Ai sensi e per gli effetti degli articoli 14, 16 e seguenti del Codice Civile, è costituita una Fondazione denominata Fondazione Michele Cea , in

Description
Giuseppe PALMISANO Repertorio n Raccolta n ATTO COSTITUTIVO DI FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemiladiciassette, il giorno tre del mese di agosto. In Grumo Appula,

Please download to get full document.

View again

of 18
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Book

Publish on:

Views: 2 | Pages: 18

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Giuseppe PALMISANO Repertorio n Raccolta n ATTO COSTITUTIVO DI FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemiladiciassette, il giorno tre del mese di agosto. In Grumo Appula, nel mio studio notarile alla Piazza Aldo Moro numero sedici. Innanzi a me, Dottor Giuseppe PALMISANO, Notaio in Grumo Registrato a Bari Appula, iscritto nel Collegio del Distretto Notarile di Bari, ed in presenza di testimoni idonei aventi i requisiti il 7 agosto 2017 di legge, come mi confermano, signori: Cianciotta Francesco Giacomo, nato a Grumo Appula il 19 al n T. marzo 1979 e residente in Binetto alla via Puglia numero sette; Caponio Giovanni, nato a Triggiano il 6 settembre 1978 e residente in Sannicandro di Bari alla via Armando Diaz numero cinquantadue; SONO PRESENTI: CEA Nicola, nato a San Ferdinando di Puglia il giorno 8 aprile 1955 (c.f.: CEA NCL 55D08 H839D) e residente in Milano alla via Bari n.20, il quale dichiara di essere coniugato in regime di separazione dei beni; BAVARO Lina, nata a Giovinazzo il 29 novembre 1958 (c.f.: BVR LNI 58S69 E047Y) e residente in Milano alla via Bari n.20, la quale dichiara di essere coniugata in regime di separazione dei beni; CEA Damiano, nato a Grumo Appula il 2 marzo 1964 (c.f.: CEA DMN 64C02 E223N) ed ivi residente alla via Beato Giacomo da Bitetto n.24, il quale dichiara di essere coniugato in regime di separazione dei beni; BAVARO Nicola, nato a Urbania il giorno 8 agosto 1960 (c.f.: BVR NCL 60M08 L498C) e residente in Giovinazzo alla via Bisanzio Mazza n. 18, il quale dichiara di essere coniugato in regime di comunione legale dei beni. Detti comparenti, cittadini italiani, della cui identità personale io Notaio sono certo, mi richiedono per questo atto con il quale, premesso che, in memoria di CEA Michele, nato a Milano il 12 settembre 1988, al fine di promuovere e sviluppare le attività artistiche e culturali anche in partecipazione con Enti Pubblici e/o privati, favorendo artisti giovani e non, svantaggiati economicamente o per qualsiasi altra ragione, che necessitano del supporto per la realizzazione del loro progetto di vita artistica, intendono addivenire alla creazione di una fondazione di partecipazione, la quale assumerà la denominazione di: FONDAZIONE MICHELE CEA , mettendo a disposizione della costituenda fondazione i mezzi patrimoniali necessari per lo svolgimento della sua attività. Tutto ciò premesso, da valere quale parte integrante e sostanziale del presente atto, i comparenti convengono e stipulano quanto segue: Art.1 Ai sensi e per gli effetti degli articoli 14, 16 e seguenti del Codice Civile, è costituita una Fondazione denominata Fondazione Michele Cea , in forma abbreviata anche Fondazione Cea . Art. 2 La fondazione di partecipazione ha sede legale in Giovinazzo (BA) alla via Marchese di Rende n.15 e sede operativa in Milano. Art. 3 La Fondazione non ha fine di lucro e i proventi del suo patrimonio e delle sue attività sono destinate integralmente al conseguimento degli scopi statutari; risponde ai principi e allo schema giuridico delle fondazioni di partecipazione, nell'ambito del più vasto genere fondazione così come disciplinato dagli articoli 14 e seguenti del C.C. e dell'articolo 1 comma 1 del D.P.R. 361/2000. La fondazione per il raggiungimento dei propri scopi statutari, favorisce il coinvolgimento e la partecipazione di soggetti ed enti pubblici e privati. Pertanto si propone lo scopo, con esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale, nel ricordo del nome di Michele Cea, di promuovere e sviluppare le attività artistiche e culturali anche in partecipazione con Enti Pubblici e/o privati, favorendo artisti giovani e non, svantaggiati economicamente o per qualsiasi altra ragione, che necessitano del supporto per la realizzazione del loro progetto di vita artistica alla società moderna. La Fondazione inoltre, per il raggiungimento dei suoi scopi, si propone inoltre tutto quanto previsto nell'art. 4 dello Statuto Sociale. Art. 4 La Fondazione sarà amministrata e svolgerà la propria attività in conformità e sotto l'osservanza delle norme contenute nello Statuto, che i comparenti mi esibiscono e che io Notaio allego al presente atto sotto la lettera A , previa lettura da me Notaio datane, in presenza dei testimoni, ai comparenti che pienamente lo approvano. Art. 5 Il Patrimonio iniziale della Fondazione è costituito dal Fondo di Dotazione iniziale, ammontante a euro ,00 (novantanovemila virgola zero zero) per costituire il quale il dottor Cea Ing. Nicola assegna allo stesso: - una somma di euro ,00 (ventimila virgola zero zero), mediante assegno circolare emesso in data 1 agosto 2017 dalla ICCREA Banca di Cantù, Filiale 08430, contraddistinto con il numero RE , all'ordine di Fondazione Michele Cea , recante clausola di non trasferibilità; - numero 5 quadri o opere d'arte, del valore complessivo di euro ,00 (settantanovemila virgola zero zero) e precisamente le prime cinque opere d'arte di cui alla perizia giurata effettuata dal Dottor Alfonso Mula, Docente Universitario di Filosofia e Fenomenologia delle Arti Contemporanee, Teoria della Percezione Visiva e di Psicologia della Forma presso l'accademia di belle arti di Agrigento, redatta in data 30 giugno 2017 e asseverata di giuramento innanzi al Notaio Crescimanno Giuseppe di Canicattì, in data 13 luglio 2017, repertorio n.1444, che in originale al presente atto si allega sotto la lettera B ,previa lettura da me Notaio datane, in presenza dei testimoni; precisandosi che le opere residue numerate dal numero 6 al numero 24 pure oggetto di stima peritale, per un valore complessivo ammontante ad euro ,00 (cinquantaseimila virgola zero zero) andranno a confluire direttamente nel Fondo di Gestione di cui all'articolo 6 dell'allegato statuto. L'ente assegnatario entrerà nel possesso giuridico e nella detenzione materiale dei conferimenti alla data del Riconoscimento Giuridico. Il Patrimonio della Fondazione è costituito dal Fondo di Dotazione e dal fondo di Gestione, come definito dall'articolo 6 dello Statuto. I comparenti dichiarano espressamente che le attribuzioni di cui al presente atto sono sottoposte alla condizione del legale riconoscimento della Fondazione qui costituita. Art. 6 I costituiti sono Fondatori-Promotori Originari. Possono essere partecipanti della Fondazione tutte le persone fisiche e/o giuridiche, pubbliche e/o private, italiane che partecipano al raggiungimento dei suoi scopi istituzionali nella misura e nei limiti previsti dallo Statuto e dall'eventuale Regolamento interno divenendo Co-Fondatori, con delibera adottata a maggioranza assoluta del C.d.A., ai sensi dell'articolo 18 dell'allegato statuto sociale. Art. 8 L'esercizio sociale ha inizio il giorno 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ciascun anno. Il primo esercizio avrà termine il trentuno dicembre duemiladiciassette. E' vietata in maniera assoluta la distribuzione di utili e/o avanzi di gestione nonché di fondi e/o riserve, salvo che sussista in tal senso un obbligo di legge. Art.9 Sono Organi della Fondazione: - Il Consiglio di Amministrazione; - il Presidente; - Il Segretario Generale; - il Collegio dei Co-Fondatori; - il Comitato Scientifico-Artistico; - Il Collegio dei Revisori dei Conti. Art. 9 A comporre il primo Consiglio di Amministrazione, che resterà in carica per il primo quinquennio, vengono nominati i signori: Cea Nicola, Presidente; Bavaro Lina, Vice-Presidente; Cea Damiano, Consigliere; Bavaro Nicola, Consigliere; i quali, presenti, accettano dichiarando che a loro carico non sussistono cause di ineleggibilità e/o decadenza. Piccirillo Elisabetta Concetta, nata a Milano il 27 novembre 1961 (c.f.: PCC LBT 61S67 F205K); Morgante Carmelo Salvatore, nato a Agrigento il 5 aprile 1976 (c.f.: MRG CML 76D05 A089Y); Porro Massimiliano, nato a Mariano Comense il 9 dicembre 1977 (c.f.: PRR MSM 77T09 E951X); - LUISI Vito, nato a Bitonto il 31 agosto 1978 (c.f.: LSU VTI 78M31 A893G). Sarà cura del Presidente provvedere a far accettare la carica ai sopranominati con atto separato. Art. 10 Quale Presidente viene nominato, a tempo indeterminato, l'ing. Cea Nicola, il quale presente accetta. Il presidente ha la rappresentanza legale della Fondazione. Art.11 L'ing. Cea Nicola, al quale vengono attribuiti tutti i poteri e le facoltà all'uopo necessari, ivi compresa la facoltà di apportare al presente atto e all'allegato Statuto tutte le integrazioni e modifiche che fossero eventualmente richieste dall'autorità competente ai fini del riconoscimento della personalità giuridica, è delegato a compiere tutto quanto necessario per l'iscrizione della Fondazione nel registro delle Persone Giuridiche, (proporre le relative istanze, presentare comunicazioni,sottoscrivere e presentare documentazione). Art. 12 Le spese graveranno come per legge, espressamente richiamandosi ai fini delle agevolazioni fiscali le disposizioni di cui all'articolo 3 del D.P.R. 31 ottobre 1990 n.346, come applicabile ai sensi dell'articolo 2, comma 47, del D.L. 262/2006, convertito in legge 286/2006, e successive modifiche. Richiesto, io Notaio ho ricevuto il presente atto, scritto da persona di mia fiducia con mezzi elettronici e completato di mio pugno su pagine nove di tre fogli, del quale, prima delle firme, ho dato lettura, in presenza dei testimoni, unitamente all'allegato, alle parti che pienamente lo approvano. Il presente atto viene sottoscritto alle ore diciotto e minuti venti. F.ti: Nicola CEA; Lina BAVARO; CEA Damiano; BAVARO Nicola; CIANCIOTTA Francesco Giacomo teste; CAPONIO Giovanni teste; Giuseppe PALMISANO Notaio (c.s.). Allegato A al n di Raccolta. STATUTO DELLA FONDAZIONE Fondazione Michele Cea Art.1 - Origine e natura 1. E' costituita, per iniziativa di Lina Bavaro e Nicola Cea, una Fondazione denominata Fondazione Michele Cea e anche in forma abbreviata Fondazione Cea di seguito la Fondazione. 2. La Fondazione ha piena capacità di diritto privato e risponde ai principi e allo schema giuridico della Fondazione di partecipazione , nell'ambito del più vasto genere di fondazione disciplinato dagli articoli 12 e seguenti del Codice Civile. 3. La Fondazione non ha scopo di lucro ed ha durata illimitata. Art.2 - Sede e territori di operatività La Fondazione ha sede Legale a (CAP 70054) Giovinazzo (BA) in Via Marchese di Rende 15 e sede operativa a Milano. Delegazioni ed uffici saranno costituiti onde svolgere in via accessoria e strumentale rispetto alla finalità della Fondazione - settore 09 promozione della cultura e dell'arte- attività di promozione nonchè di sviluppo ed incremento della necessaria rete di relazioni nazionali ed internazionali di supporto alla fondazione stessa. Art.3 - Scopi La Fondazione, che non ha scopo di lucro, con esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale, vuole ricordare il nome di Michele Cea perseguendo le finalità di promozione e sviluppo delle attività artistico-culturali in partecipazione con soggetti pubblici e/o privati, italiani e/o esteri, favorendo gli artisti, giovani e non, svantaggiati, economicamente o per altra ragione, che necessitano del supporto per realizzare e presentare il loro progetto di vita artistico alla società moderna. Art.4 - Attività strumentali, accessorie e connesse. Per il raggiungimento dei suoi scopi la Fondazione si fissa i seguenti obiettivi: - Promozione di un concorso artistico denominato Premio Michele Cea , in memoria del suddetto artista, nonchè iniziative artistico/culturali in Italia come mostre personali e collettive, tavole rotonde, visite/viaggi artistici/culturali, etc.; - Organizzazione di conferenze, convegni ed eventi in genere con comunicazione su riviste specializzate ed eventuale istituzione di periodici che diffondano tra l'altro anche le attività svolte in seno alla Fondazione medesima; - promozione di raccolte pubbliche di fondi, anche mediante battute d'asta di beni, oggetti e opere atte a questo fine; - Programmazione di percorsi didattici propedeutici ai corsi artistico-letterari; - Progettazione di laboratori di manualità destinati agli studenti della scuola; - Attivare Sportello/Sportelli di supporto psico-pedagogico in relazione alle problematiche dei giovani; - Stipulare ogni opportuno atto o contratto, anche per il finanziamento delle operazioni deliberate, tra cui, senza l'esclusione degli altri, l'assunzione di finanziamenti e mutui, a breve o a lungo termine, la locazione, l'assunzione in concessione o comodato o l'acquisto, in proprietà o in diritto di superficie, di immobili, la stipula di convenzioni di qualsiasi genere anche trascrivibili nei pubblici registri, con Enti Pubblici o Privati, che siano considerate opportune ed utili per il raggiungimento degli scopi della Fondazione; - amministrare e gestire i beni di cui sia proprietaria, locatrice, comandataria, o comunque posseduti; - stipulare convenzioni e contratti per l'affidamento a terzi di parte delle attività nonchè di studi specifici e consulenze; - partecipare e concorrere alla costituzione di associazioni, enti ed istituzioni, pubbliche e private, la cui attività sia rivolta, direttamente o indirettamente, al perseguimento di scopi analoghi a quelli della Fondazione medesima; - promuovere ed organizzare manifestazioni, convegni, incontri, procedendo alla pubblicazione dei relativi atti o documenti, e tutte quelle iniziative ed eventi idonei a favorire un organico contatto tra la Fondazione, gli operatori dei settori di attività della Fondazione e il Pubblico; - erogare premi e borse di studio; - svolgere attività di formazione, corsi e seminari attinenti, direttamente o indirettamente, ai settori d'interesse della Fondazione; - svolgere, in via accessoria o strumentale al perseguimento dei fini istituzionali, attività di commercializzazione, anche con riferimento al settore dell'editoria e degli audiovisivi in genere e della diffusione a mezzo world wide web; - svolgere ogni altra attività idonea ovvero di supporto al perseguimento delle finalità istituzionali; - Svolgere qualsiasi altra attività strumentale, accessoria o connessa agli scopi. Art.5 - Vigilanza L'Autorità Competente vigila sull'attività della Fondazione ai sensi dell'art.25 del Codice Civile. Art.6 - Patrimonio Il patrimonio della Fondazione è composto: dal fondo di dotazione iniziale risultante dall'atto costitutivo, pari ad Euro ,00 (novantanovemila virgola zero zero); - dal Fondo di gestione che è costituito da/per effetto: - dalle opere residue numerate dal numero 6 al numero 24 della perizia giurata del Dottor Alfonso Mula, dei conferimenti da parte di persone fisiche e di altri enti e soggetti dei fondi di riserva costituiti con eventuali avanzi di gestione; - dei conferimenti in proprietà, di beni mobili ed immobili, o altre utilità impiegabili per il perseguimento degli scopi; - dai beni mobili ed immobili che pervengano o perverranno a qualsiasi titolo alla Fondazione, compresi quelli della stessa acquistati secondo le norme del presente Statuto; - dai contributi attribuiti al patrimonio dall'unione Europea, dallo Stato, da Enti Territoriali o da altri Enti Pubblici; - dai contributi e dagli apporti finanziari dei sostenitori e di altri sovventori; - dalle somme derivanti dall'alienazione dei beni patrimoniali che non servono al conseguimento diretto delle finalità istituzionali. Il fondo di gestione è vincolato al perseguimento degli scopi statutari ed è impiegato dalla Fondazione con modalità, idonee a preservarne il valore, a ottenere un rendimento adeguato a svolgere le attività istituzionali e a garantirne la continuazione nel tempo, anche attraverso la diversificazione degli investimenti. Art.7 - Finanziamento delle attività La Fondazione finanzia le proprie attività con: - le rendite e dai proventi derivanti dal patrimonio e dal fondo di gestione della Fondazione medesima, salvo quanto previsto all'art.6; - eventuali donazioni o disposizioni testamentarie, eventuali contributi attribuiti dall'unione Europea, dallo Stato, da Enti territoriali o da altri Enti Pubblici, contributi dei Fondatori- Promotori, dei Co- Fondatori e dei Sostenitori; - ricavi delle attività istituzionali, accessorie, strumentali e connesse; - da ogni altro provento conseguito in relazione alle attività di cui agli artt 3 e 4 del presente Statuto. E' vietata qualsiasi distribuzione, diretta o indiretta, di utili od avanzi di gestione, nonchè di altre riserve durante la vita della Fondazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge, o siano, comunque, effettuate a favore di altre Fondazioni o Enti che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima struttura unitaria. Art.8 - Esercizio Finanziario L'esercizio finanziario ha inizio il 1 Gennaio e termina il trentuno dicembre di ciascun anno. La proposta di bilancio, previa approvazione del Consiglio di Amministrazione, dovrà essere trasmessa al Collegio dei Revisori dei Conti, ai Fondatori ed al Collegio dei Co-Fondatori, ciascuno dei quali, esprimerà il proprio parere nella sua relazione che verrà all'uopo redatta ed infine, la relazione di Bilancio sarà sottoposta all'approvazione finale del Consiglio di Amministrazione. Entro il 30 Aprile successivo il rendiconto economico e finanziario di quello decorso dovrà essere approvato, previa predisposizione e preparazione dal Segretario Generale. Il bilancio consuntivo di esercizio è trasmesso ai Fondatori e al Collegio dei Co-Fondatori, unitamente a una relazione sull andamento della gestione e alla relazione del Collegio dei Revisori dei conti, entro il mese di marzo. I Fondatori e il Collegio dei Co-Fondatori possono, nei quindici giorni dal ricevimento, esprimere il proprio parere sulle proposte. Nella redazione del bilancio consuntivo, costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa, si osservano i principi disposti dagli articoli 2423 e seguenti del codice civile, in quanto compatibili. Qualora particolari esigenze lo richiedano, l'approvazione del rendiconto può avvenire entro il 30 Giugno. Copia del bilancio di esercizio, unitamente al verbale della seduta del Consiglio in cui è stato approvato, dovrà essere depositata nei modi di legge. Gli impegni di spesa e le obbligazioni, direttamente contratti dal rappresentante legale della Fondazione o da membri del Consiglio di Amministrazione muniti di delega che eccedano i limiti degli stanziamenti approvati, debbono essere ratificati dal Consiglio di Amministrazione stesso. Gli eventuali avanzi delle gestioni annuali dovranno essere impiegati per 'attività della Fondazione o per l'acquisto di beni strumentali per l'incremento o il miglioramento della sua attività. Art.9 - Membri della Fondazione I membri della Fondazione si dividono in: Fondatori -Promotori; Co- Fondatori; Sostenitori e Onorari. Art.10 - Fondatori -Promotori Sono Fondatori-Promotori la Prof.ssa Lina Bavaro, nata a Giovinazzo (BA) il 29 novembre 1958 e l'ing. Nicola Cea, nato a San Ferdinando di Puglia (BT) il giorno 8 aprile I Fondatori-Promotori intervengono in tutte le nomine previste dal presente Statuto. Essi potranno designare, anche in via testamentaria, persona destinata a succedere loro nell'esercizio delle prerogative e dei diritti di cui al presente statuto; e così in perpetuo. In caso di decesso di uno dei Fondatori -Promotori che non abbia designato il successore, la sua carica passerà ad un membro Co-Fondatore o Onorario della famiglia di Michele dando la precedenza al Socio che ha il grado di parentela più vicino oppure a quello che più si dedica alla gestione della Fondazione. Art.11 - Co-Fondatori, Sostenitori ed Onorari. Possono divenire Co-Fondatori, con delibera adottata a maggioranza assoluta dal Consiglio di Amministrazione, le persone fisiche e giuridiche, pubbliche o private, e gli enti che contribuiscono al Fondo di Dotazione o anche al Fondo di Gestione, nelle forme e nella misura determinate nel minimo dal Consiglio di Amministrazione stesso ai sensi dell'art.16 del prese
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks