra ʻaperturaʼ e dinamicità, a tutto vantaggio di nuove alleanze e arricchimento dellʼofferta culturale rivolta alla comunità.martedì 10 maggio 2011
  • 54. Investire in cultura come? 3 macro-modelli di investimento da parte dellʼimpresa: • Progetti ʻin houseʼ, ideati e gestiti direttamente dalle imprese (es. museo dʼimpresa / collezione aziendale) • Sponsorizzazione/sponsorizzazione tecnica, su specifico progetto culturale (es. mostra / festival) • Partnership di più ampio respiro, e a lungo termine, con istituzioni culturali/enti locali (es. Main partner di un Teatro / azienda che ʻsposaʼ un museo)martedì 10 maggio 2011
  • 55. Fundrasing per la cultura 1/4 Saper comunicare/raccontare con chiarezza e passione la propria istituzione: • storia e identità/mission/valori distintivi • enfatizzare i punti di forza (avendo consapevolezza anche dei punti di debolezza) • posizionamento/reputazione/notorietà del brand • pubblici di riferimento • attrattività (quali fattori/servizi/azioni potrebbero maggiormente interessare lʼimpresa) • comunicazione (canali, strumenti, budget) • alleanze (chi sono gli altri partner dellʼistituzione) • progettualità, capacità di dialogo e flessibilità nel venire incontro alle esigenze dellʼimpresa • qualità dello staff.martedì 10 maggio 2011
  • 56. Fundrasing per la cultura 2/4 Gli ingredienti da conoscere e valutare per avvicinare e ʻconquistareʼ le imprese (potenziali partner): • storia e identità /mission/business/mercati • punti di forza (e di debolezza, se emergono) • posizionamento/reputazione/notorietà del brand • principali clienti di riferimento • come comunica lʼimpresa (toni, canali, strumenti) • politiche di CSR (corporate social responsibility) e di investimento in cultura già in atto • alleanze (chi sono gli altri partner dellʼimpresa).martedì 10 maggio 2011
  • 57. Fundrasing per la cultura 3/4 Selezionare il potenziale sponsor tra: • imprese interessate a nuove strategie di comunicazione e posizionamento del marchio (per apertura nuova sede/filiale sul territorio oppure nuovo mercato/target) • imprese che operano o che hanno interessi nel territorio di riferimento dellʼistituzione • imprese che presentano affinità con i valori dellʼistituzione e/o con i contenuti/target del progetto culturale • imprese già sensibili ai temi della CSR e dellʼinvestimento in cultura • imprese motivate a qualificare le proprie relazioni interne, incrementare la capacità creativa, stimolare orgoglio di appartenenza.martedì 10 maggio 2011
  • 58. Fundrasing per la cultura 4/4 Preparare il contatto/incontro con lʼimpresa: • studiare: le esigenze dellʼazienda, la sua comunicazione, le iniziative culturali già realizzate, le priorità attuali, i progetti in corso, i nuovi prodotti • far emergere (usando la creatività!) e saper comunicare: i contenuti distintivi, le potenzialità, i fattori attrattivi dellʼistituzione e del progetto che si intende presentare, in grado di integrarsi con le strategie aziendali • elaborare una proposta ad hoc, tagliata ʻsu misuraʼ per lo sponsor potenziale che si andrà a contattare (indicando un primo ventaglio di partnership possibili/ investimento richiesto/benefits).martedì 10 maggio 2011
  • 59. Elaborare una proposta ad hoc 1/5 Organizzare la documentazione di presentazione, sintetica, ma esaustiva: • Presentazione dellʼistituzione (sottolineando eventuali affinità con la missione e le strategie dellʼimpresa): con allegati flyer, bilancio, rassegna stampa, modalità di affiliazione. • Mappa dei target (tipologie di visitatori, aree di provenienza, ...) • Elenco dei partner (istituzionali e non, che sostengono lʼistituzione) • Presentazione sintetica del progetto: con budget dettagliato; timing con le diverse fasi progettuali; piano di comunicazione (tempi, target, canali, strumenti e budget); dettaglio materiali di comunicazione previsti; ritorni attesi (visitatori, media, reputazione); staff dedicato. • Proposta di partnership ad hoc.martedì 10 maggio 2011
  • 60. Elaborare una proposta ad hoc 2/5 Strutturare una proposta di partnership ad hoc: • tipolologia di partnership • investimento economico richiesto (prevedere diverse ʻsoglieʼ) • benefit offerti (es: visibilità e comunicazione, marketing, pubbliche relazioni, coinvolgimento del personale dellʼazienda) • durata della collaborazione. Siate creativi e ʻimmedesimateviʼ nello sponsor per intercettare i suoi desideri!martedì 10 maggio 2011
  • 61. Elaborare una proposta ad hoc 3/5 Tipologie di partnership: • Main partner/sponsor: lʼazienda è sponsor principale del progetto, con esclusività rispetto al proprio settore di business. Il contributo può essere esclusivamente economico oppure economico e tecnico. • Sponsor: lʼazienda è sponsor del progetto, senza esclusività, con investimento economico più contenuto. • Sponsor tecnico: l’azienda contribuisce al progetto mediante la fornitura di beni/servizi utili alla concretizzazione del concept di progetto e agli eventi collegati. E’ inoltre possibile pensare a prodotti o linee di prodotto co-branded.  >>martedì 10 maggio 2011
  • 62. Elaborare una proposta ad hoc 4/5 Tipologie di partnership: • Partner per la comunicazione: mediapartner oppure azienda disposta a realizzare una campagna pubblicitaria co-branded con l’istituzione, mettendo a disposizione i propri spazi pubblicitari e promozionali. • Partnership su iniziativa speciale: l’azienda, partendo dai contenuti di progetto, ha un’idea originale da sviluppare, in sintonia con il proprio business/comunicazione. L’idea proposta potrà essere vagliata e concretizzata con l’istituzione. • Volontariato dʼimpresa: l’azienda “presta” uno o più suoi professionisti (per un monte ore da stabilire) come supporto operativo, altamente specializzato, al progetto.martedì 10 maggio 2011
  • 63. Elaborare una proposta ad hoc 5/5 Tipologie di partnership: partnership investimento benefits   visibilità sui materiali e nell’allestimento, comunicazione da definire in base alle Main partner e ufficio stampa, networking, PR istituzionali e necessità del progetto business, marketing e co-marketing Sponsor visibilità, networking, ufficio stampa Sponsor tecnico fornitura beni/servizi visibilità, marketing e co-marketing spazi pubblicitari/ Partner per la utilizzo del brand dell’istituzione/progetto per promozionali; creatività comunicazione campagna co-branded campagna Partner su iniziativa da definire con l’azienda in co-progettazione dell’iniziativa speciale e creazione di speciale base all’iniziativa benefit ad hoc visibilità, networking, strumento motivazionale per i Volontariato d’impresa risorse umane aziendali collaboratorimartedì 10 maggio 2011
  • 64. Contatto con lʼazienda Come contattare, avvicinare e fidelizzare lʼazienda: • cercare il contatto allʼinterno dellʼazienda: ufficio relazioni esterne, comunicazione (grande azienda), direzione (pmi) • contattare il referente, fissare un appuntamento, presentare la proposta, dopo lʼincontro - se necessario - sistemare la proposta, rimandarla, incontro conclusivo di chiusura/firma dellʼaccordo • mantenere un flusso costante di informazioni, prima, durante e dopo lʼevento • immaginare sviluppi futuri.martedì 10 maggio 2011
  • 65. Workshop Ipotesi di valorizzazione della collezione etnoantropologica di Primaluna.martedì 10 maggio 2011
  • 66. Valorizzazione della collezione etnoantropologica di Primaluna Durata del progetto: 1 gennaio - 31 dicembre 2012 Attività: catalogazione, allestimento, evento dinaugurazione Risultati attesi 1) catalogazione e digitalizzazione della collezione 2) allestimento della collezione in una sede visitabile su appuntamento da scolaresche e gruppi durante lanno e aperta al pubblico durante i mesi estivi 3) presentazione dellallestimento nella nuova sede, con conferenza e rinfrescomartedì 10 maggio 2011
  • 67. La collezione etnoantropologica di Primaluna, inaugurata il 2 luglio 1978 e gestita dalla locale associazione “Amici della Torre”, raccoglie un significativo campionario di beni materiali ed immateriali relativi soprattutto alla vita quotidiana e alle principali attività lavorative valligiane, con particolare riguardo all’artigianato e alla piccola e media industria del ferro. Gli oggetti della raccolta coprono un arco temporale che va dalla seconda metà del Settecento ai primi decenni del Novecento. Fanno altresì parte della raccolta una punta di freccia dell’eneolitico (2500 a.C.) rinvenuta ai Piani di Bobbio, una pergamena (carta venditionis, Premana, 1463, agosto 6), un coppo datato 1670, e alcuni libri del Seicento. Negli ultimi anni la raccolta si è notevolmente arricchita grazie ad alcune donazioni: nel 2007 è stato acquisito corposo materiale relativo all’industria idroelettrica valsassinese e alla fine del 2009 l’Archivio dei Combattenti e Reduci di Primaluna. La sede originaria era ubicata in Piazza IV novembre e nel 2005 è stata traferita presso Casa Zanaboni nella omonima via all’interno di un edificio secentesco di proprietà del Comune di Primaluna. La raccolta museale non è al momento visi
  • Related Search
    Similar documents
    View more...
    We Need Your Support
    Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

    Thanks to everyone for your continued support.

    No, Thanks