AGGIORNAMENTO AL

Description
ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Direzione generale Servizio sviluppo dei territori e delle comunità rurali PROGRAMMA DI SVILUPPO

Please download to get full document.

View again

of 17
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Research

Publish on:

Views: 0 | Pages: 17

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Direzione generale Servizio sviluppo dei territori e delle comunità rurali PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE TIPO DI INTERVENTO SOTTOMISURA SOSTEGNO A INVESTIMENTI NELLE AZIENDE AGRICOLE PER LA DIVERSIFICAZIONE E SVILUPPO DI ATTIVITA EXTRA AGRICOLE FAQ Risposte ai quesiti frequenti AGGIORNAMENTO AL Quesito N. 1 Non risulta pubblicato l Allegato F (Elenco Comuni inseriti nella Strategia Nazionale Aree interne SNAI). : L Elenco è attualmente in fase di aggiornamento, sarà pubblicato in tempo utile prima della data di presentazione delle domande. Quesito N. 2 Esiste un modello o un format per la Relazione tecnico-economica di cui al punto 1.a) a pag. 23 del bando? : No, non esiste un format. Si rammenta che la relazione deve contenere ed esplicitare gli elementi indicati nel bando al paragrafo 14. Procedure operative, punto b) che, ad ogni buon conto, si riportano di seguito: descrivere in maniera esauriente l azienda ed il suo ordinamento produttivo (le informazioni riportate in merito all ordinamento produttivo devono corrispondere a quelle presenti nel fascicolo aziendale), comprese le attività extra-agricole eventualmente già svolte in azienda; descrivere dettagliatamente le attività extra-agricole previste, con riferimento agli interventi ammissibili di cui al paragrafo 7 Interventi ammissibili del presente bando, e indicare la sede/localizzazione presso la quale le attività saranno svolte. Dovranno inoltre essere indicati i soggetti coinvolti nell attuazione delle attività. Qualora sia previsto l'acquisto di beni mobili, impianti, attrezzature e macchinari, illustrare il collegamento/nesso tecnico con le attività extra-agricole da svolgere; indicare il comune e gli identificativi catastali degli immobili (terreni e/o fabbricati) sui quali si intendono effettuare gli investimenti; descrivere dettagliatamente gli investimenti previsti per ciascun intervento indicato nella domanda di sostegno. Tutti gli investimenti devono essere adeguatamente dimensionati e giustificati, e devono rispettare i limiti previsti dalla L.R. n. 11/2015 e ss.mm.ii.; evidenziare vincoli e obblighi derivanti dalla normativa vigente, dimostrandone il rispetto in relazione alle azioni da realizzare; dimostrare l esistenza del rapporto di connessione e complementarità tra l'attività agricola e quella extra-agricola. Ai fini della dimostrazione dell esistenza del rapporto di connessione e complementarità, oltre all attività extra-agricola oggetto della domanda di sostegno, deve essere considerata anche l attività extra-agricola eventualmente già svolta in azienda. Si deve dimostrare che l'azienda agricola, in relazione alle dotazioni strutturali esistenti ed in progetto, alla tipologia di coltivazioni e di allevamenti praticati, agli spazi per attività extraagricole disponibili ed in progetto e al numero degli addetti impiegati nelle diverse attività agricole, sia idonea a svolgere l'attività extra-agricola nel rispetto di quanto disposto dalla L.R. n. 11/2015 e ss.mm.ii.. Per la dimostrazione dell esistenza del rapporto di connessione e complementarietà si deve fare riferimento alle Direttive di attuazione della legge regionale 11 maggio 2015, n. 11 (Delibera G.R. n. 47/2 del 30 agosto 2016) (Allegato A al presente bando) e alla TABELLA Fabbisogno di manodopera in agricoltura (Decreto Assessore dell Agricoltura n. 2055DecA/50 del 15 settembre 2016) (Allegato B al presente bando); comprovare la sostenibilità economico-finanziaria dell investimento; descrivere l impatto occupazionale derivante dalla realizzazione del progetto. Quesito N. 3 Il progetto deve essere cantierabile? : Al momento della presentazione della domanda di sostegno deve essere prodotto un progetto di dettaglio composto dagli elementi tecnici previsti all articolo 14 Procedure operative, lett. b) del bando. Non è previsto l obbligo di presentare un progetto cantierabile corredato dei titoli abilitativi. Gli stessi titoli dovranno essere comunque prodotti contestualmente alla presentazione della prima domanda di pagamento. Quesito N. 4 Quali sono le tempistiche di attuazione del progetto dal momento del finanziamento? : Il progetto, fatta salva l eventuale proroga concedibile alle condizioni previste dall articolo 14, lettera l), deve essere completato e la domanda di pagamento del saldo finale deve essere presentata: - entro 9 mesi dalla notifica del provvedimento di concessione del contributo per operazioni che prevedono solo l acquisto di beni mobili; - entro 12 mesi per operazioni che prevedono la realizzazione di lavori, opere e impianti tecnologici per un importo totale di spesa ammessa inferiore a euro; - entro 18 mesi per operazioni che prevedono la realizzazione di lavori, opere e impianti tecnologici per un importo totale di spesa ammessa pari o superiore a euro. Quesito N. 5 In caso di terreno in affitto, la concessione edilizia può essere anche del proprietario mentre l affittuario compare nella pratica SUAPE come persona avente titoli per gestire l agriturismo? : No, la concessione edilizia non può essere a nome del proprietario. La titolarità della stessa deve essere a nome del richiedente il sostegno, poiché lo stesso dispone degli immobili nei quali esercita l attività agricola e quella multifunzionale e ne dimostra il possesso con la presentazione di appositi titoli. Nel caso di terreni condotti in affitto o in concessione, deve essere autorizzato dal proprietario all attuazione dell investimento, deve disporre degli immobili e di tutti gli investimenti oggetto di sostegno e mantenere in esercizio l attività produttiva per almeno 5 anni dalla liquidazione del saldo finale (vedasi il paragrafo 16 del bando Impegni del beneficiario). Quesito N. 6 Quando si parla di acquisto di nuovi macchinari e spese generali il 10% viene calcolato sul 50% del contributo? : Il paragrafo 9 Spese ammissibili, lett. b non pone vincoli percentuali di spesa per l acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e arredi. Sarà cura del proponente giustificarne adeguatamente il fabbisogno nella relazione progettuale. Il limite del 10% è invece previsto per i corredi e il materiale minuto. Il calcolo deve essere effettuato sull intero ammontare dell investimento ammesso, con esclusione delle spese generali. Le spese generali (ugualmente nella misura del 10%) si calcolano allo stesso modo sull ammontare dell intero investimento. Il sostegno è concesso nella misura del 50% della spesa ammessa. Quesito N. 7 Tutto ciò che non viene elencato ma fa parte della costruzione, è finanziabile? Es. fossa settica, spese per allaccio connessione internet, allacci vari, giardino ecc.? Sono finanziabili tutte le spese necessarie per l avvio dell attività ad eccezione di quelle espressamente indicate nel bando come non ammissibili. Quesito N. 8 Per chi dovesse prendere il premio di primo insediamento, al finanziamento dei 200 mila euro bisogna sottrarre quel premio? No, il premio di primo insediamento di cui alla sottomisura 6.1 non deve essere sottratto al sostegno massimo di ,00, concedibile con la sottomisura 6.4.1, poiché lo stesso non viene concesso con la regola de minimis di cui al Reg. UE 1407/2013. Quesito N. 9 Qualora l'attività avesse sede legale in un comune e sede operativa in un altro e i due comuni appartenessero a due zone rurali differenti (B,C,D), come si attribuisce il punteggio relativo al principio di selezione 3.a Localizzazione dell azienda agricola? Il bando prevede che, ai fini dell attribuzione del punteggio per la localizzazione, sia la sede legale che quella di svolgimento dell attività extra-agricola ricadano in uno stesso comune rurale della Sardegna (aree B, C, D). Pertanto laddove non vi sia coincidenza il punteggio non può essere attribuito. Quesito N. 10: Nella sottomisura 6.4.1, il paragrafo 8, lett. a) Ambiti di applicazione reca: Gli investimenti possono essere realizzati esclusivamente nelle aree rurali della Sardegna classificate B, C e D. ; è possibile che la sede legale sia a Cagliari (area A) e l'investimento riguardi immobili o terreni in area rurale? Si, è possibile ma per quanto riguarda l attribuzione del punteggio relativo al principio di selezione 3.a Localizzazione dell azienda agricola vedasi la risposta al precedente quesito n. 9. Quesito N. 11 Se non si è proprietari del terreno o dell'immobile che ospiteranno la sede operativa, in che modo si deve dimostrare il diritto reale d'uso? (comodato d'uso, locazione, usufrutto...) Il richiedente deve dimostrare, al fine dell inserimento a fascicolo e attraverso la presentazione ad un CAA autorizzato dei necessari titoli regolarmente registrati, di avere la proprietà e/o il possesso degli immobili in cui svolge l attività agricola e di quelli in cui intende svolgere l attività multifunzionale. Nel caso in cui non si abbia la piena proprietà degli immobili su cui effettuare gli investimenti, gli stessi devono essere appositamente autorizzati dai legittimi proprietari ovvero tale autorizzazione deve evincersi dal titolo prodotto. Si sottolinea, peraltro, che il richiedente deve disporre degli immobili per una durata residua utile a dimostrare il rispetto del vincolo del mantenimento della destinazione d uso dell investimento per almeno 5 anni dalla conclusione dell operazione (pagamento finale). Nel caso in cui la durata residua non sia sufficiente a garantire il rispetto dell impegno, il beneficiario dovrà provvedere, prima dell emissione del provvedimento di concessione, ad aggiornare il relativo contratto e il proprio fascicolo aziendale [vedi paragrafo 14, lettera c) Istruttoria della domanda di sostegno e concessione dell aiuto 14 e 15 capoverso. Quesito N. 12 E finanziabile la costruzione di una piscina in una struttura agrituristica già esistente? Si, è possibile in quanto la legge regionale 11/2015 all articolo 3 Attività agrituristica prevede, tra le altre, la possibilità di svolgimento di attività di pratica sportiva e altre attività ricreative in genere. Inoltre, tra i criteri di classificazione delle aziende agrituristiche che offrono servizi di pernottamento (art. 11 LR 11/ Allegato C alle Direttive di attuazione ) sono ricompresi i requisiti speciali 6.7 E' disponibile una piscina per adulti (vasca interrata, di almeno 2,5 mq per posto letto, con superficie minima di 25 mq e 6.6 Sono disponibili attrezzature per il gioco dei bambini (almeno 3 fra scivolo, giostrina, bilancia, ecc.) o una piscina per bambini (anche fuori terra, minimo 15 mq) necessari per l ottenimento di un numero di girasoli superiore a tre (4 o 5 girasoli). Quesito N. 13 E finanziabile un laboratorio per l estrazione di olii da piante officinali che già coltiviamo, per l essicazione delle stesse e altre trasformazioni più o meno complesse? Gli olii essenziali non sono considerati prodotti agricoli (vedi l Allegato I del Trattato CE e il Capitolo 33 dell Allegato 1 Nomenclatura combinata al Regolamento di esecuzione (UE) 2016/1821 della Commissione, del 6 ottobre 2016, che modifica l allegato I del regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune ; pertanto l avvio di un attività del genere è ammissibile e rientra nel settore della Bioeconomia. Le piante officinali essiccate dovrebbero rientrare nella sottovoce del Capitolo 9 Caffe, Tè, Mate e Spezie della Nomenclatura combinata, pertanto sono da considerarsi prodotti agricoli e quindi non ammissibili. Le altre trasformazioni, più o meno complesse, di piante officinali sono da considerarsi per ogni specifico caso. Si rimanda comunque alla consultazione dell Allegato I del Trattato CE e alla Nomenclatura combinata dianzi citate. Quesito N. 14 Con riferimento al paragrafo 7 Interventi ammissibili, punto 3 Investimenti per la realizzazione di spazi aziendali attrezzati per il turismo a cavallo o con gli asini, compresi quelli per il ricovero, la cura e l addestramento degli animali, con esclusione di quelli volti ad attività di addestramento ai fini sportivi, è ammissibile un operazione collegata alla presenza in azienda esclusivamente di cavalli dei clienti che usufruiscono del servizio di pernottamento, anche se i cavalli non dovessero essere di proprietà dei clienti, ma più semplicemente nella loro temporanea disponibilità, per effettuare un percorso turistico a cavallo? Si, è un operazione ammissibile. Le attività di servizio riguardanti il turismo equestre possono essere svolte sia con animali di proprietà dei clienti sia con animali nella disponibilità, anche temporanea, degli stessi. Quesito N. 15 Con riferimento al paragrafo 7 Interventi ammissibili, punto 5 Investimenti per la realizzazione di spazi aziendali attrezzati per lo svolgimento di attività didattiche e/o sociali in fattoria, nel caso di un progetto che prevede investimenti per svolgere ex novo una o più attività multifunzionali, tali investimenti devono temporalmente precedere quelli di riqualificazione paesaggistica oppure non è previsto questo genere di vincolo. Gli investimenti relativi alla fattispecie indicata possono essere realizzati contestualmente ad altri riguardanti attività ex novo di agriturismo, di fattoria didattica o di fattoria sociale. E però necessario che queste ultime attività vengano autorizzate e svolte a conclusione dell operazione finanziata. Quesito N. 16 Per poter partecipare al bando è indispensabile che gli imprenditori agricoli, oltre ad essere iscritti nel Registro delle imprese della CCIAA ed all Anagrafe delle aziende agricole, siano anche iscritte all Albo della multifunzionalità (e quindi il titolare o uno stipendiato siano operatori della multifunzionalità ufficialmente riconosciuti con i corsi LAORE)oppure no e prenderanno in seguito il titolo? Ad esempio, se un azienda non iscritta all albo volesse costruire uno spazio per l ospitalità come agriturismo o come punto didattico, essa potrebbe farlo e il prossimo anno seguire i corsi LAORE; oppure deve essere iscritta all Albo della multifunzionalità al momento della presentazione della domanda? Il paragrafo 1 del bando testualmente recita: La sottomisura finanzia le imprese agricole che intendono realizzare investimenti... verso attività collegate e complementari (multifunzionalità).... Non è necessario, quindi, essere iscritti nell Albo regionale della multifunzionalità delle imprese agricole e ittiche di cui alla L.R. 11/2015 al momento della presentazione della domanda di aiuto. Tuttavia, sarà necessario acquisire e produrre i titoli necessari per l avvio dell esercizio dell attività multifunzionale in sede di domanda di pagamento del saldo finale del sostegno. Peraltro, si rammenta che un imprenditore agricolo per poter esercitare un attività multifunzionale deve disporre di un operatore qualificato. Si riporta a seguire l art. 23 della L.R. 11/2015: Per lo svolgimento delle attività di cui all'articolo 2, comma 1, lettere a), b), d) ed e) l'imprenditore, o un suo familiare impiegato nell'impresa, deve avere conseguito il certificato di abilitazione all'esercizio della specifica attività e frequentare i successivi corsi di aggiornamento.. L articolo 6 delle Direttive di attuazione della L.R. 11/2015 (approvate con deliberazione della Giunta regionale n. 47/2 del ) inserite cole Allegato A al bando, reca le disposizioni relative ai soggetti che possono conseguire il certificato di abilitazione, nonché le modalità e le tempistiche di acquisizione. Comunque, il possesso del certificato da parte di un dipendente stipendiato non soddisfa il requisito richiesto. Quesito N. 17 Prendiamo il caso di un azienda agricola individuale che ha percepito a fine 2015 un contributo complessivo (in de minimis) pari a ,00. L importo del sostegno che potrebbe percepire nel corso dell esercizio finanziario 2017 sarebbe quindi pari a ,00. Il bando 2017 prevede però come termine ultimo per la presentazione delle domande il ; è quindi poco probabile che nel corso del corrente anno vengano emessi i primi provvedimenti di concessione contributo andando così al 2018 e quindi, pertanto, nel nuovo esercizio finanziario (oltre i tre previsti dal bando). Nella fattispecie in esame, è possibile, quindi, tenendo conto della tempistica su indicata, presentare, nell ambito del bando in essere, un progetto di investimento complessivo per un importo di ,00 e quindi un una richiesta di contributo pari a ,00? Inoltre, nell eventuale caso che il provvedimento di concessione venga emesso nel corso del 2017, l eventuale contributo eccedente richiesto nella fase di presentazione della domanda di sostegno può essere stralciato in sede di istruttoria? Si chiede, infine, di chiarire che cosa si intende esattamente per concessione dell aiuto de minimis: ossia se si tratta della data del provvedimento di concessione dell aiuto, della data del provvedimento di concessione del SAL finale oppure più semplicemente di quella di erogazione del contributo sul conto corrente intestato al beneficiario. L ipotesi formulata dal richiedente con la prima parte del quesito non può trovare risposta positiva. Infatti l articolo 3, comma 7 del Regolamento UE 1407/2013, testualmente recita: In caso di superamento del massimale previsto, non potrà essere concesso l aiuto neppure per la parte che eventualmente non ecceda tale massimale. Pertanto, come riportato anche nelle istruzioni per la compilazione del modello di dichiarazione sugli aiuti de minimis, si ribadisce che, a fronte di una domanda di aiuto di , laddove fosse superato il massimale previsto, l impresa perderebbe il diritto non solo all importo in eccedenza, ma all intero importo dell aiuto richiesto. In altri termini se la domanda di sostegno venisse istruita nell annualità 2017, a fronte di contributi ottenuti con la regola de minimis nel triennio 2015/2017, per un importo di , il soggetto che abbia presentato una domanda di aiuto di si vedrebbe negato il diritto all ottenimento del sostegno e la pratica verrebbe archiviata. Per quanto concerne la seconda parte del quesito, il comma 4 del medesimo articolo 3, testualmente, recita: Gli aiuti «de minimis» sono considerati concessi nel momento in cui all impresa è accordato, a norma del regime giuridico nazionale applicabile, il diritto di ricevere gli aiuti, indipendentemente dalla data di erogazione degli aiuti «de minimis» all impresa. E quindi evidente che il momento della concessione dell aiuto è quello della data del provvedimento amministrativo con cui il sostegno viene concesso. Quesito N. 18 E necessario disporre della cantierabilità degli interventi prima dell invio della domanda? Vedi risposta al quesito n. 3. Quesito N. 19 Se nel progetto relativo alla realizzazione di un agriturismo sono previsti interventi su 4 immobili di nuova costruzione per un importo stimato di , è possibile che l azienda proponga l intero progetto richiedendo il massimale di e decidere, ad esempio, di utilizzare le risorse pubbliche per realizzare interamente tre fabbricati e le strutture portanti del quarto fabbricato e completare lo stesso nei termini temporali imposti dal bando con risorse proprie, anche dietro presentazione di una apposita polizza fidejussoria per la parte di opere non coperte dal finanziamento, al fine di garantire la funzionalità delle opere? O in alternativa sarebbe preferibile chiedere le risorse esclusivamente per la realizzazione di tre fabbricati? Il bando prevede: a. al paragrafo 5 Livello ed entità del sostegno : Per la realizzazione degli interventi finanziabili è concesso un aiuto sotto forma di contributo in conto capitale. L intensità del sostegno è fissata nella percentuale del 50% della spesa ammessa a finanziamento. La spesa ammessa a finanziamento non può essere superiore a ,00. Il sostegno è erogato alle condizioni di cui al Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013, relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell Unio
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks